Google+

Brandon Ambrosino, il giornalista omosessuale attaccato dalla lobby gay perché difende gli “omofobi”

marzo 18, 2014 Redazione

Scrive che essere gay è una scelta e che chi è contrario alle nozze fra persone dello stesso sesso non è per forza omofobo. Per questo gli attivisti lgbt lo attaccano

brandon-ambrosinoHanno cominciato a denigrarlo perché scrive che essere gay è una scelta e non un’inclinazione naturale, e che una posizione contraria al matrimonio tra persone dello stesso sesso non comporta automaticamente essere omofobi. Si chiama Brandon Ambrosino, è ballerino e giornalista statunitense e, dalla scorsa settimana, si è guadagnato uno spazio su Vox, progetto giornalistico di Ezra Klein. Ambrosino è omosessuale, ma, dato che vive la sua diversità in una maniera discorde da quella amata dalle testate liberal d’Oltreoceano, è diventato bersaglio di critiche e articoli al vetriolo, dove viene indicato come pupillo dei giornali conservatori per autorizzare, con le sue posizioni, ogni apologia dell’omofobia.

OMOSESSUALI E DIRITTI. Tutt’altre sono invece le intenzioni del Brandon giornalista, che del suo essere omosessuale non fa un problema ma, ancor di più, non vuole sfoggiare come bandiera. Per questo ha suscitato enorme indignazione tra la comunità Lgbt uno suo articolo pubblicato su New Republic, dove invitava la sua categoria a «smettere di aver paura della parola “scelta”», dicendo di piantarla di vedere la battaglia dei diritti dei gay come fossero quella per i diritti dei neri di cinquant’anni fa, confondendo così razza e sessualità: «Molte persone credono che la loro sessualità sia qualcosa con cui sono nati, e io non ho ragioni per non credere loro. Ma come sia io sia altri omosessuali possiamo confermare, ci sono altri fattori che formano la nostra sessualità, più del codice genetico».

«IL PAPA ANTI-GAY?» Per questo Ambrosino invita la comunità gay a essere più simile a Martin Luther King, «che trovò un modo per condannare il diavolo senza condannare i malvagi». Parole che hanno fatto arrabbiare tanti omosessuali, come quelle sulle unioni tra le persone dello stesso sesso: «Come omosessuale», ha scritto su Time, «mi trovo a disagio con questa definizione secondo cui chiunque ha qualche riserva morale sui matrimoni gay è per definizione anti-gay». Altrimenti, ciò vorrebbe dire che «i miei genitori sono anti-gay, molti miei amici credenti (di tutte le fedi) sono anti-gay, il Papa è anti-gay, e, certo arriveremo fin qui, un certo teologo ebreo del primo secolo, Gesù, è anti-gay».

LE REAZIONI LIBERAL. Insomma, se una voce omosessuale parla liberamente di sé e della sua sessualità con toni diversi dal mainstream conformista diventa egli stesso omofobo. O questo, per lo meno, è quello che hanno scritto alcuni giornali statunitensi, come ad esempio Slate, secondo il quale gli articoli di Ambrosino hanno come solo scopo «informare i conservatori che le loro paure dei gay sono assolutamente ingiustificate». Anche Matters for America ha scritto che «Ambrosino offre alla destra anti lgbt il messaggio rassicurante che non stanno facendo nulla di male», e che «i conservatori anti gay hanno uno scrittore gay dietro al quale nascondersi per difendersi dalle accuse di fanatismo e discriminazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

44 Commenti

  1. Tulio Lantanide scrive:

    mi sono perso i versetti dove Gesù parla dei matrimoni gay, penso.

    noto che l’articolo parla di “attacchi” ma poi non specifica. una parola più adatta, anche da quanto leggo sui giornali statunitensi, poteva essere “dissenso”, o se si vuole a tutti i costi usare un termine peggiorativo “polemica”.

    • Grillo Parlante scrive:

      Tullio Lantanide si è perso i versetti del vangelo in cui si parla di matrimonio gay.
      Boh?!
      Figurarsi che io è dal 1986 che devo ancora trovare quelli in cui si vieta espressamente l’adulterazione del vino col metanolo!
      Il Signore non dice forse “Non quello che entra nella bocca rende impuro l’uomo, ma quello che esce dalla bocca rende impuro l’uomo”?!

      • Tulio Lantanide scrive:

        ok, e adesso che so di poter mangiare i gamberetti senza provocare la collera di YHVH? che ci azzecca?

        non mi sembra che Yeshua bin Yossef si sia occupato molto di sesso nelle sue predicazioni. aveva qualche messaggio meno prosaico da portare, no? per me ne consegue che non vi dava troppa importanza.
        inoltre ti faccio notare; Grillo Parlante, che non sono stato io a scomodare Gesù a proposito di relazioni omosessuali (condannate proprio nel libro che Gesù sta sbeffeggiando proprio nel verso che riporti), ma l’estensore dell’articolo e/o la sua fonte.

        • Giannino Stoppani scrive:

          E io ti faccio notare che i tuoi sono solo miserrimi sofismi da saccentello che avendo letto una o due volte la Bibbia si crede di essere un sommo esegeta.
          D’altra parte, chi sono io per impedirti di coltivare le tue pie illusioni nel buio della tua cameretta?

          • Grillo Parlante scrive:

            Io avevo in mente una risposta più “soft”, tuttavia il succo è lo stesso di quella di Gianburrasca.

        • picchus scrive:

          Gesù non sbeffeggia proprio nulla perché per Lui, pio ebreo del I secolo, neppure uno iota deve essere tolto alla legge. Un decente corso biblico eviterebbe di scrivere sciocchezze e fare figure barbine.

          • Tulio Lantanide scrive:

            difatti di gran parte del Levitico oggi non ce ne facciamo nulla. e neppure ci circoncidiamo.
            le cose cambiano e l’unica cosa immutabile è il cambiamento (I Ching). per natura e vocazione
            io scrivo sciocchezze, ma tu stai negando la realtà. è un poco più grave.

            • picchus scrive:

              Come detto, un corso biblico decente eviterebbe di scrivere sciocchezze come quelle sul Levitico, perché si saprebbe che la legge mosaica è valida solo per gli Ebrei, laddove i Gentili hanno le leggi noachidi. Cosa poi tutto questo abbia a che fare con il cambiamento o la negazione della realtà è un mistero per tutti tranne che per te.

              • Tulio Lantanide scrive:

                gli islamici risolvono le contraddizioni interne al Corano dividendo le affermazioni in contrasto tra loro in versetti abrogati ed abroganti. tu pigliando all’occorrenza il testo che ti fa più comodo.
                se ti leggi anche i versi precedenti al Mt 15:11 ti renderai conto che si stava rivolgendo a farisei e scribi. non a dei gentili (che se ne sarebbero bellamente fregati delle abitudini igeniche ed alimentari degli apostoli). quindi presumibilmente si riferiva al corpus dei divieti ebraico: che senso avrebbe avuto riferirsi alla legge noachide?

                fare esegesi due righe per volta è ridicolo, sono d’accordo con te.
                ti riconosco una buona capacità di spostare l’argomento del Thread in direzioni off topic, ma preferirei rimanere sul pezzo.

                • Giorgio scrive:

                  Purtroppo sei proprio tu non hai capito il senso delle affermazioni del tizio di cui si tratta nell’articolo. Costui, infatti, polemicamente rileva che tutti coloro che non sono espressamente e totalmente a favore delle istanze gay, per effetto delle scellerate metodiche di una virulenta propaganda, diventano automaticamente omofobi, compreso Nostro Signore, il quale pur liquidando inequivocabilmente il matrimonio come una faccenda tra maschio e femmina, effettivamente non risulta abbia invitato i suoi seguaci (ad esempio) a scorticare vivi gli omosessuali, anche se ha ricordato più volte, come monito, la triste sorte di Sodoma e Gomorra.

    • Cisco scrive:

      Io mi sono perso invece quelli in cui Gesù sponsorizza a il gay pride a Gerusalemme… Forse è per questo che lo fanno a Tel Aviv!

    • LawFirstpope scrive:

      @Tulio Lantanide
      Pensi che anche io me li sono persi: pare che lì si parli solo di marito e moglie…
      Ci deve essere un errore! 😀

  2. Robinson scrive:

    Si può scegliere?
    Si!, Si può scegliere!
    Questa mattina volevo fare spaghetti alle vongole.
    Poi ho deciso di farmi delle pennette al sugo.
    Ed erano buonissime.

  3. Tulio Lantanide scrive:

    non avevo capito che anche Grillo P. è uno dei troll di guardia.
    considerato il livello al quale è rapidamente sceso questo thread, cantatevela pure tra di voi.

    • Grillo Parlante scrive:

      Se la solita solfa in falsetto copia-incolla-lgbt sulla presunta mancanza di una condanna specifica dell’omosessualità nei vangeli è esemplificativa del tuo repertorio, qualora tu decida effettivamente di cantare altrove credo proprio che non saranno in pochi qui a farsene una ragione.

  4. Ellas scrive:

    Bravo Ambrosino. Peccato che di gay come te ce n’è pochi, e quelli che ci sono molti stanno zitti per paura delle minacce di morte.
    qualcuno mi sa dire perchè i gay si comportano alla stregua degli islamisti? Una volta li ritenevo tanto sensibili, poi ho scoperto il loro lato totalitarista.

    • Paolo scrive:

      Chi si comporta alla stregua degli islamisti come dice lei è chi si oppone ai diritti degli omosessuali e delle loro famiglie, tra cui in primis il doveroso rispetto di quello che è un naturale e normale orientamento sessuale ed affettivo. Di persone come il signore ve ne sono poche perchè, per fortuna, in pochi sono disposti a farsi mettere i piedi in testa per sollazzare nevrosi confessionali.
      Fatevene una ragione la religione non è nè titolata nè legittimata a criticare l’omosessualità di fronte alle dimostrazione lampante e scientifica della correttezza di quest’ultima. Al contempo i cittadini di uno Stato laico e civile non devono essere condizionate dalle fantasie di una confessione religiosa per i propri diritti.

      • Ellas scrive:

        @Paolo: prova a dire un omo che il sesso non ti interessa, e ti dirà che hai una malattia mentale e devi farti curare. Detto da uno che fino ad alcuni anni si trovava sul DSM…a me pare un’offesa. Comunque…
        Lui ha le sue idee, io le mie, e se gli lgbt dicono di essere così, almeno rispettino i pensieri altrui.
        Lui è nel gender? Bene, anch’io lo sono e altri gay, lesbiche, bisex sono nel mio stesso gender. Non sono mica tutti “praticanti”. Però le associazioni lgbt li voggliono tirare dentro.
        Io non cistarei: significherebbe perdere la propria identità di asex.

        E se non le rispetta, è chiaro esempio di arroganza, narcisismo e qualsivoglia.

        Dicono di voler insegnare loro religione, che gli sta bene Gesù e non San Paolo? Gesù diceva ama il prossimo tuo come te stesso. In primis non l’intendeva in senso carnale.

        E secondo, intendeva il prossimo di qualunque razza, e genere. Loro fanno troppa selezione, e a chi non la pensa come vogliono subito minacce.

        Rupert Everett, Zeffirelli, e altri ancora sono tutti contrari a matrimoni gay, e adozioni. Qualcheduno anche al gaypride. Fatevi un giro se non credete.

        @Ambrosino: Qualcheduno l’orientamento lo sceglie. Prendi quelli che ci si ritrovano dopo aver subito violenze sessuali. Basta guardare i quadri della Frida Kahlo, lesbica, come sono intrisi di tristezza. (comprensibile data anche la sua situazione fisica)

      • Filippo scrive:

        Caro Paolo, per quanto riguarda gli studi di Hamer di cui parlavo, si sono veri, sto scrivendo una tesi a riguardo e sono tutt’ora discussi a livello mondiale, sono anche progrediti.
        Se davvero si parlasse di mutazione genetica, cosa già esclusa da anni, non avrebbe alcun senso considerarla ad oggi cosa cattiva. Lo stesso atteggiamento eterosessuale adulto si è creato in seguito ad una mutazione. Inoltre, nasciamo maschi e femmine, certo… Il fine è la procreazione. A riguardo, esistono anche altri studi, eseguiti alla Queen Mary University in Inghilterra se non ricordo male, secondo cui l’atteggiamento omosessuale adulto esiste, in natura, per limitare il numero di esseri viventi… Per farti capire, avrebbe, in modo meno cruento, la stessa funzione della tendenza di molti animali a generare cuccioli e mangiarli una volta nati, ad eccezione di uno.
        Riguardo il concilio di Nicea, sarà anche una storiella come la chiami tu, ma è un qualcosa di vero, storicamente attestato… A questo punto perché non definire una “storiella” la Shoa? O la seconda guerra mondiale? O l’attentato alle Torri Gemelle?
        Riguardo ai due mila anni… Ma vogliamo per davvero parlarne? Due mila anni di cosa? Amore per il prossimo? Buona novella?
        Certo, tra donne e uomini bruciati a rogo per erse sua, stregoneria e altro ancora; Tra Papi con amanti e figli; tra papi omosessuali; tra truffe al popolo (vedi il Testamento di Costantino)… Ma quello che trovo più interessante ancora, sono duemila anni di storia e di accumulo di ricchezze, spesso create grazie agli stessi omosessuali, che tanto disprezza…. Due mila anni di storia; per arrivare oggi a scrivere su un giornale che si in Italia e in Europa si vuole tornare al paganesimo?
        Se vogliano riconoscere un valore alla chiesa, in questi due mila anni, io, personalmente, trovo ammirevole come sia stata capace di prendere tutto ciò che c’era di pagano e farlo suo… Gli esempi sono la croce, simbolo religioso preesistente al cristianesimo, il natale e così via.

  5. Cisco scrive:

    Ambrosino ha colto il nocciolo della questione, sarà presto emarginato dalla “tollerante” ideologia mainstream.

  6. Bifocale scrive:

    Ambrosino ha “scelto” il suo orientamento sessuale? come scegliere quale paio di scarpe o maglione mettersi? incredibile, la prima persona al mondo che “sceglie” quale orientamento sessuale avere. Un personaggino disperatamente in cerca di un po’ di visibilità. I teocon e gli omofobi (ma non chiamateli così, a loro non piace sentirsi dire quello che sono, si sentono più a loro agio nel silenzio) ora si scopre che lo adorino, il che la dice lunga sul livello di disperazione al quale sono arrivati nella ricerca di sponsor della loro causa del volere negare ad altri gli stessi ddiritti di cui loro godono…

  7. Galcian79 scrive:

    Si può scegliere di essere gay e si può scegliere di non sposarsi.
    Se Ambrosino ha scelto di essere gay ne consegue che abbia scelto anche di non sposarsi, vista la situazione attuale e soprattutto quella degli anni passati.
    Dunque perchè essere contrari al matrimonio gay se ci sono persone che, al contrario del signor Ambrosini, non hanno scelto la propria omosessualità e desiderano soltanto essere felici? :)

