Google+

Bruxelles, portano via Gesù dalla natività in piazza e prendono a manganellate Giuseppe e Maria. «Gesto ironico»

dicembre 7, 2014 Redazione

La boutade di protesta è stata compiuta da due attiviste nella Grand-Place martedì. Le donne fanno parte del “Collettivo anonimo”, vicino alle Femen

presepe-bruxelles-belgio-gesù2

Si sono travestite da poliziotte, sono entrate nella grande scena della natività allestita per il Natale nella Grand-Place di Bruxelles, capitale del Belgio, hanno portato via Gesù nella sua culla e hanno preso a manganellate Maria e Giuseppe. Tutto questo per denunciare la politica del governo nei confronti dei poveri, così riassunta dallo striscione appeso dalle donne all’entrata della mangiatoia: «Fanculo i poveri».

presepe-bruxelles-belgio-gesù3

«GESTO IRONICO». Le due donne sono attiviste del “Collettivo anonimo”, che secondo i quotidiani belgi è vicino al movimento delle Femen. Il Collettivo si presenta come gruppo anarchico-poetico. Le donne sono state portate al commissariato e subito rilasciate dopo aver spiegato il motivo del loro gesto, compiuto martedì: «Abbiamo proceduto all’espulsione di Gesù e della sua famiglia povera, forse anche immigrata illegalmente, che è venuta in modo insolente a occupare la nostra Grand-Place».
«Con questo nostro gesto ironico – continuano le attiviste – vogliamo dimostrare il nostro sostegno al governo Michel e alle sue nuove misure perché i veri responsabili della crisi [i poveri, ndr] siano puniti».

presepe-bruxelles-belgio-gesù

PRESEPE RISTABILITO. Il Collettivo voleva dunque denunciare la mancata presa di misure adeguate a difesa dei poveri da parte del governo eletto l’11 ottobre. Al termine della boutade di dubbio gusto, la polizia ha rimesso a posto Gesù e le altre statue, ristabilendo il presepe originario.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Skanderbeg says:

    Vorrei proporvi una riflessione personale che va oltre questo episodio. Tutte a guardare senza dire o fare alcunché? Ormai certi paesi europei sono già scristianizzati di fatto. Il motivo della protesta può essere stato “nobile” ma perché coinvolgere i simboli religiosi? Così si abbassa tutto al livello della polemica politica e questa iconoclastia porta al relativismo e al nichilismo.
    Nietzsche ispira il pensiero di moltissimi europei oggi: è il crepuscolo degli dei, il ripudio di idoli e ideali. Ma io non penso che ciò sia segno di “vitalità” di una società, anzi dimostra stanchezza, vecchiaia incapacità di provare passione e lottare per un valore più alto. Che sia la Patria, Dio, l’Europa, un’utopia politica tutto è stato dissacrato e relativizzato dall’uomo occidentale: un “pessimismo razionale” domina in Europa oggi, che sembra procedere per inerzia, freddo calcolo economico, un relativismo dogmatico. Manca la frontiera verso cui tendere, non ci si appassiona più per niente. Si direbbe che la missione dell’uomo occidentale di oggi sia infrangere tutti i tabù siano essi morali, sessuali, politici. È bigotto, all’antica, ipocrita chi non si arruola in questa sterile missione di auto-distruzione della propria identità. Sono arrivato alla conclusione che tutto quello che stiamo assistendo va interpretato come lotta tra l’oltre-uomo e l’uomo, l’iconoclasta e l’idealista.
    Ecco perché fanno scandalo gli islamici: si arrabbiano tanto quando si dileggia Dio e il profeta Maometto! Fa scandalo chi non vuole ingoiare i dogmi dell'”abortismo”, dell'”eutanismo” e dell'”indifferentismo sessuale”. Ma anche chi crede ancora in un sistema di pensiero, nel concetto di Nazione ma anche nel sogno di un’Europa unita magari su presupposti diversi.
    Certo una società dedita al godimento materiale, al consumismo è più tranquilla, più pacifica e facile da governare. Ma anche un mondo grigio, orfano di quella dimensione superiore, del mondo delle idee che da sempre “perseguita” l’uomo impedendogli di vivere solo nel qui e ora. E infatti vediamo crescere depressioni, inquietudini, comportamenti auto-distruttivi come il consumo di droghe, l’ubriachezza precoce, dipendenze compulsive di ogni tipo (farmacologiche, sessuali, internet, tv…), turbe psicologiche come l’anoressia, la ricerca smodata di una perfezione nel presente, nel godimento e nella propria immagine piuttosto che in Dio o in un’utopia futura. Come mai tutto ciò? per coprire quel vuoto di cui avvertono l’esistenza ma che si ostinano a ignorare.
    Dobbiamo ricominciare a vivere di passioni e ideali. Date un fine, un aspirazione, un ideale verso cui debba tendere questo mondo occidentale!

  2. clemente says:

    E se qualcuno “ironicamente” prendesse a manganellate le femen, per il loro appoggio all’ aborto, all’ eutanasia, alla droga, alle puttane e alla violenza sistematica verso le religioni? Non farebbe una cosa nobile?

  3. paolo says:

    Vale sempre il principio per cui “quando il gatto non c’ è i topi ballano”.
    Cioè queste balorde possono permettersi fare quello che gli pare, perchè nessuno le mette in riga,

  4. Raider says:

    A queste ammalate di protagonismo nichilista si dovrebbe fare notare che proprio Gesù Bambino e la Sacra Famiglia sono gli unici extra-comunitari che l’Ue non ammette, espellendoLi dal Preambolo alla Costituzione europea. Se volessero fare qualcosa di provocatorio, queste agguerrite militanti dell’autopromozione o della provocazione al servizio del miglior offerente dovrebbero fare una cosa, ormai, impensabile nell’Ue: un flash-mob con un Presepe vivente. Magari, il tableaux vivant di qualche dipinto dei grandi pittori di Natività norde-europei e italiani. E fatto questo, dimostrando icasticamente la realtà, autenticità e profondità delle radici cristiane, battersi per reinserire il riferimento al Cristianesimo nel Preambolo alla Costituzione europea.
    Domanda: se non si può pretendere che facciano questo gruppi para-Femen, perché non ci pensano e si attrezzano gruppi cristiani? Un blitz di cattolici e se vogliono aggregarsi, di protestanti che intendono sia riconosciuta una verità storica che non può essere cancellata da nessun Parlamento? Questa cancellazione d’autorità dell’identità europea diventa un atto costitutivo di tutte le mistificazioni, politiche, giuridiche, culturali e sociali di un’Ue sempre più lontana dai popoli, che devono accettarne le direttive senza avere voce in capitolo.
    Non si farà, lo sappiamo. Ma non giochiamo sempre in difesa o di rimessa. In modo pacifico, civile, nobile, sarebbe bello riprendersi l’iniziativa e non aspettare quello che ci arriva. Le Sentinelle In Piedi insegnano.

  5. Andrea says:

    E’ inquetante che possano esistere persone cosi’ prive di sensibilita’ , rispetto e amore verso Colui il cui cuore era sempre con i piu’ poveri.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.