Google+

Cina, partito comunista: «Non vogliamo distruggere le chiese ma i cristiani sono cresciuti in modo eccessivo»

aprile 12, 2014 Redazione

Il partito ha ordinato la distruzione di 12 chiese a Zhejiang, oltre alla rimozione delle croci dagli edifici perché «troppo vistose»

cina-wenzhou-cristianiIl partito comunista cinese ha negato di aver messo in atto una “campagna di demolizione” contro le chiese della provincia di Zhejiang. I membri locali del partito hanno ordinato la demolizione di almeno 12 chiese, oltre alla rimozione delle croci dalla sommità degli edifici per renderli «meno vistosi».

GERUSALEMME D’ORIENTE. La scorsa settimana migliaia di cristiani cinesi hanno circondato la chiesa di Sanjiang di Wenzhou, ricca città portuale considerata la “Gerusalemme d’Oriente”, dopo che le autorità ne avevano richiesto la demolizione perché “costruita male” violando le regole, accuse rispedite al mittente dal pastore della comunità.

cina-wenzhou-cristiani1TROPPI CRISTIANI. Nonostante il partito abbia negato di voler attaccare i cristiani, in un recente discorso riportato dal Telegraph Feng Zhili, responsabile locale del partito per gli affari religiosi, ha dichiarato che «la cresciuta del cristianesimo è stata eccessiva e confusionaria». Che tradotto significa: ci sono troppi cristiani e non tutti si sono sottomessi alle strutture comuniste per praticare il loro culto.

TRE AUTONOMIE. Per essere riconosciuta, una congregazione deve appartenere al Movimento delle Tre autonomie, organismo voluto da Mao Zedong che riunisce le chiese protestanti ufficiali assicurando una moderata libertà di culto. Ultimamente però anche i protestanti ufficiali vengono perseguitati, come il caso della chiesa di Zhejiang dimostra, perché i cristiani crescono e quelli sotterranei superano di gran lunga in numero quelli ufficiali controllati da Pechino.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe says:

    INSOMMA, LI TRATTANO COME SE FOSSERO FORMICHE…

    • Antonio says:

      noi invece i loro straccioni e la loro gentaccia fredda,avida,approfittatrice e maleducata la dobbiamo trattare coi guanti bianchi…accoglierli, dare loro diritti e welfare sociale, acconsentire alle loro arroganti pretese. E soprattutto evitare accuratamente di controllare le loro pregiate,oneste e trasparentissime attività commerciali, baluardi dell’igiene,della legalità e del sostegno al fisco italiano! Altrimenti accuse di raSSSismo a pioggia.

      • beppe says:

        antonio, è semplicemente il mondo alla rovescia. e c’è pure chi viene a farti la predica perchè siamo arroganti.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.