Google+

Egitto, chiuso il Monastero di Santa Caterina. Si temono gli attacchi degli islamisti

settembre 5, 2013 Redazione

Il celebre monastero, meta di pellegrinaggi e turismo, dava lavoro agli abitanti della zona. La sua chiusura sta affamando l’intera zona

Tratto dal sito erebmedioriente.tumblr.com Le autorità ne hanno ordinato la chiusura a causa del rischio attacchi dopo gli assalti islamisti avvenuti dal 14 al 17 agosto. Nel corso degli ultimi 50 anni, il Monastero di Santa Caterina ha chiuso le sue porte per due volte: nel 1977, quando l’ex presidente Anwar Sadat ha fatto la sua storica visita a Gerusalemme, e nel 1982, quando l’esercito egiziano è entrato Sinai dopo il ritiro delle forze israeliane.

Fondato nel IV secolo dopo Cristo, il monastero è da secoli meta di pellegrinaggi e turismo. La sua chiusura sta affamando l’intera zona che vive proprio grazie al luogo di culto.

“Stiamo soffrendo una grave crisi – p. Paolos, monaco – non possiamo coprire le spese del monastero e delle decine di famiglie che vivono grazie a noi”.

Con i suoi oliveti, viti, produzione di miele e altri impianti agricoli, il monastero di Santa Caterina impiega 400 lavoratori della comunità locale. Nella città di Santa Caterina del Sinai, molte famiglie di beduini che vivono grazie alla presenza dei monaci sono state costretta a vendere i loro cammelli per poter sopravvivere.

Nonostante gli appelli della comunità e delle autorità religiose, lo Stato non sta facendo nulla per la popolazione, anche se da anni trae beneficio dal luogo. Per entrare nella città di Santa Caterina, ogni turista deve pagare un biglietto di 5 euro. L’amministrazione del monastero spiega che tra il 2004 e il 2011 la media è stata di 4mila alla settimana.

Santa Caterina è anche un crocevia per il turismo d’avventura dei safari. La tribù Jabaleyya offre da 1600 anni i suoi cammelli per la traversata dal Cairo al Sinai. I suoi uomini, tutti musulmani, proteggono da secoli la comunità ortodossa che vive nella cerchia del monastero. Ahmed Mousa, 17 anni, racconta che per sfamare la sua famiglia ha dovuto vendere il suo unico cammello. Suo padre è morto circa 7 anni e dalla tenera età di 10 anni è lui il capo famiglia. “Nutrire un cammello – spiega – costa circa 80 euro al mese. Quando accompagnavo i turisti riuscivo a fare tutto questo, ora è impossibile. Grazie a Dio, ho venduto il cammello per un prezzo equo, ma questo è sufficiente solo a sfamare la mia famiglia per qualche mese e nel momento in cui il turisti torneranno non sarò nemmeno in grado di riprendere il lavoro!”.

Sostenere la popolazione costerebbe al governo circa 64mila euro al mese, denaro che potrebbe ricavare dagli introiti dei biglietti, mai spartiti con la comunità locale. “Non stiamo chiedendo al governo milioni di dollari – afferma Ahmed – stiamo solo chiedendo cibo per i cammelli. Venderli significa distruggere la nostra vita per sempre”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download