Google+

Giappone spegne l’ultimo reattore nucleare. «Disastro per economia e ambiente»

maggio 5, 2012 Leone Grotti

Il Giappone spegne il suo 54mo reattore: pagherà la sua scelta 1.500 mila miliardi. Disastro anche per l’ambiente.

Oggi l’ultimo dei 54 reattori del Giappone è stato ufficialmente spento. Il Giappone godeva dei vantaggi dell’atomo dal 1966 e fino all’incidente di Fukushima l’energia atomica forniva al paese un terzo del suo fabbisogno energetico. Il governo non ha «una politica energetica chiara, manca una strategia», ha detto Tetsuya Endo, ex diplomatico giapponese, ma si prevede un forte aumento del prezzo dell’energia. Tra l’altro, è di questi giorni la notizia che la Germania, dopo la decisione di fare a meno del nucleare, si è ritrovata con un deficit di 10 gigawatt. Grennpeace ha chiesto al governo di «cogliere l’opportunità di un Paese denuclearizzato per ascoltare finalmente i suoi stessi esperti e il popolo giapponese che chiede di tenere spenti i reattori e di concentrare ogni sforzo per aumentare l’efficienza energetica e l’uso delle energie rinnovabili».

Il Giappone però non ha mai dichiarato ufficialmente, a 14 mesi dal terremoto e dal conseguente maremoto che ha sconvolto il paese, di volere rinunciare all’atomo. Molti dei reattori sono stati chiusi per manutenzione o per controlli di routine, anche se ancora nessuno è stato riattivato. Rinunciare al nucleare per il Giappone significa spendere almeno 1.500 miliardi di euro in più all’anno e non è chiaro se il paese può permettersi queste cifre. Molti analisti riprendono il ragionamento che era stato fatto negli anni ’70, quando la politica nucleare subì un’accelerata enorme: «Abbiamo capito che se continuiamo a importare petrolio, il paese collasserà. Ciò di cui abbiamo bisogno è di un sistema nuovo, cioè il nucleare».

Preoccupazione arriva anche da molti ambientalisti. Infatti, l’arresto del nucleare non può che portare all’aumento dell’utilizzo del super inquinante carbone fossile. Diceva così un mese fa a tempi.it Michael Shellenberger, direttore del Breakthrough Institute, un importante think tank ambientalista: «Un sacco di gente è convinta che il mondo potrebbe andare avanti solo con l’energia eolica ma questo è assolutamente ridicolo. Se vogliamo davvero ridurre le emissioni di gas serra, abbiamo bisogno del nucleare. Ma a questo la gente non pensa».

E sulla scelta di spegnere tutti i reattori nucleari afferma: «Il Giappone ha reagito in modo troppo emotivo. Nell’ultimo anno, le emissioni di gas serra del paese sono aumentate del 4 per cento, nonostante il paese abbia consumato il 10 per cento di energia in meno rispetto all’anno prima. Questo perché hanno usato più gas naturale e petrolio, non potendo più sfruttare l’energia generata dai reattori nucleari. Così, non solo il Giappone sta spendendo molto di più ma crea anche più danni per la pubblica salute, incrementando l’inquinamento. Quindi ha decisamente sbagliato».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana