Google+

Grecia. «A causa dei tagli i nostri ospedali sono diventati pericolosi»

gennaio 3, 2017 Leone Grotti

Michalis Giannakos, a capo del sindacato degli impiegati negli ospedali pubblici greci, denuncia l’austerity: «Muoiono pazienti che potrebbero sopravvivere»

Il sistema sanitario della Grecia è sull’orlo del collasso e «pazienti che sarebbero potuti sopravvivere stanno morendo per colpa degli obiettivi fiscali da rispettare». Sono forti le accuse di Michalis Giannakos, a capo del sindacato degli impiegati negli ospedali pubblici greci. Secondo l’infermiere, i tagli fatti nel nome dell’austerità per ottenere aiuti dall’Unione Europea hanno trasformato «i nostri ospedale in zone pericolose».

ALMENO TREMILA MORTI. Circa il 10 per cento dei pazienti ricoverati nelle strutture sanitarie greche rischiano di sviluppare infezioni fatali a causa della mancanza di personale e di prodotti adeguati a mantenere la pulizia negli ospedali. Tremila persone sono morte per questo motivo tra il 2011 e il 2012, afferma una ricerca del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, e da allora la situazione è costantemente peggiorata, secondo Giannakos.

MILIARDI DI TAGLI. «Ormai ogni 40 pazienti c’è solo un infermiere», dichiara al Guardian. «Spesso i malati dormono su letti che non vengono disinfettati, perché lo staff degli ospedali ha così tanto lavoro che non riesce neanche a lavarsi le mani come dovrebbe. Anche volendo, poi, molte volte manca il sapone». Nel 2014, la Grecia ha destinato il 4,7% del Pil alla sanità, contro il 9,9% del periodo pre-crisi. Più di 25 mila, tra medici e infermieri, sono stati licenziati. Il governo di Alexis Tsipras ha annunciato di voler rimediare alla situazione assumendo 8 mila medici e dottori nel 2017, ma non è chiaro se sia in grado di farlo. Dal 2009, sono stati tagliati già 5 miliardi di euro alla sanità, 350 milioni di euro solo nel 2016.

MANCA TUTTO. Oltre al personale, mancano anche scorte di medicinali, così come «guanti, cateteri e fazzoletti», afferma Yiannis Papadatos, a capo del reparto di terapia intensiva di uno dei tre ospedali pediatrici di Atene. «Quando il nostro ospedale finisce le scorte, faccio il giro tra gli amici per chiedere aiuto e fondi». In molti ospedali non vengono più effettuati neanche i test del sangue perché i fondi per il laboratorio sono stati tagliati.

«SANITÀ COMPROMESSA». Perfino il Fondo monetario internazionale ha recentemente riconosciuto che in alcuni casi i tagli sono stati così pesanti che «servizi pubblici di base come i trasporti e la sanità sono stati compromessi». Se il presente è drammatico, il futuro non promette niente di buono: a maggio il governo ha approvato nuovi tagli in molti settori per 5,4 miliardi e gli studenti di medicina cominciano a espatriare. «I migliori se ne vanno perché sanno che qui in Grecia non potrebbero sviluppare le loro potenzialità», ammette Michalis Samarakos, docente presso la facoltà di medicina dell’università di Atene. «Il problema sta crescendo. Già oggi non abbiamo più tirocinanti in nefrologia. E senza tirocinanti, gli ospedali non possono funzionare».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana