Google+

Coniugi arsi vivi in Pakistan. 44 arresti, ma i cristiani chiedono l’intervento dell’Onu perché i colpevoli non la facciano franca

novembre 6, 2014 Redazione

Ricostruiti alcuni particolari della tragica vicenda dei due coniugi linciati per una falsa accusa di blasfemia. Il primo ministro promette condanne esemplari, ma la comunità cristiana non si fida

Shehzad Masih e Shama Bibi in una foto tratta da internet

Shehzad Masih e Shama Bibi in una foto tratta da internet

Si arricchisce di nuovi (tragici) particolari la vicenda dei due coniugi cristiani arsi vivi in Pakistan, in seguito a una falsa accusa di blasfemia. Secondo quanto si apprende di queste ore, i due giovani – il trentenne Shehzad Masih e la moglie Shama Bibi, 24 anni, incinta di quattro mesi, genitori di tre figli – erano tenuti in «condizioni di schiavitù» e «sequestrati per debiti» dal padrone della fabbrica di mattoni per la quale lavoravano in un villaggio a una trentina di chilometri da Lahore.

IL LINCIAGGIO. È quanto hanno raccontato i parenti delle due vittime riferendo che il datore di lavoro, in complicità con un mullah locale, avrebbe incitato la folla al linciaggio. A quanto pare, i due coniugi lavoravano per la ditta di Mohammed Yousuf per ripagare un debito che avevo nei suoi confronti. I due, come molti altri altri, lavoravano in condizioni pessime, svolgendo i lavori più pesanti e avevano deciso di scappare dal villaggio di Kot Radha Kishan nel Punjab, ormai stanchi dei continui soprusi. Questo sarebbe stato all’origine dell’ira di Yousuf che avrebbe, prima tenuto in ostaggio la donna, e poi fatto circolare la voce che lei avrebbe bruciato alcune pagine del testo sacro dell’islam. Secondo un’altra ricostruzione, invece, un netturbino avrebbe riferito all’imam che la donna, dopo aver fatto le pulizie nella casa del suocero, avrebbe gettato nella spazzatura il Corano, ritrovato tra i rifiuti davanti a casa.

44 ARRESTATI. Al di là dell’esatta dinamica, resta il fatto che i due hanno subito una fine terrificante tanto che ieri il primo ministro pakistano, Nawaz Sharif, ha promesso che non vi sarà «alcuna pietà» per i colpevoli di questo «crimine inaccettabile». Il primo ministro ha aggiunto che sarà impegno del governo «proteggere le minoranze del paese da violenza e ingiustizia» e promuovere «l’armonia tra le varie religioni».
Martedì la polizia ha arrestato 44 sospetti. Oltre 460 persone sono state denunciate per aver partecipato al linciaggio. La sicurezza nel quartiere cristiano è stata rafforzata e il consiglio degli Ulema ha condannato il gesto incolpando la polizia di essere stata negligente.

INTERVENGA L’ONU. Ieri la comunità cristiana è scesa in piazza in alcune città del Pakistan per protestare. Padre James Channan, direttore del “Peace center” di Lahore, ha chiesto l’intervento dell’Onu per «un esame obiettivo sulla legge di blasfemia, sulla sua strumentalizzazione e sulle sue conseguenze, urge una analisi attenta e neutrale. Chiediamo che una apposita commissione venga in Pakistan. Se questa legge non sarà fermata e corretta vi saranno altri incidenti e tragedie come questa». Il problema, ha detto il religioso, è che anche per episodi accaduti in passato poi nessuno dei colpevoli è stato punito.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. DREW scrive:

    Ah beh, se interviene l’ONU siamo tutti più tranquilli!

    • Menelik scrive:

      …la stessa cosa che ho pensato anch’io.
      In più ci aggiungo anche Amnesty International.
      Se non fosse tragica la cosa, ci sarebbe da farci quattro risate da osteria sull’interessamento dell’ONU e ONG compagni di merende.

    • Filippo81 scrive:

      L’onu e la ue interverrebbero per arrestare i Cristiani “blasfemi” !

  2. Sebastiano scrive:

    “Il consiglio degli Ulema ha condannato il gesto incolpando la polizia di essere stata negligente”

    di tutte le battute spiritose dell’ultimo mese, questa vince la classifica.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

Tucano Urbano gioca d’anticipo su EICMA e presenta ora la collezione autunno/inverno 2017/2018. Per chi viaggia in moto 365 giorni all’anno.

L'articolo Tucano Urbano collezione autunno/inverno 2017/2018 proviene da RED Live.

È la nuova proposta a firma Diamante-DMT per l’agonista che pratica XC o Marathon ma anche per il biker esigente, che da ogni uscita si aspetta il massimo in termini di prestazione proprie e della sua attrezzatura. La DMT DM1 è progettata e realizzata per essere affidabile e performante, caratteristiche ottenute anche grazie a una […]

L'articolo DM1, nuova scarpa offroad by DMT proviene da RED Live.

Anticipa una berlina compatta a zero emissioni al debutto entro il 2022. Alla trazione integrale a gestione elettronica abbina due motori a batteria e una potenza di 272 cv. Autonomia di 400 km.

L'articolo Mercedes EQ A: la compatta di domani proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana