Google+

California, madre surrogata concepisce tre gemelli. L’acquirente: «Devi abortirne almeno uno»

novembre 28, 2015 Leone Grotti

Melissa Cook, 47 anni, ha denunciato in un’intervista le minacce subite. Un uomo della Georgia le ha fatto impiantare tre embrioni con fecondazione eterologa ma vuole solo due bambini

melissa-cook-facebook

È sempre più invalsa l’idea che considera l’utero in affitto una bestialità se vi si ricorre in paesi poveri dell’Asia o dell’Est Europa, perché porta allo sfruttamento di povere donne, mentre è da considerarsi una pratica accettabile se riguarda i ricchi Stati Uniti.
Melissa Cook (nella foto), 47 anni, abita a Woodland Hills, nella benestante California, e mesi fa è stata assoldata da un uomo della Georgia per fargli da madre surrogata. La donna ha accettato di portare in grembo gli embrioni risultanti dallo sperma dell’uomo e dall’ovulo di una donatrice ventenne. La pratica è legale in California e per farsi impiantare gli embrioni con l’aiuto della fecondazione eterologa, la signora Cook si è accordata per un compenso di 33 mila dollari, più seimila dollari per ogni figlio aggiuntivo. Per avere più possibilità di successo, infatti, le sono stati impiantati tre embrioni.

ABORTIRNE ALMENO UNO. Contrariamente ai desideri e alle aspettative dell’uomo, tutti e tre gli embrioni sono sopravvissuti. Ma poiché il futuro padre non ha nessuna intenzione di crescere tre figli, da solo o con eventuali partner, ha ordinato alla madre surrogata di abortirne almeno uno. «Sono esseri umani, sono legata a loro. Questo non è giusto», gli ha risposto la donna e per questo l’uomo, attraverso l’avvocato, ha cominciato a minacciarla.

LE MINACCE. La signora Cook ha denunciato le richieste e le pressioni dell’uomo con un’intervista al New York Post. La donna ha ancora due settimane per abortire legalmente e ha dichiarato di avere «paura». L’uomo infatti ha minacciato di non corrisponderle il compenso pattuito e di denunciarla per farle pagare i danni per quello che dovrà spendere per prendersi cura del bambino non desiderato e di eventuali parcelle mediche.
La donna, separata dal marito, è madre di quattro figli, tra cui tre gemelli. In precedenza, si era già prestata a una maternità surrogata. La mia paura, dice, è di «essere costretta ad abortire. Se voleva due bambini, perché mi ha fatto impiantare tre embrioni?». La domanda è legittima, ma quando i bambini diventano oggetto di compravendita, ostaggi dei volubili desideri degli adulti, sembra inutile perdersi in sottigliezze.

Foto tratta da Facebook


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    “Sono esseri umani, sono legata a loro, questo non è giusto”
    Per me, c’è qualcos’altro che non è giusto, signora!!, mi consenta!
    Se finisce in tribunale anche questa, vorrei tanto sapere come va a finire; sembra una telenovela scritta sulla pelle dei bambini! Puah!

  2. To_Ni scrive:

    Ci si può girare intorno quanto si vuole ma, accettate certe premesse sono le logiche conseguenze. E’ un mercato, che prevede rifiuti degli scarti ecc. Poi ste belle persone , che hanno valutato che il prodotto è quello “giusto”, che risponde alle richieste, sono in grado di “amarlo”. Amano se hanno l’oggetto giusto, come un saper dipingere “sole” se hai il “soggetto” giusto (parafrasando E. Fromm).

  3. Sebastiano scrive:

    È stato un “marketing misunderstanding”, bisognava avvertire il cliente che si trattava di un’offerta “prendi 3 – paghi 2″.
    Come per i pomodori o per le merendine, no?

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Allucinante, a dir poco!!

    • Andrea UDT scrive:

      Ma come fai a scherzarci su?

      • Sebastiano scrive:

        Non ci scherzo affatto, caro Andrea UDT. Dico semplicemente la verità: ovvero che la procedura dell’utero in affitto è perfettamente inserita in un mercimonio nel quale valgono, appunto, le leggi di mercato. Chi ci scherza (in modo cinico e ultimamente sadico) è tutta la pletora di babbei che crede che si tratti di un “atto di generosità”.
        Ovviamente dei diritti del/dei bambino/i non gliene impippa una cippa: da quando in qua i pomodori o le merendine hanno diritti?

  4. Giannino Stoppani scrive:

    Già così è roba da “ultimi giorni”, ma c’è anche la possibilità, ancora più tragica, che la signora abbia posto questione soprattutto per via dei seimila dollari aggiuntivi che gli frutterebbe il terzo incomodo.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova generazione della compatta francese riprende alcuni elementi stilistici della crossover C4 Cactus e può contare su possibilità di personalizzazione sconosciute al vecchio modello. Balzo generazionale quanto a infotainment e dotazioni di sicurezza.

Sono passati 30 anni dalla prima vittoria alla Grande Boucle. Per festeggiare l'evento il brand francese lancia un'edizione limitata di 200 esemplari della sua punta di diamante e un concorso fotografico sui Social

Ispirata nel design alla 911, la seconda generazione della berlina sportiva tedesca cambia tanto nell’aspetto quanto nel layout dell’abitacolo e nella meccanica. Top di gamma la Turbo da 550 cv. Debuttano il cambio PDK a 8 marce e l’assale posteriore sterzante.

Nata per le competizioni, si è evoluta attraverso cinque generazioni e 30 anni sino a divenire una berlina dal fascino unico, ideale punto d’incontro di performance e stile. Ecco la storia della BMW M3.

L’edizione speciale della city car torinese, realizzata in collaborazione con i cantieri nautici Riva, può contare su di una ricca dotazione di serie e finiture pregiate in radica e pelle. Prezzi al lancio, sia per la versione chiusa sia per la cabrio, da 17.900 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana