Google+

Follie della trasparenza. Ora i parlamentari francesi devono “confessare” i propri peccatucci alla deontologa

aprile 30, 2013 Redazione

Noëlle Lenoir veglierà affinché i rapporti tra vita pubblica e privata dei parlamentari francesi e dei loro familiari soddisfino il «legittimo desiderio di trasparenza del cittadino»

Il parlamento francese ha la sua deontologa: Noëlle Lenoir, giurista ed ex ministro degli Affari europei tra il 2002 e il 2004, quando Jacques Chirac era presidente della Repubblica. A cosa serve una deontologa? A vegliare affinché i rapporti tra attività pubblica e privata dei 577 deputati avvengano sempre alla luce del sole, senza scadere mai in potenziali conflitti d’interesse. A nominare Lenoir deontologa è stato Claude Bartolone, esponente del Partito socialista francese ed attuale presidente dell’Assemblea nazionale. Lenoir è stata, per l’occasione, intervistata da Italia Oggi.

TRASPARENZA. «La democrazia non è naturalmente in discussione», ha esordito Lenoir, che poi ha chiarito: «Il ruolo di deontologo è stato creato per prendere in conto le attività dei parlamentari all’esterno del loro ruolo puramente istituzionale. Come dire che le vite parallele dei deputati devono soddisfare il legittimo desiderio di trasparenza da parte del cittadino». Detto altrimenti, si tratta di «migliorare il sistema di dichiarazioni che già oggi devono essere fatte dai parlamentari e dai membri del governo, in particolare rispetto al loro patrimonio personale e di famiglia».

DICHIARAZIONE. In quanto deontologa, pertanto, Lenoir, riceverà, «una nuova dichiarazione dei deputati: quella che illustrerà le loro attività private, gli investimenti (al di là di una determinata soglia) e, in generale, le attività dei membri della famiglia nel corso dell’ultimo quinquennio». Lenoir potrà anche ascoltare i deputati “in camera caritatis”, in segreto, per prendere atto di eventuali “peccatucci” in termini di conflitto di interessi.
L’istituzione della figura del deontologo segue lo scandalo che ha coinvolto l’ex ministro del Bilancio Jérome Cahuzac, indagato perché disponeva in Svizzera e a Singapore di un conto segreto, la cui esistenza aveva negato di fronte al Parlamento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.