Google+

Don Roberto Colombo: Bocciatura diagnosi preimpianto non ripristina norme precedenti

agosto 28, 2012 Redazione

Legge 40. La Corte di Strasburgo ha condannato l’Italia per violazione della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Il bioeticista Colombo: «La stessa sentenza della Corte si Strasburgo è incoerente»

Pubblichiamo le parole di don Roberto Colombo, bioeticista, in una dichiarazione resa all’agenzia Ansa. Colombo reagisce alla notizia che la Corte di Strasburgo ha dato ragione a una coppia italiana portatrice sana di fibrosi cistica. La Corte europea dei diritti umani ha bocciato l’impossibilità per la coppia (fertile) di accedere alla diagnosi preimpianto degli embrioni. Secondo la Corte «il sistema legislativo italiano in materia di diagnosi preimpianto degli embrioni è incoerente» in quanto un’altra legge permette di accedere all’aborto terapeutico se il feto è malato di fibrosi cistica.

«Quando due norme di legge sono contradditorie, non è detto, senza ragioni adeguate, che la più recente sia da modificare e la precedente debba restare immutata. Bisogna decidere, e solo il legislatore lo può fare, in nome del popolo che rappresenta , se occorra dare maggiore o minore tutela alla vita umana nascente». È l’opinione di monsignor Roberto Colombo, bioeticista dell’università Cattolica molto stimato dall’episcopato italiano, secondo cui, dopo la decisione della Corte di Strasburgo, la parola deve ora tornare al legislatore.

«Il giudizio di “incoerenza” della legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita (Pma) con la legge 194 sulla interruzione volontaria della gravidanza (Ivg) formulato dalla Corte di Strasburgo – spiega il docente della Cattolica – dice solo che la tutela dell’embrione e del feto non è garantita in modo paritetico dalle due leggi. È vero: solo la legge 40 riconosce di fatto, e non solo di principio, il diritto alla vita di ogni essere umano sin dal suo concepimento. Ma quando due norme di legge sono contraddittorie, non è detto – senza ragioni adeguate – che la più recente sia da modificare e la precedente debba restare immutata. Bisogna decidere, e solo il legislatore lo può fare, in nome del popolo che rappresenta, se occorra dare maggiore o minore tutela alla vita umana nascente. Del resto, la stessa sentenza della Corte si Strasburgo è incoerente con altri recenti pronunciamenti della giurisprudenza europea che tutelano la vita e l’integrità dell’embrione, come quello della Corte di Giustizia europea di un anno fa sulla non brevettabilità dell’embrione umano e delle sue cellule staminali».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. viccrep scrive:

    può essere sbagliata la 194 che permette l’assassinio di bambini deboli e indifesi!!!!!!!

  2. Domenico Ferro scrive:

    Rev.mo Don Roberto, mi permetto di farLe notare che, contrariamente a quanto Lei afferma, la legge 40 sulla fecondazione artificiale proclama, sì, ipocritamente all’art. 1 che “assicura i diritti di tutti i soggetti coinvolti, compreso il concepito”, ma poi in applicazione di essa ogni anno vengono consapevolmente fatti morire 130.000 embrioni, cioè 130.000 persone umane (su questo credo che ci troviamo d’accordo); inoltre la legge 40 fa salve le disposizioni della 194 sia riguardo alla soppressione degli embrioni (art. 14 comma 1), sia riguardo alla riduzione embrionaria di gravidanze plurime (art. 14 comma 4), caso, peraltro, per quanto ne so, non espressamente previsto dalla menzionata legge sull’aborto. Se questo è riconoscimento di fatto, e non solo di principio, del diritto alla vita di ogni essere umano sin dal suo concepimento…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana