Google+

Egitto, tremila salafiti bruciano case dei cristiani. «È finito il tempo di chiuderci nelle chiese»

febbraio 11, 2012 Leone Grotti

In un villaggio vicino ad Alessandria, sulla base di false accuse, tremila salafiti bruciano le case dei cristiani e obbligano molte famiglie a scappare. Intervista al capo ufficio stampa della Chiesa cattolica in Egitto, padre Rafic Greiche: «È gravissimo e il governo non fa niente. Ma c’è speranza, è venuto il momento di lottare per i nostri diritti in Parlamento».

«Le accuse sono assolutamente false. Non c’è nessuna foto, è solo un pretesto per minacciare i cristiani, bruciare le loro case e farli scappare». Così padre Rafic Greiche, capo ufficio stampa della Chiesa cattolica in Egitto, commenta quanto avvenuto nelle ultime due settimane a Kobry-el-Sharbat, piccolo villaggio vicino ad Alessandria. Qui una folla di tremila salafiti ha dato fuoco a case e negozi di cristiani sulla base di false accuse. Un barbiere musulmano, Toemah, ha accusato un sarto copto di 34 anni, Mourad Samy Guirgis, di avere sul cellulare foto “erotiche” di una donna musulmana. Mourad ha negato le accuse e si è consegnato alla polizia, temendo per la sua vita. La sua famiglia però è stata obbligata a lasciare il villaggio insieme a molte altre famiglie, espulse di fatto a forza dalla violenza degli estremisti islamici.

Quante famiglie copte ci sono nel villaggio?
Sono più di 60 e rappresentano il 35% della popolazione del villaggio. Già tante sono state costrette a scappare. E voglio far notare che il governo e il ministro degli Interni non hanno fatto niente per proteggere i copti, si sono disinteressati di questa situazione gravissima. Quel villaggio è molto piccolo, abitato da gente povera, e per questo i salafiti sono riusciti ad entrare così facilmente. Vogliono prendere il potere al di là della legge.

Come mai hanno attaccato i cristiani copti?
Ogni volta inventano una scusa diversa. A volte è perché un cristiano si accompagna a una donna musulmana, a volte perché una donna cristiana ha problemi con un uomo musulmano. Questa volta hanno accusato il sarto di avere delle foto erotiche di una donna musulmana nel cellulare. Ma è tutto assolutamente falso. La verità è che i salafiti usano questi pretesti per cacciare i cristiani usando la forza e la violenza: Stanno sparando e bruciando le case dei cristiani.

Perché il governo e il Parlamento non fanno niente per fermarli?
In parlamento è composto per il 23 o il 24 per cento da salafiti e nessuno vuole scontrarsi con loro. Il ministro degli Interni, invece, è assolutamente debole.

Voi non avete chiesto di intervenire?
Abbiamo chiesto a papa Shenouda, capo della Chiesa ortodossa copta e patriarca di Alessandria, di provare a intervenire dietro le quinte per aiutare il villaggio. Ma la situazione è molto difficile e non so se si riuscirà.

Si sono svolte le prime elezioni democratiche dell’Egitto. Un buon segno anche se hanno vinto i musulmani?
Il 45 per cento del Parlamento è occupato dai Fratelli Musulmani, il 23 o il 24 dai salafiti. Quindi possiamo dire che il 70% è islamico. Però l’aspetto positivo è che ci sono anche sette cristiani ed è la prima volta che vengono eletti dal popolo. Non era mai successo con Sadat o Mubarak. In più, il Consiglio supremo delle forze armate ne ha nominata un’altra. Quindi sono otto. Il partito liberale e il blocco egiziano, poi, in queste prime tre settimane si sono comportati molto bene. Fino ad ora hanno lottato per la laicità e la libertà. Ma bisogna anche dire che i Fratelli Musulmani stanno cercando un terreno comune con i liberali e non vogliono assolutamente associarsi ai salafiti.

Non siete spaventati dalle minacce dei salafiti e da un Parlamento a stragrande maggioranza islamico?
Per i cristiani è finito il tempo di essere difesi da un dittatore. Ora vogliamo un presidente civile e vogliamo fare politica, non dobbiamo nasconderci tra le mura delle chiese. Siamo in Parlamento e dobbiamo combattere per i nostri diritti.

Che speranza ci può essere per i cristiani in un Egitto dove tremila salafiti possono bruciare case e negozi di copti senza che nessuno intervenga?
L’Egitto è casa nostra, è la nostra terra. Ora siamo nel mezzo della tempesta e ci vorranno quattro o cinque anni perché si calmi. Ma si calmerà, c’è sempre speranza.
twitter: @LeoneGrotti

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    LA COSA CHE FA INCAZZARE E’ CHE I SALAFITI PRENDONO ORDINI E SONO SOVVENZIONATI DA UN FAMOSO PAESE ARABO “ALLEATO” ED “AMICO” DELL’OCCIDENTE.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana