Google+

È la fine degli accordi fra gentiluomini. Da oggi si gioca in campo aperto

febbraio 17, 2017 Alan Patarga

Non più multilaterali, ma bilaterali. In mezzo ci saranno dazi, certo, ma anche concorrenza fiscale per attrarre (o trattenere) investimenti e posti di lavoro e pure guerra valutaria

trump-insediamento-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

«Immaginate che stagione della storia stiamo vivendo: il Wto è stato immaginato con gli accordi di Bretton Woods, uno degli assi portanti della governance mondiale voluta proprio dagli americani» e adesso quegli stessi americani, con minacce di dazi e muri, rischiano di finire fuori dall’Organizzazione mondiale del commercio. Non poteva essere più chiaro, il ministro Carlo Calenda nello spiegare la “stagione Trump”, un periodo “senza rete” in cui le certezze che l’Occidente si è costruito sembrano destinate a sgretolarsi.

I dazi e i muri, si diceva. Che poi bisognerebbe dire che i muri, tra l’America e il Messico, già ci sono da circa vent’anni, e che i dazi non sono novità della Trumpnomics. Anzi: un dossier di Crédit Suisse dice che gli Stati Uniti sono già dai dorati tempi obamiani il paese più protezionista del mondo. La Cina è al nono posto, per dire. E così, tra la retorica sovranista di The Donald e l’appeasement forse strategico forse no tra l’Europa e la Cina, in quel di Davos (Svizzera) abbiamo scoperto che il campione mondiale della globalizzazione è il leader comunista cinese Xi Jinping. Grande equivoco, più che nemesi storica. Pechino ha individuato il ventre molle, noi glielo mostriamo senza pudore, bisognosi di sponde e soldi freschi. L’America s’attrezza, l’Europa s’offre. In mezzo la Russia, poco rilevante economicamente, ma ancora decisiva sul piano geopolitico, ormai più vicina a Washington che a Bruxelles.

Fronti che si scompongono e cartelli che vengono meno. Perché tutto sommato il Wto e la globalizzazione, che hanno portato ricchezza e benessere dove non c’erano (con costi sociali in parte ancora da contabilizzare e cessioni di sovranità invece già verificate) questo erano: un grande cartello, un accordo tra gentiluomini per commerciare in santa pace, tutti (più o meno) ad armi pari. Sappiamo che non è stato proprio così, che la Cina soprattutto ha giocato al limite delle regole. Trump e la Brexit rompono questo schema: Theresa May ha detto che il Regno Unito esce dall’Europa politica per diventare una “Global Britain”.

Si gioca in campo aperto: ciascuno con i propri prodotti e con la propria arte di stringere accordi commerciali. Non più multilaterali, ma bilaterali. In mezzo ci saranno dazi, certo, ma anche concorrenza fiscale per attrarre (o trattenere) investimenti e posti di lavoro e pure – già si capisce – guerra valutaria, con svalutazioni competitive e altri arnesi che pensavamo confinati a un passato di mercantilismo arcaico. E invece chi non ci starà, o chi avrà minor forza contrattuale, soccomberà. Ma non sarà la fine del mercato, piuttosto ne vedremo la faccia feroce. Quella della concorrenza pura.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download