Google+

Ecco la lista nera degli “omofobi”, colpevoli di aver difeso il matrimonio fra uomo e donna

gennaio 10, 2013 Benedetta Frigerio

Sono stati pubblicati alcuni nomi di persone licenziate o sanzionate per aver espresso un parere o per aver fatto obiezione di coscienza.

L’associazione The Coalition for Marriage ha pubblicato una lista di alcune persone punite per aver difeso, in diversi casi e per diversi motivi, la necessità di preservare l’unicità del matrimonio tra uomo e donna. In Gran Bretagna, Adrian Smith, è stato retrocesso e il suo salario decurtato del 40 per cento solo per aver detto che per la Chiesa il matrimonio omosessuale è «un’uguaglianza che si spinge troppo in là». Ha scritto queste parole sulla sua pagina privata di Facebook, visibile solo agli amici, fuori dall’orario di lavoro, ma questo non è servito alla sua difesa.
A pagare 3 mila e 600 sterline per aver deciso di affittare le camere matrimoniali del proprio Bed&Breackfas solo a coppie sposate (non le davano neppure a fidanzati o conviventi eterosessuali) sono invece Peter e Hazelmary Bull.
Mentre l’autista inglese Arthur McGeorge ha subìto azioni disciplinari da parte del suo datore di lavoro solo per aver firmato una petizione sul matrimonio naturale, proponendola anche ai suoi colleghi.
Ugualmente, il preside di una scuola inglese, Bill Beales, ha ricevuto una chiamata di sospensione dopo aver fatto notare durante un’assemblea scolastica che molte persone erano messe sotto accusa solo perché convinte che il matrimonio debba essere unicamente tra un uomo e una donna.
C’è chi è arrivato al licenziamento, come Lillian Ladele, ufficiale di stato civile inglese, che aveva chiesto ai propri datori di lavoro di non apporre la sua firma sui documenti relativi alle unioni omosessuali.
Anche in America i casi di discriminazione al contrario non sono pochi. Angela McCaskill, impiegata presso l’università di Gallaudet di Washington Dc, è stata sospesa per aver fatto firmato una petizione in cui si chiede che siano i cittadini a scegliere se ridefinire il matrimonio o meno.

LE MINACCE DI MORTE. E se le azioni giudiziarie o le sanzioni lavorative si possono ancora contare, le minacce o le discriminazioni verbali sono invece di più. Tra le più note, quelle di morte giunte al parlamentare inglese David Burrowes, che ha sostenuto che il matrimonio gay, soprattutto dopo il riconoscimento delle unioni civili, è inutile. Insieme a lui, l’arcivescovo di York, John Sentamu, che, avendo espresso disapprovazione circa l’azione del governo per la ridefinizione del matrimonio, ha ricevuto una grave email di minaccia su cui la polizia sta indagando. Anche la giornalista inglese del Daily Mail Melanie Phillips è stata minacciata di morte al telefono e via email per aver denunciato l’intolleranza dilagante verso chi solo la pensa diversamente dall’opinione dominante.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

Il marchio Seat ha la sportività incisa in modo indelebile nel proprio DNA. Un’inclinazione caratteriale impossibile da nascondere persino quando a Martorell hanno a che fare con una SUV. Ecco allora che la Ateca, la prima sport utility della storia della Casa spagnola, beneficia della versione FR (Formula Racing), sinora riservata alle “cugine” Ibiza e […]

L'articolo Seat Ateca FR: il SUV ha un’anima sportiva proviene da RED Live.

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana