Google+

Gender: di nuovo una teoria imposta come verità per vie amministrative. Ma non ci eravamo detti “mai più”?

febbraio 4, 2014 Luigi Amicone

Apprendiamo dal New York Times che «gli stati membri dell’Unione Europea sono obbligati a seguire la cosiddetta politica del “gender mainstreaming”». È un’obbligatorietà impersonale e ingiusta

gender-scuola-tempi-copertinaIl 27 gennaio, Giorno della Memoria, ci siamo di nuovo impegnati per questo: perché non accada “mai più” che una teoria (nel caso, della “razza ariana”) definisca persone e gruppi sociali “sotto-uomini” (Untermenschen). “Mai più” una teoria che la Germania hitleriana impose al suo interno con l’istruzione, la violenza, la propaganda di Stato. E all’esterno. Ottenendo con le armi (ma anche senza, vedi caso Italia) la collaborazione all’Olocausto. È ormai provato che lo sterminio degli ebrei venne eseguito con la partecipazione attiva dei cittadini. Tedeschi e non solo tedeschi. E che esso avvenne per “vie amministrative”, in un clima di “normalità” che si stenta ancora oggi a credere. Ma che ancora ai nostri giorni riemerge perfino in uno degli ideatori delle teorie naziste e razziste, nelle lettere rimaste fino ad oggi inedite del gerarca Himmler a sua moglie. «Himmler si recava in visita di ispezione al campo di sterminio di Auschwitz con lo stesso spirito di un turista che si mette in viaggio», ha notato un commentatore.

Come è stato possibile perdere ogni cognizione del bene e del male? Come è potuto accadere in Europa – non nell’Europa medievale, ma nell’Europa dei nostri nonni e degli Einstein – non “solo” lo sterminio di sei milioni di ebrei, ma anche di centinaia di migliaia di persone ritenute “inferiori”, malati mentali, incurabili, preti cattolici, zingari, testimoni di Geova, cristiani pentecostali, omosessuali?

Bisogna ricordarsi bene queste cose. E poi farsi domande tipo: ma di cosa parlano oggi, anno 2014, certi “mantra” che suggeriscono di considerare gli uomini il livello più basso di “madre natura”? Ma gli italiani sanno (e i popoli europei?) che a cominciare dagli asili e passando per tutte le scuole e le università, la “teoria del gender” è la nuova “verità” sull’Uomo? Sanno, come apprendiamo nell’editoriale del New York Times in biasimo e disprezzo delle resistenze dei cattolici polacchi, che «gli stati membri dell’Unione Europea sono obbligati a seguire la cosiddetta politica del “gender mainstreaming”», ovvero l’applicazione della “teoria del gender” alle politiche pubbliche? E da chi è stata resa “obbligatoria” tale “verità”? Qualcuno ha chiesto il nostro parere? Avete votato voi qualcosa in proposito?

È un’obbligatorietà impersonale. Procede per vie amministrative (direttive, raccomandazioni, pareri) che i funzionari prendono di peso da Bruxelles e altri funzionari applicano fin nella scuoletta di provincia, nell’iniziativa patrocinata dal piccolo comune, nel programmino tv di bassa cucina nazional popolare. Così, teorie per lo meno discutibili diventano paradigmi indiscussi di una costruzione statale collettiva, a cui “il cittadino della strada” si adegua (anche per non aver rogne da ddl Scalfarotto). E le leggi standard per l’eutanasia e l’agenda gay, per l’eugenetica e l’aborto intesi come “diritti riproduttivi”, da dove promanano? Dalle stesse “vie amministrative”. Dal medesimo processo impersonale che si conclude con la ricezione, accettazione, implementazione a livello di nazione, città, borgo, scuoletta, delle “direttive”.

“Ce lo dice l’Europa”? Mai più. Mettiamo in discussione questa Europa, prima che questa Europa metta in discussione “persone e gruppi sociali”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

39 Commenti

  1. luca scrive:

    questo articolo ormai rasenta la follia!

    • beppe scrive:

      luca ( non mi sei per niente caro) qui di follia c’è solo quella di chi fa calare dall’alto delle normative a senso unico ( di pensiero) calpestando natura, tradizioni, senso comune e religioso. una dittatura vergognosa perchè non ha volto ma non è meno violenta. che pretende di dettare legge su temi delicatissimi, mette le mani sui bambini scavalcando le famiglie. la nostra è solo legittima difesa, visto che per la paura non fanno votare i popoli su questi argomenti,

      • filomena scrive:

        Veramente la dittatura e quella vostra del pensiero unico e di quella che chiamate legge naturale. Il problema però e che la natura può anche essere maligna e chi ha anche solo un po’ di sale in zucca trova il modo di difendersi. Se non fosse così saremmo ancora all’età della pietra

        • giovanna scrive:

          Caro “filomena ” se tu sei una donna, come quegli altri “rita” e “anna ” e altri ancora, io sono un corazziere !

          • filomena scrive:

            Cara corazziere
            Mi spiace per te ma io sono proprio una donna e come tale contesto la dottrina cattolica che vorrebbe le donne sottomesse..ops complementari all’uomo

      • Danx scrive:

        Per ora le uniche cose calate dall’alto sono le croci nei luoghi pubblici e l’ora di religione che è solo cattolica.

    • Antonio scrive:

      la follìa sono le imposizioni ideologiche dell’Europa, contrarie ad ogni buon senso, decenza, morale (che brutta parola…), dignità. E questo a prescindere dalla religione.

  2. Alberto scrive:

    Follia pura quella di Tempi. E per fortuna che si è ricordato che anche i gay furono sterminati dai nazi-fascisti (sì cari, c’eravamo anche noi italiani in questa orgia di follia dei tedeschi). Cosa ci ha insegnato quell’orrore che per sempre griderà vendetta nella storia dell’uomo? Nulla. Oggi i gay vengono ancora perseguitati, derisi, osteggiati, emarginati. Sono ancora “Untermenschen”. Grazie CL e cattolici di destra, alla faccia di papi e appelli alla non discriminazione.

    • Piero scrive:

      Certo, basta vedere certe trasmissioni TV, o leggere certi giornali per vedere chi è che è veramente “deriso, osteggiato, emarginato”. Basta provare ad organizzare qualche incontro che non è d’accordo con il pensiero unico galoppante per vedere chi è che va con la violenza verbale, e a volte fisica, a cercare di impedirlo……

      • Alberto scrive:

        prova a tenerti per mano con un uomo per strada, o a stare a braccetto. Vediamo poi cosa ti succede!

    • Giuseppe scrive:

      Alberto, se ci fosse il premio Nobel della banalità e delle frasi fatte lo vinceresti di sicuro (ovviamente a pari merito con famosi opinionisti televisivi e di Repubblica & Corrierone). Ma di quale persecuzione di gay vai cianciando? Persino l’UNAR [l’ufficio naz. antidiscriminazione razziale, in pratica il nuovo “grande fratello” del governo italiano] non riesce a fornire numeri significativi in proposito. E perché? Perché non ci sono! Ma presto li inventeranno, perchè quando si vuole sostenere a tutti i costi una teoria, si inventano i numeri e si riscrive perfino la storia e la cronaca.
      Vai a leggerti “1984” di Orwell, in particolare la prima parte dove si racconta del mestiere che fa il protagonista Winston Smith [il falsificatore di cronaca e storia, appunto, per conto del governo].
      E smettila di tirare in ballo Papa Francesco [non ci vuole un premio Nobel come te per capire a chi si riferisce quel “alla faccia di papi”, scritto con la (freudiana?) minuscola].
      Francesco non giudica l’omosessuale, ma giudica l’omosessualità, altro che balle! [leggi la “Evangelii gaudium”, possibilmente senza la lente deformante dei due giornaloni di cui sopra o altri simili].
      Quanto al pezzo di Amicone che giudichi “pura follia”, è invece di una lucidità esemplare. Certo, il tono è schietto e può sembrare duro ma, si sa, la verità ti fa male ….” [per concludere citando Caterina Caselli, il cui livello culturale è una spanna sopra la media dell’intellighenzia europea attuale].
      Stammi bene!

      • luca scrive:

        ti basti dire che si fanno matrimoni contro i nostri matrimoni, più discriminazione di quello

      • Fulgencio scrive:

        Ma basta, continuate pure a crogiolarvi nelle vostre verità bibliche e imporre al mondo le vostre straordinarie virtù. Ma per favore lasciate da parte paragoni con il nazismo e l’olocausto, altrimenti rischiate di perdere gli ultimi bricioli di credibilità e dignità rimasti. Questo articolo è un insulto al giornalismo e all’intelligenza umana.

  3. Mirko scrive:

    Non mi pare follia, questa. L’argomentazione è un po vaga secondo me, ma il fatto sussite, esistono direttive UE che i popoli non hanno deciso. Certo, si potrebbe fare un bel referendum “preventivo” su certe cose, tipo per ribadire che l’ordinamento italiano dovrà continuare a far riferimento a “padre” e “madre”. Chi davvero ci tiene dovrebbe muoversi per promuoverli.

  4. prof scrive:

    io ci avrei tirato dentro anche l’11 settembre

  5. Chris scrive:

    Meno male, dico io, che ci pensano le Istituzioni Europee ad insegnare la tolleranza, il rispetto e la fraternità ai cattolici.

  6. Jack scrive:

    Occorre vedere o rivedere “La rosa bianca” e capire cosa può resistere a questa banalità del male.
    E poi custodirlo, farlo crescere, tramandarlo ai figli come la cosa più preziosa.

    Get up! Stand up!

  7. Chris scrive:

    scusate: meno male, dico io, che ci pensano i cattolici ad insegnare la tolleranza, il rispetto e la fraternità alle istituzioni europee

    • Chris scrive:

      scusa perché cerchi di clonarmi? non sei capace di argomentare con dei contenuti tuoi e con un nome tuo?

      • Chris scrive:

        Scusa scusa.. ho fatto confusione. Parlo per slogan e mi faccio imboccare dal mainstream e vi chiedo quindi: perché cercate di clonarmi? mi insegnate ad argomentare con dei contenuti? Grazie

  8. Fulgencio scrive:

    Paragonare la campagna per i diritti gay col nazismo è da ricovero psichiatrico.
    Articolo spregevole su un “giornale” spregevole. Dovete solo vergognarvi.

  9. Fulgencio scrive:

    Paragonare la campagna per i diritti lgbt con il nazismo è da ricovero psichiatrico.
    Articolo spregevole pubblicato su un “giornale” spregevole. Dovete solo vergognarvi.

    • luca scrive:

      sottoscrivo….

      • Piero scrive:

        Tranquilli, adesso con la legge anti-omofobia potrete finalmente arruolarvi nella gaystapo a dare la caccia ai sporchi omofobi cattolici e sbatterli in galera, in ospedali psichiatrici o in qualche bel campo di rieducazione tipo Unione Sovietica o Cina dei bei tempi ………

        • giovanna scrive:

          Grazie Amicone per questo articolo.
          E’ proprio vero, si vuole introdurre la “verità” del gender di soppiatto, per via amministrativa, spaventando coloro che ancora riconoscono cosa è un uomo, cosa è una donna, cosa è un matrimonio e cosa è una famiglia.Certo che è anche incredibile che dopo l’eugenetica e l’eutanasia nazista si torni a praticare l’eugenetica e l’eutanasia così, come se niente fosse,immersi per l’ennesima volta nella storia nella banalità del male
          E concordo con l’intervento di Jack: come c’è stata “la rosa bianca “, ci sarà un manipolo di persone che difenderà l’uomo davanti alla menzogna.
          Ma di macerie ce ne saranno tante e i primi ad esserne travolti saranno questi sempliciotti ideologizzati, che non vedono ad un palmo dal loro naso, concentratissimi solo sul loro ombelico, utili strumenti, utili idioti calza perfettamente, del nuovo totalitarismo che avanza.

        • luca scrive:

          piero, certo è che per ora quelli picchiati e con meno diritti sono i gay e tu ci stai a parlare di un mondo in cui le cose sono rovesciate? chissà magari un giorno sarà così e sbaglieranno ma certo che tu non puoi negarmi le mie libertà perchè hai paura che io possa un giorno negarti le tue, altrimenti ci chiudiamo tutti in casa con un fucile e ciao

  10. Fulgencio scrive:

    Sottoscrivo pure io Luca che sottoscrive Riequilibrio che sottoscrive Fulgencio.. non sottoscrivo Chris perché è un po confuso e mi manda in confusione più di quello che son già con tutti sti nick da gestire..

    • Carlo2 scrive:

      Sottoscrivi pure.
      Intanto ti faccio notare che, commentando l’articolo su Francia/Manif, Riequilibrio ha definito i cattolici “umanità inferiore”.

  11. luca scrive:

    la Scozia ha legalizzato il matrimonio gay! un altra battaglia di civiltà è vinta.
    e voi cosa fate? fate ancora finta che sia solo la Francia ad essersi svegliata?
    ammettetelo la vostra teoria va in frantumi e a voi non vi si fila più nessuno fuori da questa penisola bigotta

    • VivalItalia scrive:

      Daje Luca!!! Ancora qlche post e pure noi ci convertiamo all’agendagay

      • luca scrive:

        no ma ancora qualche paese e l’italia la spostano tra il medio oriente e la Russia. siamo sempre più isolati culturalmente, praticamente grazie a voi siamo un paese del terzo mondo… grazie tante

  12. Danx scrive:

    Eutanasia no, ma stare innaturalmente attaccati da vegetali ad una macchina sì..
    Tanto finché non ci sarà in tutti i Comuni il testamento biologico qui neanche menzionato (http://www.associazionelucacoscioni.it/campagna/testamento-biologico), non si correrà alcun rischio di poter morire “serenamente”, senza dover stare pateticamente incollati al lettino ospedaliero fino a quando non si sa.
    Aborto no, neanche quando lo sperma è di provenienza ignota, anzi ben nota, leggasi alla voce “stupratore”.
    Poi se uno nasce da una suora o da una ragazza-madre (cioè single e meglio se povera e che va a sopravvivere in qualche convento irlandese) viene ucciso e gettato nelle fosse comuni, come appunto in Irlanda.
    Molto interessanti, belle e lodevoli le vostre ipocrisie.
    PS: ma perché odiate i diversi sessualmente parlando? Lo sapete che pur essendo pieno di omosessualità, gli etero continuano ad essere la maggioranza? Prova ne é il fatto che il mondo ha ormai 7 miliardi di persone. Io direi: ben vengano gli omosessuali e chi è contro la riproduzione umana come me!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana