Google+

Difendiamo i diritti umani, purché non si tratti di Israele. Il caso di Human Rights Watch

dicembre 13, 2012 Leone Grotti

Così il vicepresidente dell’organizzazione: «Non muovere un dito mentre l’Iran accampa giustificazioni per uccidere tutti gli ebrei e annientare Israele è una posizione indegna della nostra grande organizzazione».

Che ai paladini della difesa dei diritti umani di Human Rights Watch (Hrw) non andasse a genio Israele, lo si sapeva già. Infatti, quando il dittatore della Libia Muammar Gheddafi inveiva contro i sionisti, l’organizzazione lo difendeva definendolo «riformatore dei diritti umani». Ora però un articolo del Wall Street Journal ha messo in piazza che il capo di Hrw, Kenneth Roth, si rifiuta di definire “genocide” le insistenti dichiarazioni del regime islamico iraniano che vorrebbe «spazzare via dalla carta geografica Israele». In una email di cui il Wall Street Journal è entrato in possesso, il vicepresidente di Human Rights Watch, Sid Sheinberg, scrive: «Non muovere un dito mentre l’Iran accampa giustificazioni per uccidere tutti gli ebrei e annientare Israele è una posizione indegna della nostra grande organizzazione».

«IRAN NON ISTIGA AL GENOCIDIO». Ed ecco la risposta di Roth: «Molte dichiarazioni dell’Iran sono sicuramente deplorevoli, ma non costituiscono istigazione al genocidio. Nessuno ha agito sulla base di esse». È vero, nessuno ha ancora sterminato tutti gli ebrei che vivono in Israele, ad ogni modo minacciare di lanciare una bomba atomica sullo Stato mediorientale non è un bel biglietto da visita. Roth ha poi confermato al telefono con i giornalisti americani che non ritiene che l’Iran istighi al genocidio degli ebrei e che parlare di Teheran in questo modo «fa parte del tentativo di far rullare tamburi di guerra contro l’Iran».

PREVENUTI CONTRO ISRAELE. Come riportato dal Foglio, Gerald Steingberg, presidente di Ngo Monitor, ha commentato: «Siamo di fronte a un esempio lampante dell’indifferenza di Roth rispetto alle minacce di genocidio e alle violazioni dei diritti umani quando ne è vittima Israele. Roth, che controlla Human Rights Watch dal 1996, si è sempre dimostrato ossessivo nell’attaccare lo Stato ebraico». Continua il Foglio: «Il settimanale americano New Republic ha parlato di una “guerra civile di Human Rights Watch contro Israele”. A denunciare l’organizzazione è stato infine lo stesso fondatore, un ultraliberal come Robert Bernstein, che fondò la ong quando era presidente della casa editrice Random House. Oggi Bernstein accusa la sua stessa creatura di “aiutare quelli che vogliono trasformare Israele in uno stato paria”». Paladini dei diritti, dunque, a meno che non si tratti di Israele.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. misudo lapaga says:

    apparte che Roth é chiaramente un cognome ebraico. Quindi perlomeno ci andrei cauto nell’accusare Monsieur Roth di indifferenza. Detto questo: andiamo a rileggerci magari con l’aiuto di una traduzione non US-made la traduzione dal Farsi di quanto dichiarato anni orsono da Ahmadi-Nejad. E vi sfido a trovarci un inivto attivo alla persecuzione degli ebrei. Si, lo so che ha la pelle olivastra, la barba malfatta e indossa quei finto proletari giubbotti, per cui il personaggio risulta sgradevole al palato nostrano. Pero’ davvero, niente che giustifichi il vostro noachitico fervore. Ad oggi è plutôt Israele che ammazza la gente senza andare troppo per il sottile a quanto risulta dalle statistiche. Poi chiaro, sono più’ europei degli infedeli islamici,e in fondo Gesu’ era uno di loro per cui ci viene da tifare israel, pero’ a mente fredda… fossi in voi non sarei così’ acriticamente filoisraeliano. Poi dai, stiamo ancora qui a citare il foglio e il suo carico di bullshit? Ma la ferrara-mania non é ancora tramontata a tempi?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.