Google+

Cameron e Mackenzie: i due piccoli «miracoli» che mettono in imbarazzo la legge inglese sull’aborto

febbraio 4, 2013 Benedetta Frigerio

L’aborto in Inghilterra è permesso fino alla 24esima settimana. Ma Pam ha dato alla luce Cameron e Mackenzie alla 23esima settimana.

«Oggi Pam dice che i suoi figli miracolati la riempiono di stupore, ma è arrabbiata e si sente umiliata per il fatto che la legge continui a permettere l’aborto anche di bambini più grandi dei suoi». Così scrive il Daily Mail, riportando la storia di una donna che mette in imbarazzo i sostenitori della legge sull’aborto in Inghilterra, permesso fino alla 24esima settimana. Quando Pam, a 39 anni, ha dato alla luce i suoi gemelli, infatti, questi avevano solo 23 settimane.

IL PARTO. Tutto è cominciato mentre Pam si trovava in vacanza con il marito Lee in Marocco, dove la donna è stata colta da forti contrazioni. La vita dei due bambini era in pericolo e per cercare di salvarli i due genitori decidono di tornare d’urgenza a casa. Ma in Inghilterra, i medici non sono tenuti in caso di complicazione a rianimare i bambini che nascono così prematuri, ecco perché Pam aveva molta paura al momento di sottoporsi all’intervento d’urgenza. Mackenzie e Cameron però nascono, le loro condizioni sono da subito critiche ma contro ogni pronostico sopravvivono: «È stato incredibile guardarli – ricorda la madre – Volevano vivere con tutte le loro forze, questo era evidente».

«VERI MIRACOLI». A due settimane dal parto, ancora complicazioni: si rende necessaria un’operazione per chiudere una valvola che di solito si rimargina naturalmente. Questa volta anche Pam e Lee pensano che per i loro figli non ci sarà niente da fare. E invece ce la fanno entrambi: «Sono dei veri e propri miracoli», spiega Pam. I due gemelli rimangono in ospedale per altri due mesi e tornano a casa il 7 dicembre. Ora il loro sviluppo è regolare, anche se «avranno bisogno di cure, di occhiali, non ci vedono bene, ma sono vivi!».

IMBARAZZO PER GLI ABORTISTI. La storia di Mackenzie e Cameron ha scosso l’Inghilterra, perché ha mostrato che a 23 settimane dei bambini possono nascere e vivere. Secondo le statistiche, questo avviene nel 19 per cento dei casi. Numeri difficili da digerire per chi appoggia i parametri inglesi sulla legislazione abortiva, che non considera come vita umana un feto fino alla 24esima settimana e pretende di stabilire quando comincia la vita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Alcofibras scrive:

    se vogliamo parlare di miracolo dobbiamo dire che lo ha fatto la scienza medica, che ha compiuto enormi passi avanti anche nel campo delle cure neonatali: dieci anni fa i due gemelli sarebbero di sicuro morti, così come sarebbero morti se la madre invece che inglese fosse stata africana o statunitense senza assicurazione sanitaria ovvero, per stare più vicini, dell’europa dell’est

  2. Sara scrive:

    Sono incinta di 25 settimane, come minimo da 4 settimane mia figlia mi tira dei gran calcioni, (in particolare quando assumo posizioni per lei scomode), risponde agli stimoli esterni come le carezze al pancione e da qualche giorno anche ai suoni…ci provassero soltanto a dirmi che non la si può considerare un essere umano!!

    • alepicci scrive:

      Le faccio i miei migliori auguri. Lei è fortunata: vive in paese dove nessuno la costringe ad abortire se non vuole. Provi allora a pensare il contrario.

      • giovanna scrive:

        -Le faccio i miei migliori auguri. Lei è fortunata: vive in paese dove nessuno la costringe ad uccidere un essere umano se non vuole. Provi allora a pensare il contrario-.
        Come suona?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download