Google+

«Che cosa ci vuole per scappare dalla Corea del Nord? Molti soldi». Parla il dissidente Choi

febbraio 23, 2012 Leone Grotti

«Sono cresciuto in Corea del Nord pensando che fosse un “paradiso celeste”, come mi hanno sempre insegnato. Poi ho scoperto la verità e sono scappato. A Pyongyang c’è una chiesa ma i nordcoreani non possono avvicinarsi». Il dissidente Choi Song Min approfondisce il racconto della sua vita passata nel paese più sconosciuto del mondo.

«Di che cosa c’è bisogno per scappare dalla Corea del Nord? Soldi. Soldi per corrompere i quadri di partito e le guardie». Choi Song Min, dissidente nordcoreano scappato con la sua famiglia nel 2011 dal regime comunista e dal paese più sconosciuto del mondo, dopo avere già raccontato a tempi.it di essere fuggito perché «ho capito dopo un viaggio in Cina che ero stato ingannato per tutta la vita», decide di approfondire il suo racconto.

Choi lavorava come “foreign-currency earner”, mestiere proibito dal regime che consiste nel commerciare al mercato nero prodotti arrivati dall’estero e quindi illegali. Durante un suo viaggio in Cina, nel 2007, Choi racconta di «essere rimasto scioccato. Sono cresciuto in Corea del Nord pensando che fosse il posto più bello del mondo sulla terra. Un vero “paradiso celeste”, come mi hanno sempre insegnato quand’ero piccolo» rivela a tempi.it. «La Corea del Nord ha il miglior regime e il leader migliore del mondo, mi avevano sempre detto. Quando ho visto che in Cina non soffrivano la fame come noi, che tutti erano ben nutriti e che non c’erano crisi alimentari, al contrario di quanto mi avevano sempre inculcato, non ci potevo credere. Elettricità e acqua erano a disposizione di tutti, mentre in Corea si può goderne molto raramente. Allora ho capito che ero stato ingannato per tutta la mia vita».

Ma allora perché ancora così poche persone scappano dal paese? «È un problema di soldi, che sono la cosa più importante. Sono necessari per darli ai quadri di Partito e alle guardie per corromperle, in modo che chiudano un occhio quando scappi. Poi in Cina devi pagare qualcuno perché ti faccia salire su un treno per arrivare in Thailandia». Come spiegato da Choi nella precedente intervista,  la «via classica» per scappare dalla Corea del Nord è entrare in Cina attraversando il fiume Amnok, da lì prendere un treno per la Thailandia e infine un aereo per la Corea del Sud. Con i soldi, dunque, si può scappare ma in Corea del Nord sono pochi quelli che possono permetterselo: «La gente non ha abbastanza soldi. Del resto, se li avesse, non soffrirebbe la fame fino a morire».

Ma Choi spiega anche che il «regime impedisce ai nordcoreani di avvicinarsi alla religione. C’è una chiesa rimasta in piedi a Pyongyang, ma è gestita dal Dipartimento per la propaganda e la diffusione e quindi è solamente per stranieri, che possono entrare a pregare quando visitano la Corea del Nord. Ai nordcoreani invece non è permesso neanche avvicinarsi alla chiesa. Se provano a entrare, vengono fermati e viene chiesta loro una carta di riconoscimento». Se non ce l’hanno, come è normale visto che solo gli stranieri possono averla, vengono arrestati: «La libertà religiosa non esiste».
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.