Google+

Un secondo sindaco francese si rifiuta di celebrare un matrimonio gay e invoca l’obiezione di coscienza

giugno 21, 2013 Leone Grotti

Jean-Yves Clouet, sindaco di Mésanger, ha dichiarato: «Siamo una zona a forte tradizione cristiana, tanti sindaci hanno il mio stesso problema»

Dopo quello di Jean-Michel Colo, il sindaco di Arcangues che appellandosi alla libertà di coscienza si è rifiutato insieme a tutti i suoi aggiunti di sposare una coppia omosessuale, è scoppiato un nuovo in caso in Francia. Anche Jean-Yves Clouet, sindaco di Mésanger, 30 chilometri da Nantes, non ha voluto celebrare un matrimonio gay, nonostante sia stata approvata da poco la legge Taubira che li autorizza: «Nella nostra regione rurale a forte tradizione cristiana siamo in tanti sindaci con lo stesso problema di coscienza – ha detto – Porrò il mio dilemma all’Associazione dei sindaci francesi».

LIBERTÀ DI COSCIENZA. Clouet ha ricevuto la solidarietà del Collettivo dei sindaci per l’infanzia, il cui portavoce Franck Meyer ricordava a tempi.it: «La legge sul matrimonio gay è legittima perché adottata a maggioranza dal Parlamento. Francois Hollande però l’anno scorso ha detto a Parigi durante il congresso dei sindaci che la legge si applica per tutti ma nel rispetto della libertà di coscienza. Ripeto: nel rispetto della libertà di coscienza». Secondo oltre 20 mila tra sindaci e aggiunti «nessuno dovrebbe essere costretto a fare qualcosa contro la sua coscienza. In questi casi, tocca al procuratore della Repubblica prendere disposizioni perché la legge venga applicata in altro modo».

LA PETIZIONE. Pochi giorni fa, anche la Manif pour tous ha lanciato una petizione per difendere il diritto dei sindaci e degli aggiunti all’obiezione di coscienza: « Questa legge urta profondamente le coscienze e mette in difficoltà coloro che sono chiamati a celebrare i matrimoni, cioè i sindaci e i loro aggiunti. Noi chiediamo solennemente al presidente della Repubblica di tornare sui suoi passi: che la legge sulla libertà di coscienza nell’applicazione della legge Taubira sia rispettata per tutti i sindaci, gli aggiunti e gli ufficiali dello Stato civile».

SANZIONI. Nel caso del sindaco di Arcangues Colo, il governo di Hollande ha minacciato sanzioni che vanno dalla sospensione temporanea dalla carica pubblica, a un’ammenda di 45 o 75 mila euro fino a tre anni di prigione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download