Google+

Centenario del genocidio armeno, sondaggio: solo il 9 per cento dei turchi ci crede. «Non chiediamo scusa»

gennaio 17, 2015 Leone Grotti

Un altro 12 per cento ha affermato che il governo dovrebbe esprimere rincrescimento ma senza chiedere scusa. Per il 21 per cento, infine, la Turchia non dovrebbe fare nulla

Secondo un sondaggio pubblicato lunedì in Turchia meno del 10 per cento dei turchi crede che il governo debba riconoscere il genocidio armeno. Quest’anno si celebra il centenario dell’uccisione, a partire dal 1915, di almeno un milione e mezzo di armeni per mano dei turchi ottomani.

SOLO IL 9 PER CENTO. Solo per il 9,1 per cento della popolazione si è trattato di genocidio e solo un altro 9,1 per cento di turchi crede che il governo debba chiedere scusa, pur senza ammettere il genocidio. L’anno scorso, per la prima volta, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha espresso le sue condoglianze per i massacri, ma non ha parlato di genocidio, che in Turchia viene ancora negato.

NON CHIEDERE SCUSA. Il sondaggio del Centro per gli studi economici e di politica estera, con base a Istanbul, è stato realizzato tra novembre e dicembre intervistando 1.508 persone. Il 23 per cento ha dichiarato che non tutte le vittime erano armene e che quindi il governo dovrebbe dispiacersi per tutti i cittadini ottomani, non appena gli armeni. Un altro 12 per cento ha affermato che il governo dovrebbe esprimere rincrescimento ma senza chiedere scusa. Per il 21 per cento, infine, la Turchia non dovrebbe fare nulla.

MARTIRI E SANTI. In occasione del centenario, il patriarca armeno-ortodosso Karekin II ha scritto in una lettera enciclica che «il 23 aprile 2015, durante la Divina Liturgia, la nostra Santa Chiesa offrirà un servizio speciale per canonizzare i suoi figli e figlie che hanno accettato il martirio come santi “per la fede e per la patria”, e proclamerà il 24 aprile come Giornata del ricordo dei Santi Martiri del Genocidio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Filippo81 says:

    E’ probabile che il “simpatico ” erdogan e i suoi sostenitori pensino che siano gli Armeni a dover chiedere scusa…..nella attuale Turchia islamista, tutto è possibile !

  2. maurizio says:

    Ho ancora negli occhi e nel cuore la testimonianza commovente(proprio nel senso di coinvolgente)appassionata e rigorosamente documentata di Antonia Arslan al Meeting di qualche anno fa alla presentazione del suo libro:”La montagna delle allodole” come pure la stupenda mostra sull’Armenia di un successivo Meeting…il negazionismo turco e l’indifferenza generale non cancellano né cancelleranno mai la memoria storica e viva della testimonianza viva di fede e umanità di quel popolo.La verità,alla fine,vince sempre perché la Verità é Cristo e Lui ce l’ha promesso:”Io ho vinto il mondo…questa é la nostra vittoria:la fede in risto risorto!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi