Google+

Drop Box. Il film sul pastore sudcoreano che salva centinaia di «bambini buttati via»

febbraio 15, 2015 Benedetta Frigerio

La vita del pastore di Seul Lee Jong-Rak raccontato in un documentario americano. Tutto cominciò con una domanda rivolta a Dio: «Perché mi hai dato un figlio handicappato?»

jong-rak-leeVi abbiamo già parlato di Lee Jong-Rak, il pastore protestante di Seul che nel 2009 ha installato una “baby box” (una specie di culla di metallo) davanti alla sua comunità di accoglienza. Così, dal 1998 ha raccolto decine di bambini abbandonati, molti dei quali disabili. La sua storia ha fatto il giro del mondo ma sarebbe rimasta negli archivi dei quotidiani se Brian Ivie, allora studente di cinematografia all’Università della Sud California, se la fosse dimenticata. Invece il regista alle prime armi, terminati gli studi, decise di andare in Corea dopo aver raccolto i fondi necessari per girare “Drop Box” (cassetta delle donazioni), un documentario sull’opera di carità “Comunità dell’amore di Dio” fondata dal pastore sudcoreano, che la guida insieme a sua moglie e conta ormai circa 300 volontari.

«BAMBINI BUTTATI VIA». Presente all’anteprima del film, che uscirà nelle sale americane all’inizio di marzo, Lee ha spiegato ai giornalisti come l’opera di carità, che ospita venti bambini consegnandone centinaia alle autorità per l’adozione, sia sorta grazie a suo figlio, nato gravemente disabile. Attraverso quel figlio deformato e bisognoso di assistenze continue, ha spiegato al Christian Post, «riuscii a vedere la sofferenza degli altri». Tutto cominciò con una domanda rivolta a Dio: «Perché mi hai dato un figlio handicappato?», a cui il Signore rispose mostrandogli la grandezza della vita attraverso quella debolezza. «Quando la culla fu installata, pensavo che non sarebbe arrivato nessun bambino», continua, e invece «Dio mi ha permesso di vedere quanto [quei bambini] siano preziosi ai suoi occhi», anche se vengono «buttati via, abbandonati».

«DIO HA PIANIFICATO TUTTO». In Sud Corea, infatti, i neonati lasciati alla strada sono centinaia ogni anno e i numeri sono in crescita per via di una legge sulle adozioni che obbliga le madri a registrare i figli indesiderati. Così suona in continuazione la campana del reverendo Lee, che rimbomba quando un bambino viene depositato nella “baby box” e il pastore si precipita a raccogliere il nuovo arrivato, spesso lasciato nudo in un sacchetto. Ogni volta «è come una guerra… una guerra in cielo», dice una delle figlie del pastore. Perché se «Dio li manda qui è per una ragione. (…) Abbiamo venti bambini in un piccolo spazio, ma non è come un orfanotrofio, qui hanno una mamma e un papà», continua Lee.
La voce si è sparsa e così il pastore riceve anche chiamate disperate: «Una volta – spiega l’uomo nel documentario – una donna mi disse che voleva avvelenarsi con il figlio. “No, le dissi, vieni qui con lui”». Ma a chi si complimenta con il pastore e lo dipinge come un uomo fuori dal comune lui risponde che «non è qualcosa che ho pianificato, non è qualcosa che ho fatto perché sono una grande persona, è davvero Dio che ha pianificato tutto e mi ha condotto qui».

SIGARETTE E FOX NEWS. Durante le riprese, anche il regista Brian Ivie è cambiato: «Non fumavo sigarette e guardavo Fox News con mia madre, pensando così di essere cristiano». Invece «avevo bisogno di vedere il mio peccato, ma soprattutto l’amore di Dio che mi voleva lì. È questo quello che mi ha mostrato il pastore: l’amore del Padre». Lee, dopo averlo visto, ha fatto una promessa: «Dio, morirò per questi bambini», perché «tra la fede, la speranza e la carità, la più grande virtù è la carità».

“The Drop Box” – Documentary Trailer from Arbella Studios on Vimeo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana