Google+

Fondazione Welfare Ambrosiano, «un mix di pubblico, privato e volontariato»

maggio 17, 2012 Carlo Candiani

Parla Romano Guerinoni, direttore generale di Fondazione Welfare Ambrosiano: «Diamo sostegno ai lavoratori che non hanno più accesso ai crediti bancari. E li ascoltiamo, perché spesso sono persone sole».

Recessione, crisi economica, accesso al credito per le piccole imprese a conduzione familiare, oltre che ai nuclei familiari stessi, disoccupazione, occupazione giovanile: sono tanti i problemi con i quali la società italiana si scontra quotidianamente. E che costituiscono i motivi di difficoltà spesso insormontabili che popolano quella zona grigia in cui si incrociano le povertà e i fenomeni di esclusione sociale. Contingenze che il microcredito potrebbe aiutare a superare. Questa è in sintesi la “mission” di Fondazione Welfare Ambrosiano, aperta poco più di un anno fa. Le sue origini sono da ricercare agli inizi degli anni ’80 «quando i sindacati sul territorio milanese stabilirono, nei rinnovi dei contratti aziendali, una quota per iniziative di carattere sociale». Romano Guerinoni, direttore generale della FWA, racconta a Tempi.it «che quelle risorse furono usate per la realizzazione di mense e di asili nido, due problemi urgenti. Dopo quegli interventi, le somme sono rimaste congelate per anni. Tre anni fa le sigle sindacali hanno coinvolto il Comune (con la giunta Moratti), la Camera di Commercio e la Provincia, rilanciando l’utilizzo di queste quote e approfittando della disponibilità dei soggetti coinvolti per istituire una Fondazione che rispondesse alle nuove necessità che il mondo del lavoro milanese pone.

L’opera della Fondazione agisce su due fronti che caratterizzano l’economia italiana: la media e piccola imprenditoria e le famiglie. Realtà, che in questo momento, sono tra i soggetti più deboli del panorama economico e fiscale italiano.
Più che sulle medie e piccole imprese, noi operiamo su tutti i lavoratori, con ogni forma di contratto. Ci fermiamo alle ditte individuali, perché la nostra garanzia è sulla persona, società con capitali o gestite da più soci non rientrano nella nostra missione. Diamo sostegno alle realtà più deboli perché normalmente in una condizione di difficoltà economica diventano anche “non bancabili”, nel senso che non riescono ad avere più merito creditizio. La funzione della Fondazione, con l’iniziativa del microcredito, è proprio quella di aiutare questi soggetti “non bancabili” ma sostenibili, nel senso che, se aiutati, ce la possono fare.

Spesso le banche sono accusate di abbandonare al proprio destino persone che con il supporto giusto potrebbero migliorare la loro situazione.
Fino a tre anni fa, a dir la verità, le banche erano state fin troppo generose. Ma quando è arrivata la crisi, le persone che fino a qualche anno fa non avevano solo l’apertura di credito sul conto corrente, ma anche il mutuo, il finanziamento dalla società finanziaria, la “Carta Revolving”, improvvisamente non erano più meritevoli di credito e la banca ha smesso di elargire denaro facilmente.

La Fondazione invece ha attivato un circolo virtuoso con le realtà bancarie. Come avete fatto?
Con la pazienza. Abbiamo fatto capire alle banche disponibili che il credito garantito dalla Fondazione a questi soggetti è una possibile via d’uscita. Sappiamo benissimo che le banche non sono assistenti sociali, a loro abbiamo chiesto di correre un piccolo rischio, garantendo alla fine un reddito buono.

In che modo usate solidarietà e accoglienza verso chi, d’istinto, non avrebbe il coraggio di uscire allo scoperto, denunciando la propria situazione?
Noi operiamo sul territorio con una ventina di sportelli attraverso i quali diamo ascolto alle persone in difficoltà che spesso sono da sole, non hanno parenti con cui parlare. Per noi fare rete è fondamentale.

Il ruolo del volontariato è importante?
Assolutamente sì. Senza il volontariato la Fondazione non potrebbe funzionare. Abbiamo un sessantina di volontari che ci danno una mano altrimenti non potremmo sopportare a livello di costi una struttura del genere.

Le famiglie italiane generalmente hanno un buon rapporto con il risparmio, ma quanto potrà durare ancora?
Da quello che vediamo, il risparmio è stato bruciato. Chi si rivolge a noi è già parzialmente indebitato, ma ci sono situazioni così estreme che rendono impossibile l’operazione del microcredito.

Come giudica le attuali iniziative legislative in ambito fiscale che riguardano le famiglie?
Sono come sempre un po’ deboli. L’Italia è un paese strano: per cultura e per attenzione nei dibattiti pubblici il termine famiglia è sempre molto utilizzato ma poi, nella concretezza, tra la teoria e la pratica c’è uno scarto notevole.

La Fondazione opera sul territorio metropolitano milanese. Avete notizie di esperimenti simili  avviati nel resto del territorio nazionale? O rimanete un unicum?
Ci sono già state iniziative di microcredito in giro sul territorio, ma la nostra originalità sta nella composizione dei soci: un mix di pubblico e privato sostenuto dal volontariato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download