Google+

Crisi Ucraina, Washington decide nuove sanzioni contro la Russia

luglio 17, 2014 Chiara Rizzo

Destinatarie del provvedimento (che non congela asset né vieta affari) sono alcune tra le principali imprese del paese, sostenitrici di Putin: titoli in calo alla borsa di Mosca, dopo l’annuncio. Putin: «Usa conducono politica aggressiva»

Gli Stati Uniti hanno deciso nuove sanzioni nei confronti della Russia, in relazione alla crisi Ucraina, peggiorata nell’ultima settimana. Questa volta gli Usa hanno deciso sanzioni contro le aziende stesse, che rappresentano la base del consenso al presidente russo Vladimir Putin, che Washington accusano di non voler fermare le violenze in Ucraina. Le sanzioni, per Obama «significative ma mirate» sono destinate a Rosfnet, il secondo produttore di gas in Russia, a Novatek e alla terza banca del paese, Gazprombank, oltre a otto altre aziende del settore armamenti, compresa quella produttrice dei kalashnikov. Sanzionata anche Vnesheconombank (Veb), la banca statale che opera come agente di pagamento per il governo russo.

GIU’ LE BORSE. Le sanzioni tuttavia neanche questa volta congelano gli asset di queste società, né vietano alle imprese statunitensi di fare affari con loro. La borsa di Mosca e il rublo hanno però registrato perdite, dopo l’annuncio ufficiale: l’indice russo Micex ha perso il 2,5 per cento, Rosfnet è caduta inizialmente del 6 per cento, per poi attestarsi al – 4 per cento, Novatek ha perso oltre il 4 per cento.

PUTIN: «POLITICA AGGRESSIVA». Il presidente russo Vladimir Putin ha commentato la notizia: «È un vero peccato che i nostri partner vadano in questa direzione. Ma le nostre porte sono aperte al processo negoziale, per uscire da questa situazione. Purtroppo chi pianifica la politica estera negli Stati Uniti sta conducendo una politica estera aggressiva e, a mio parere, non professionale». Per Putin sono gli Usa infatti ad incoraggiare l’Ucraina «a portare avanti una guerra fratricida e l’operazione punitiva. Chi spinge altri paesi verso questi sviluppi non deve mai dimenticare di avere le mani sporche del sangue di soldati, combattenti e civili».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi