Google+

«Il genocidio degli armeni? Sono stati gli stessi armeni travestiti da turchi»

aprile 23, 2015 Leone Grotti

La Turchia prova in tutti i modi a negare il genocidio armeno, anche con ipotesi grottesche. Ma stasera la Chiesa canonizzerà un milione e mezzo di martiri

Armenians living in Greece protest outside the Turkish Embassy

Domani, nella capitale armena Erevan, si celebrerà il centenario del genocidio degli armeni (1915-2015) per mano degli ufficiali dell’Impero ottomano. Nonostante la Turchia continui a dire di essere «dispiaciuta», di riconoscere che ci sono state vittime in Anatolia e di negare solo che si sia trattato di «genocidio», i fatti degli ultimi giorni raccontano un’altra storia.

BOICOTTAGGIO. Il leader della repubblica serba di Bosnia e Erzegovina, Milorad Dodik, ha denunciato le autorità turche per avergli impedito di usare il loro spazio aereo per recarsi a Erevan a commemorare il genocidio. Ankara ha risposto negando tutto e affermando di aver dato tutte le autorizzazioni necessarie, ma Dodik ha ribadito: «Avevano dato tutte le autorizzazioni, ma poi le autorità turche non mi hanno permesso di sorvolare il loro spazio aereo. Ho aspettato quattro ore e mezza in un aeroporto bulgaro ma ho atteso invano».

«GENOCIDIO? FATTO DAGLI ARMENI». L’incapacità turca di riconoscere le proprie responsabilità non si limita a dei trucchetti per impedire che qualche leader raggiunga Erevan domani, ma sfocia in un rinnovato negazionismo. Ieri il professore universitario Cevdet Kırpık, docente alla Erciyes University (provincia di Kayseri), è stato intervistato dall’agenzia di Stato turca Anadolu sul genocidio e ha dichiarato: «Secondo i nostri studi condotti sui documenti presenti negli archivi ottomani, gli armeni si sono travestiti da curdi, lazi, circassi e turchi per attaccare i loro stessi villaggi, uccidendo il loro stesso popolo con lo scopo di riuscire a ottenere l’indipendenza», riporta il quotidiano turco Hurriyet.

I VERI DOCUMENTI. Secondo la ricostruzione del docente universitario, «razziando i villaggi travestiti da ufficiali turchi, gli armeni volevano fomentare una rivolta degli armeni contro gli ottomani per ottenere l’indipendenza». Inutile dire che i documenti presenti negli archivi ottomani sono radicalmente diversi da quelli presenti in tutti gli archivi di tutti gli Stati del mondo, che descrivono nel dettaglio come la fazione dei Giovani turchi eliminò un milione e mezzo di armeni in otto anni per costruire uno Stato-nazione turco.

OLTRE UN MILIONE DI SANTI. Davanti a questi fatti valgono poco le condoglianze espresse l’anno scorso dal presidente Erdogan o quelle di pochi giorni fa del premier Davutoglu. Il negazionismo turco non impedirà però alla Chiesa apostolica armena di canonizzare stasera, con una funzione religiosa solenne, un milione e mezzo di martiri. «Per il popolo armeno è sorta una nuova alba – aveva annunciato in un messaggio il patriarca armeno ortodosso Karekin II – Dio ha voluto che la nostra gente, condannata a morte da un piano genocida, sia riuscita a vivere e risorgere, in modo da poter presentare questa giusta causa davanti alla coscienza dell’umanità e al diritto delle genti, per liberare il mondo dalla callosa indifferenza di Pilato e dalla negazione criminale della Turchia. La nostra Santa Chiesa offrirà il 23 aprile un servizio speciale per canonizzare i suoi figli e figlie che hanno accettato il martirio come santi “per la fede e per la patria”, e proclamerà il 24 aprile come “Giornata del ricordo dei Santi Martiri del Genocidio”».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. maurizio says:

    La Verità,comunque,alla fine trionfa sempre!!

  2. Cisco says:

    Dopo i cripto-giudei siamo ai cripto-armeni: non c’è limite al ridicolo.

  3. Filippo81 says:

    Autogenocidio quindi,,,, i vertici turchi ragionano come quelli dell’isis

    • Menelik says:

      No, caso mai come i colti della sinistra italiana col “terrorismo di Stato” per coprire le responsabilità del KGB: lo Stato italiano si sarebbe autoattentato mettendosi le bombe in modo da poter giustificare la “repressione borghese” ed avere un pretesto per fermare la spontanea evoluzione democratica del popolo verso l’instaurazione di un governo comunista in Italia.

  4. Sebastiano says:

    E su tutto svettano, insuperati e insuperabili, il silenzio vigliacco e la codardia connivente della politichetta nostrana, per non parlare di quanto dicono i “moderati islamici” di casa nostra, sempre pronti a berciare su tutto ma non su quello che gli duole.
    Schifosi entrambi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi