Google+

I Veilleurs in Francia festeggiano un anno di vita. «Non siamo indignati né partigiani, ma amanti della vita»

aprile 9, 2014 Leone Grotti

Axel, tra i fondatori, descrive i Veilleurs: «Delle vite sono state risvegliate. Come diceva Giussani “le forze che cambiano il corso della storia sono le stesse che cambiano il cuore dell’uomo”»

«Non siamo un gruppo di preghiera e neanche un’assemblea partigiana, non abbiamo una morale o un programma da propagandare. Non siamo guardiani di museo, conservatori dei tempi andati e neanche semplicemente indignati. Noi siamo amanti della vita». Così Axel Noorgard Rokvam descrive al Le Figaro che cosa sono i Veilleurs, uno dei movimenti nati durante il dibattito in Francia sull’approvazione del matrimonio gay e che ieri ha compiuto un anno di vita.

veilleurs-axelPRESA DI COSCIENZA. Axel (foto a fianco), tra i fondatori del movimento, spiega che «gli avvenimenti politici hanno suscitato o resuscitato in molte persone la presa di coscienza di una responsabilità personale davanti ai delitti compiuti contro il significato dell’uomo e alla dissoluzione dei legami sociali, a cominciare dai legami familiari. (…) Noi siamo aperti a tutti, il nostro è un movimento gratuito, non confessionale e non partigiano».

«COME DICEVA GIUSSANI». Le riunioni dei Veilleurs, «una cinquantina a settimana» in tutta la Francia, sono fatte da persone che si riuniscono nelle piazze di sera, seduti, per ascoltare letture e cantare, sono degli «incontri» che vanno oltre il semplice trovarsi e «raggiungono il profondo di ogni persona», perché «come diceva don Luigi Giussani “le forze che cambiano il corso della storia sono le stesse che cambiano il cuore dell’uomo”».

«VITE RISVEGLIATE». «A Parigi – continua Axel – siamo un pugno di giovani che sono diventati amici e che si riuniscono a vegliare una volta al mese. Ogni città agisce in autonomia ma eccezionalmente, questo 8 aprile, abbiamo proposto a tutti di vegliare nello stesso momento».
A un anno dalla nascita dei Veilleurs, qual è il bilancio? «Non si può fare un bilancio esaustivo di circa 3 mila veglie. So solo che a Parigi alcune persone hanno assunto impegni politici, creato associazioni al servizio del bene comune, delle vite sono state “risvegliate”. Sono anche previsti in estate due matrimoni seguiti a incontri durante le veglie».

PERCHÉ MANIFESTARE ANCORA. Un segno positivo è che dopo un anno il movimento è ancora «vivo»: «I Veilleurs sono nati anche in Italia, dove le “sentinelle” si riuniscono a centinaia anche se in forma un po’ diversa. Tutto mi fa pensare che questa riappropriazione dello spazio pubblico si sta installando in modo duraturo. Si sente dire spesso che non c’è più ragione di manifestare. Ma basta venire a una veglia per capire che noi non ci limitiamo al tema della filiazione ma che ci allarghiamo a una riflessione più vasta sull’uomo, la libertà, la giustizia, la vita e la morte».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Chris scrive:

    Anche i gay in Francia festeggiano un anno di MATRIMONIO, diritti civili e inneggiano alla vita senza ficcare il naso nella sessualità degli altri.

  2. michele scrive:

    Non è vero: impedendo di criticare le vostre follie imponete a tutti di accettare in silenzio ogni perversione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana