Google+

Un secondo sindaco francese si rifiuta di celebrare un matrimonio gay e invoca l’obiezione di coscienza

giugno 21, 2013 Leone Grotti

Jean-Yves Clouet, sindaco di Mésanger, ha dichiarato: «Siamo una zona a forte tradizione cristiana, tanti sindaci hanno il mio stesso problema»

Dopo quello di Jean-Michel Colo, il sindaco di Arcangues che appellandosi alla libertà di coscienza si è rifiutato insieme a tutti i suoi aggiunti di sposare una coppia omosessuale, è scoppiato un nuovo in caso in Francia. Anche Jean-Yves Clouet, sindaco di Mésanger, 30 chilometri da Nantes, non ha voluto celebrare un matrimonio gay, nonostante sia stata approvata da poco la legge Taubira che li autorizza: «Nella nostra regione rurale a forte tradizione cristiana siamo in tanti sindaci con lo stesso problema di coscienza – ha detto – Porrò il mio dilemma all’Associazione dei sindaci francesi».

LIBERTÀ DI COSCIENZA. Clouet ha ricevuto la solidarietà del Collettivo dei sindaci per l’infanzia, il cui portavoce Franck Meyer ricordava a tempi.it: «La legge sul matrimonio gay è legittima perché adottata a maggioranza dal Parlamento. Francois Hollande però l’anno scorso ha detto a Parigi durante il congresso dei sindaci che la legge si applica per tutti ma nel rispetto della libertà di coscienza. Ripeto: nel rispetto della libertà di coscienza». Secondo oltre 20 mila tra sindaci e aggiunti «nessuno dovrebbe essere costretto a fare qualcosa contro la sua coscienza. In questi casi, tocca al procuratore della Repubblica prendere disposizioni perché la legge venga applicata in altro modo».

LA PETIZIONE. Pochi giorni fa, anche la Manif pour tous ha lanciato una petizione per difendere il diritto dei sindaci e degli aggiunti all’obiezione di coscienza: « Questa legge urta profondamente le coscienze e mette in difficoltà coloro che sono chiamati a celebrare i matrimoni, cioè i sindaci e i loro aggiunti. Noi chiediamo solennemente al presidente della Repubblica di tornare sui suoi passi: che la legge sulla libertà di coscienza nell’applicazione della legge Taubira sia rispettata per tutti i sindaci, gli aggiunti e gli ufficiali dello Stato civile».

SANZIONI. Nel caso del sindaco di Arcangues Colo, il governo di Hollande ha minacciato sanzioni che vanno dalla sospensione temporanea dalla carica pubblica, a un’ammenda di 45 o 75 mila euro fino a tre anni di prigione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana