Google+

«Centrafrica sull’orlo del genocidio». I ribelli islamisti temono l’intervento dell’Onu: cristiani a rischio

novembre 24, 2013 Leone Grotti

Il missionario padre Aurelio Gazzera afferma a tempi.it: «Si teme un bagno di sangue, con l’eliminazione di testimoni e personalità che hanno denunciato i crimini di questi otto mesi»

«Parlare di genocidio forse è eccessivo ma è vero che la tensione è così alta che non si sa come la situazione possa evolversi». Così il missionario in Centrafrica padre Aurelio Gazzera commenta a Fides l’allarme lanciato ieri dal ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, secondo cui «il Centrafrica è sull’orlo di un genocidio».

ISLAMISTI IN FIBRILLAZIONE. Secondo il missionario le milizie ribelli islamiste Seleka, che da mesi terrorizzano la popolazione con saccheggi, omicidi e torture, «sono in fibrillazione» temendo un intervento esterno nel paese investito dal colpo di Stato del 24 marzo scorso.
Il prossimo 27 novembre il Consiglio di sicurezza dell’Onu dovrà decidere se intervenire nella Repubblica Centrafricana con un intervento armato con facoltà di sparare. A dicembre potrebbero entrare nel paese anche altri 3.600 militari dei paesi africani, senza considerare un aumento delle forze francesi nella regione.

«BAGNO DI SANGUE». «La sensazione generale è che si stia preparando un intervento esterno che sta mettendo in agitazione gli appartenenti a Seleka – continua padre Gazzera in una nota inviata a tempi.it -. Conseguenza di questi elementi è il fatto che molti ribelli sembrano darsi da fare per rubare il più possibile e partire al momento giusto. Si teme anche (ed è più che possibile) un bagno di sangue, con l’eliminazione di eventuali testimoni e di personalità che in un modo o nell’altro hanno reagito o denunciato i crimini di questi otto mesi».

RISCHIO GENOCIDIO. Magari non sarà il «genocidio» prospettato dalla Francia ma di certo un’azione che potrebbe colpire ancora più gravemente i cristiani. A Bossangoa ci sono ancora circa 41 mila rifugiati, di cui 34 mila nella concessione della Cattedrale. A Berberati i morti non si contano più. In un’altra zona i ribelli adesso passano di villaggio in villaggio, e lasciano dei sacchi vuoti ad ogni contadino, pretendendo che li riempiano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. marzio scrive:

    Sarebbe drammaticamente “interessante” sapere chi foraggia i “ribelli” islamisti in Centrafrica.

    • mike scrive:

      UE ed USA. anche l’arabia saudita. ma tanto chi tiene le fila della cosa sono UE ed USA, anzi su tutti l’UE. gli USA sono stati dall’inizio una costola dell’UE anche se hanno fatto credere il contrario.

      • mike scrive:

        sarà una mia impressione ma le due bestiole dell’apocalisse sono UE (quella con 7 teste e 10 corna) ed USA (quella con 2 corna). sugli USA una cosa è più certa ossia più evidente. ossia le due corna. che sono le due principali catene montuose di quella nazione, le montagne rocciose ed i monti appalacchi. anche far scendere fuoco dal cielo… gli USA hanno fatto guerre ovunque.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana