Google+

“Dodici” (un libro) più nove (figli) fa una famiglia benedettina e una compagnia libera

febbraio 11, 2012 Luigi Amicone

Siamo entrati nel mondo di Giovanni Donna d’Oldenico, medico del lavoro, sposato con Carmina, padrone di una coppia di border collie e padre di un’allegra brigata che dorme in sacchi a pelo su un soppalco. La targhetta sulla porta, un romanzo bensoniano e la consapevolezza che, persino a Torino, esistono ancora barbari che custodiscono certi territori.

Metti una sera a Torino, per partecipare alla presentazione del terzo romanzo di Giovanni Donna d’Oldenico, medico del lavoro, sposato con Carmina, padrone di una coppia di border collie. E papà di nove pargoli, dai 22 ai 2 anni. Sei maschi che dormono su un soppalco, stesi con il loro saccopelo, pancia e schiena a terra, magnifica camerata di soldati freschi di leva. E tre ragazze, privilegiate da una cameretta tutta per loro. Suonano i ragazzi e a ciascuno il suo strumento. C’è chi si esercita al pianoforte a coda, chi alla viola, chi al flauto traverso. Giuseppe, il numero 6, è anche dotato di un singolare genio matematico: ti sa dire in un attimo se il 27 di aprile del 2058 sarà un lunedì o un giovedi.

Sulla porta di casa uno di solito ci appende il suo patronimico. O se proprio non ci tiene, ci mette un numero. Sulla porta di casa d’Oldenico, invece, nessun numero e niente nome. Bensì, leggiamo, “DOMINICI SCHOLA SERVITII”, SCUOLA DI SERVIZIO DEL SIGNORE, una frase della regola di san Benedetto. Ma è una casa o un monastero? Decisamente il secondo. Un monastero laico, allegro, pimpante, dove un uomo, una donna e il resto della grande tribù aprono le loro affaccendate e gloriose giornate con la sveglia alle sei del mattino, la colazione, l’Angelus, e poi via, ciascuno al suo lavoro. Altro momento fisso è la sera, attorno alle 22, quando gli undici (più eventuali ospiti, come il marocchino Walid che per una decina d’anni è stato un d’Oldenico in affido), si ritrovano a recitare compieta (in latino), a leggere un articolo di giornale (spesso tratto dal Foglio, talvolta da Tempi, e, può capitare, perfino dalla Stampa) e a compulsare l’immancabile pagina di storia della Chiesa.

Ma dicevamo del romanzo: “Dodici”, edito da Marietti 1820, è il terzo pubblicato dal nostro pater familias di antica casata piemontese. Dotata di arguzia sopraffina e genio fantasy, la narrazione ci immerge in sacri riti e profani macelli, che avvengono in un mondo diviso in due regni: quello dei Territori, abitato da Barbari che vivono innamorandosi e facendo figli nel letto invece che nelle macchine per la riproduzione, come succedeva ancora ai tempi dell’Antica Leggenda (e un monastero benedettino nasconde forse l’ultimo Papa); e Repubblica, moderna “civiltà” prometeica, dove anche il piacere è graziosa concessione di Stato e ciascuno ha un’identità elettronica passibile di essere revocata da un potere sempre incombente, all’apparenza democratico e in realtà ferocemente oligarchico. Lo stesso grigio potere che si accinge a creare il primo uomo prodotto interamente in laboratorio, lo spirito dell’Anticristo.

Insomma, una godibilissima miscela di bensoniano “Padrone del mondo” e “Seme inquieto” alla Burgess, terre di Narnia di lewisiana memoria e resistenza umana incarnata dagli uomini dell’Antica Leggenda: cristiani combattenti e cristiani oranti, cristiani contrabbandieri e cristiani amanti. Sorprendente che, da un autore e per un libro così, all’incontro organizzato all’istituto scolastico san Giuseppe dal Centro Culturale Pier Giorgio Frassati e dall’Associazione per le attività educative e culturali (AEC), siano accorsi per passaparola molti giovani. Al punto che si è dovuto aprire il teatro del collegio san Giuseppe per accogliere il numeroso pubblico accorso. A sentire e a vedere chi? A sentire e a vedere l’io narrante di un padre, medico e scrittore. E poi uno dice che la famiglia non ha più appeal (o, almeno, così dicono a Repubblica). Mentre perfino a Torino, tra i barbari che custodiscono certi territori, pare sia ancora chestertonianamente appurato che la famiglia è il test della libertà («perché è l’unica cosa che l’uomo libero fa da sé e per sé»).
Twitter: @LuigiAmicone

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi