Google+

Ha una taglia sulla testa da 10 milioni di dollari, ma tiene conferenze stampa in pubblico

aprile 12, 2012 Leone Grotti

Hafiz Saeed, leader islamista sospettato di aver architettato un attentato in India nel 2008 dove sono morte 168 persone, vive in Pakistan, a Lahore, e dopo aver saputo della taglia che gli Stati Uniti hanno messo sulla sua testa, ha indetto una conferenza stampa: «Sono qui, non mi nascondo. L’America dovrebbe dare a me quei soldi».

«Se l’uomo che ha escogitato tutto questo può trovare lavoro al Dipartimento di Stato americano, allora io posso diventare presidente degli Stati Uniti». Detto da un membro della sicurezza del Pakistan, paese che ha un rapporto a dir poco tormentato con l’America, accusato com’è di proteggere diversi tipi di terroristi, non è un bel complimento. Ma l’ironia qualche ragion d’essere ce l’ha. Si è mai visto infatti un ricercato, con una taglia sulla testa da 10 milioni di dollari, tenere una conferenza stampa pubblica davanti al quartier generale dell’esercito pakistano e a meno di un’ora di distanza dall’ambasciata americana? Decisamente no, ma può succedere se ci si trova in Pakistan e se l’indiziato è Hafiz Saeed.

Ex professore di studi islamici, il leader islamista di 61 anni è sospettato di avere architettato l’attacco terroristico del 2008 a Mumbai, capitale economica dell’India, dove sono morte 166 persone, tra cui sei americani. Diversi milioni di dollari spettano a chiunque sia in grado di fornire informazioni attendibili che possano essere usate contro di lui in un regolare processo. Il fondatore di Lashkar-e-Taiba, una delle organizzazioni militari più potenti dell’Asia del sud, accusato di essere anche l’organizzatore di un attacco al Parlamento indiano nel 2001, vive in Pakistan e dirige la coalizione estremista Difesa del consiglio pakistano. Gli Stati Uniti lo ricercano come terrorista, in Pakistan viene chiamato «patriota».

E trovarlo non è affatto difficile. Abita a Lahore, in un compound all’estrema periferia della città, e gira senza problemi per le strade. Lo si può incontrare in piazza, per intenderci. Dopo aver saputo della taglia, Saeed non ha fatto niente per nascondersi, anzi, si è recato a Rawalpindi, di fianco alla capitale Islamabad, dove ha tenuto una conferenza stampa pubblica: «L’annuncio è ridicolo. Sono qui, davanti a tutti, non mi nascondo in una grotta» ha detto da un hotel a soli 40 minuti di macchina dall’ambasciata americana che si trova a Islamabad e a pochi passi dal quartier generale dell’esercito pakistano, che riceve miliardi di dollari dagli Stati Uniti. «Io sono qui, visibile da tutti» ha continuato. «L’America dovrebbe dare a me la ricompensa». Scornati, gli Stati Uniti hanno precisato attraverso il portavoce del Dipartimento di Stato Mark Toner: «Sappiamo tutti dove si trova, ogni giornalista del Pakistan sa come trovarlo, ma noi cerchiamo informazioni che possano essere usate contro di lui in un’aula di tribunale».

Non si tratta di una vera e propria taglia, dunque. Ma in Pakistan non hanno comunque preso bene la decisione americana, come afferma un membro della sicurezza: «La posizione di Saeed è stata chiarita davanti ai nostri tribunali.  Lui si è sempre battuto perché i raid dei droni americani venissero fermati. Non ha mai detto niente di male, anzi, è un patriota». Nonostante la spavalderia di Saeed, però, ora qualche preoccupazione c’è tra i suoi. Si teme che l’appoggio istituzionale e popolare del Pakistan non sia sufficiente: «Quando la gente vedrà la possibilità di far soldi, non ci sarà modo di salvarlo. Solo Dio può aiutarlo».
@LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana