Google+

Hunger Games, una trilogia su ideologia e potere

luglio 3, 2012 Letizia Mariani

Recensione de Il Canto della Rivolta, terzo e ultimo libro della trilogia Hunger Games scritta da Suzanne Collins

Il quindici giugno è stato pubblicato in Italia Il Canto della Rivolta, terzo e ultimo libro della trilogia Hunger Games scritta da Suzanne Collins. Best seller mondiale di ventisei milioni di copie, la trilogia è ambientata in un Nord America post-apocalittico rinominato Panem, settantacinque anni dopo la rivolta dei dodici distretti contro l’opprimente Capitol City e la presunta distruzione del Distretto 13. Per ricordare al popolo che esso è proprietà di Capitol City, quest’ultimo crea gli Hunger Games: ogni anno tutti i distretti sorteggiano due tributi (un ragazzo e una ragazza) tra i dodici e i diciotto anni, che vengono portati a Capitol City e presentati a Panem come celebrità prima di essere rinchiusi in un’arena dove dovranno combattere ed uccidere finché rimarrà un solo vincitore; tutto questo viene proiettato live in televisione e seguito come un reality show. Katniss Everdeen, la protagonista dei libri, prende il posto della sua sorellina Prim quando questa viene sorteggiata, e si trova nell’arena con Peeta Mellark, il ragazzo che, qualche anno prima, le aveva salvato la vita.

La realtà degli Hunger Games è senza dubbio violenta e crudele ed ha scatenato molte critiche, tuttavia non è altro che una versione romanzata del ruolo del potere nel ventunesimo secolo. «Il mio intento è far riflettere i lettori su quali aspetti della storia riconoscano o abbiano a che fare con la loro stessa vita», ha spiegato Collins a Libreriamo.it. «Se trovano questi aspetti inquietanti, spero che si chiedano cosa fare per cambiarli». Questi “aspetti inquietanti” si vedono specialmente nei media che vengono sfruttati per manipolare sottilmente il pubblico, proprio come Capitol City manipola i suoi abitanti attraverso lusso materiale e sfilate eleganti dei tributi, per distrarli dalla crudeltà degli Hunger Games. Durante un’intervista con Scholastic, la casa editrice del suo libro, Collins parla del nesso che c’è tra il marketing di vari film, videogiochi e prodotti, e il comportamento passivo della società che lei ha voluto comunicare attraverso i suoi libri. «C’è un potenziale per anestetizzare il pubblico così che quando vedono una vera tragedia, questa non ha l’impatto che dovrebbe avere».

Nella serie è evidente la battaglia tra «la purezza del proprio “io”», ed il potere che manipola, riassunta da Peeta quando dice: «Non voglio perdere me stesso, non voglio che mi trasformino in una specie di mostro che non sono. Continuo ad augurarmi di trovare un modo di dimostrare a quelli di Capitol City che non sono una loro proprietà. Che son più di una semplice pedina». In quella scena inizia la resistenza contro il potere che cancella l’“io”, perché Katniss si accorge che «ci sono giochi peggiori» della morte nell’arena di cui era così preoccupata; quello che importa realmente è non perdere se stessi. Nell’arena la ragazza si affeziona alla dodicenne Rue e quando la bambina viene uccisa, Katniss, piena di dolore, copre il corpo dell’amica di fiori così che tutta Panem possa vedere il suo gesto e riconoscere che Rue è un essere umano; questo suo gesto accende la prima scintilla di ribellione che parte dal Distretto 11, dove viveva Rue. Anche il rapporto che Katniss instaura con Peeta alimenta la fiamma della rivolta perché, al posto di essere percepiti dal popolo come parte dei Giochi, i due ragazzi sono visti come due giovani che si vogliono bene e che morirebbero piuttosto che uccidere l’altro. La battaglia finale che Katniss combatte contro il potere è nell’aiutare Peeta a ritrovare se stesso quando, essendo stato particolarmente torturato da Capitol City, una volta rilasciato non ricorda più la ragazza. Questo fatto mostra la crescita umana di Katniss che capisce che combattere per quello che si ama è più importante e più potente rispetto a combattere per un ideologia.

Nell’ultimo libro la Collins si concentra molto, invece, sull’uomo che perde se stesso davanti al potere. Gale Hawthorne (miglior amico di Katniss), ragazzo di animo libero e un po’ rivoluzionario, acquisisce potere tra i ribelli grazie ai suoi ideali convinti contro Capitol City e alla sua personalità da leader. A differenza di Peeta, Gale non combatte per il proprio “io” o per il bene di qualcun altro, ma combatte per vendetta; così il ragazzo si perde nella sua ideologia che diventa violenta al punto che, per dare il colpo finale a Capitol City, Gale crea delle bombe che uccidono gran parte dei bambini di quella città.

La trilogia Hunger Games è una lettura veloce e ben scritta che fa riflettere sul significato di mantenere il proprio “io” e su quanto è facile perdersi davanti alle lusinghe di ideologia e potere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Roscoe Escorza scrive:

    I simply want to mention I am just very new to blogs and honestly liked you’re web page. Very likely I’m planning to bookmark your website . You surely come with good articles and reviews. Regards for sharing with us your website page.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana