Google+

Genocidio armeno. «La mia ultima scoperta rimuoverà l’ultimo mattone del muro negazionista turco»

aprile 24, 2017 Redazione

Oggi ricorre il 102mo anniversario dello sterminio. Lo storico turco Taner Akcam parla al New York Times dell’ultimo «fondamentale» documento ritrovato sul coinvolgimento dell’Impero Ottomano

genocidio-armeno-armin-t-wegner

«Ho trovato la pistola fumante che mancava. Questa scoperta è un vero terremoto e spero che rimuoverà l’ultimo mattone nel muro negazionista». Taner Akcam, storico turco presso l’università Clark di Worcester, ha dedicato decenni di studi e ricerche a provare che il genocidio armeno è stato condotto e premeditato dai fondatori della moderna Turchia. Ora, spiega al New York Times, ha trovato la prova che gli mancava.

GENOCIDIO ARMENO. Oggi ricorre il 102esimo anniversario del genocidio armeno. Tra il 1915 e il 1923 un milione e mezzo di armeni vennero sterminati sotto l’Impero Ottomano in disfacimento all’inizio della Grande Guerra, dominato fin dal 1908 dal partito ultranazionalista dei “Giovani Turchi”. Gli armeni, che si erano stanziati in Anatolia secoli prima dell’arrivo dei sultani islamici, si trovarono improvvisamente colpevoli di vivere nella propria terra e di essere armeni. Cioè non turchi, quindi ostacolo alla creazione di quella nazione omogenea dal punto di vista etnico e religioso favoleggiata dai sostenitori del motto “la Turchia ai turchi”. Alla tragedia il nuovo numero di Tempi, in edicola da giovedì, dedica un ampio e nutrito servizio sulla mostra Metz Yeghern a Milano.

«PROVA FONDAMENTALE». Akcam, il docente turco, ha finalmente ritrovato e decifrato un documento «fondamentale»: si tratta di un telegramma in codice inviato nel 1915 da Behaeddin Shakir, alto ufficiale dell’Impero Ottomano residente nella città turca di Erzurum, per chiedere i dettagli delle deportazioni e del massacro degli armeni in Anatolia. Considerato uno degli organizzatori del genocidio, è stato processato per crimini contro l’umanità anche a causa del citato telegramma, poi sparito. Shakir sfuggì alla condanna a morte di un tribunale militare, per essere assassinato pochi anni dopo a Berlino.

TELEGRAMMA RITROVATO. Il telegramma, ha ricostruito il professore, è stato spedito in Inghilterra insieme a migliaia di altri documenti nel 1922, quando gli armeni rimasti a Istanbul temevano che le prove sarebbero state distrutte dai turchi. Da qui i documenti sono arrivati a Gerusalemme, passando per la Francia. L’archivio dove sono conservati non è mai stato aperto ad Akcam, che ha trovato però una foto del telegramma a New York, nelle mani del nipote di un monaco armeno sopravvissuto al genocidio. Questi, negli anni Quaranta, si era recato a Gerusalemme per fotografare tutto su consiglio di un giudice ottomano che aveva condotto i processi sullo sterminio alla fine della guerra.

«RICONOSCERE GLI ERRORI». Il telegramma criptato è stato decifrato e rappresenta una prova inequivocabile della volontà del governo di sterminare sistematicamente gli armeni. «Io sono turco», spiega Akcam, «e credo fermamente che la democrazia e i diritti umani potranno essere stabiliti in Turchia solo se il paese affronta la sua storia e ammette i suoi errori». Anche se, conclude, credo che «nonostante le prove ci vorrà molto tempo».

Foto Armin Wegner

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.