  8. Filippo scrive:

    Mi presento, mi chiamo Filippo, ho 20… Mi capita spesso di leggere articoli questa testata giornalistica, se così voglia definirla, in particolar modo sul tema dell’omosessualità.
    Ho letto l’articolo e, facendomi parcchie risate, anche alcuni commenti.
    Innanzi tutto sono d’accordissimo col fatto che prima di scrivere e parlare ci so debba documentare e, quindi, conoscere l’argomento.
    Ho trovato interessante come molti di voi abbiano sottolineato che, viste le posizioni di Brandon, sarà allontanato ed emarginato dalle famigerate lobby gay e di come il giornalista abbia sottolineato che la Samoa liberal americana lo voglia etichettare come omofobo e difensore di tutti gli omofobi del mondo.
    Credo che qui, ci sia un grosso errore di fondo, sia da parte di coloro che hanno commentato che da parte del giornalista, per varie ragioni. In primo luogo Brandon è la sua buona novella non è qualcosa di nuovo, ma scrive e pubblica cose di questo genere ormai da un lontano 2001… Di anni ne sono passati tredici da allora, eppure è ancora qua. Inoltre va considerato che, non sia la tanto la stampa liberal a bollatlo come difensore degli omofobi, ma sia stato lui stesso a bollarsi come tale… Se non sbaglio, fu proprio a prendere le difese, appoggiandolo, di Jerry Falwell quando sostenne che l’attentato delle torti gemelle fosse opera dei gay o, per riportare un’altro esempio, quando appoggiò Phill Robertson che sostenne che equiparava l’omosessualità alla bestialità.
    Inoltre, ho trovato interessante, che qualcuno abbia sostenuto che il termine omofobia non esista, ma che sia stato coniato ancora una volta dalle famigerate lobby gay. Se vogliamo essere precisi, ancora una volta, il termine omofobia è un termine coniato negli anni sessanta da un dottore inglese, scritto HOMOPHOBIA. Al contrario, il termine che non esiste nel significato che gli diamo ormai tutti è Gay, termine inglese che significa gaiezza.
    Si è poi molto discusso sul fattore scelta… Omosessualità, scelta personale o meno? Francamente, leggere che non esistano prove che tale orientamento sessuale è qualcosa di innato mi ha fatto accapponare la pelle. Infatti, mi torna alla mente un certo Dean Hamer, dottore al National Cancer Institute di Bethsda, USA. Il quale, attraverso i suoi studi su gemelli omosessuali e non, ha indoviduato nell’aria xq28 del cromosoma X la causa genetica dell’omosessualità. Tale tesi, indiscussa nell’ambito scientifico mondiale, non mi sembra essere qualcosa che non esiste. Va detto, però, a sostegno di coloro i quali sostengono che mentre si cresce sono vari i gattaro che influenzano la sessualità, che gli studi sono andati avanti dopo Hamer. Tali studi spiegano come il comportamento sessuale adulto, eterosessuale o omosessuale che sia, subisce condizionamenti esterni a quello puramente cromosomici, peró, non riguardo il sesso da cui si è sessualmente attratti, ma nelle modalità in cui si compie l’atto sessuale.
    Si è poi parlato di forti pulsioni, che vanno controllate attraverso la morale o di come, determinate questioni sui diritti LGBT, non possano essere accettate per motivazioni religiose. A riguardo voglio solo sottolineare che i mattini fra persone dello stesso sesso, a livello religioso, per il cristianesimo non sono nulla di nuovo…. Sono gli stessi documenti storici a rsostenerlo: in età paleocristiana erano all’ordine del giorno e, proprio in Italia, ne sono stati celebrati parecchi nel corso dell’Ottocento. Quindi, la chiesa non dovrebbe attuare nessuna rivoluzione al suo interno, ma una semplice inversione di marcia. Proprio per questo invito tutti a fare un pellegrinaggio a Firenze, presso San Marco, dove si trova la tomba di Pico della Mirabdola… Sepolto col suo compagno con la benedizione del Papa.
    Infine credo che estremizzare sostenendo che le lobby gay arriverebbero a dire che “Gesù è omofobo” sia un’altra grandissima stupidaggine. Infatti se proprio si volesse sostenere una tesi anticonformista, si sti sosterrebbe che “Gesù era omosessuale”… Del resto le prove a riguardo non mancano, basta leggersi un po dei vangeli apocrifi, ricordandosi bene la storia della bibbia cristoana: scritta da esseri umani e non da dio, messa insieme durante il concilio di Nicea, durante il quale sono stato scelto i quattro vangeli ufficiali, non in base ad una datazione di essi o alla loro origine, ma sceglie fi i quattro che più rispecchiassero l’idea di Cristo e dio che si era già deciso sarebbe stata quella ufficiale.
    Detto ciò, ringrazio il giornalista e coloro hanno commentato per avermi concesso un sorriso in questo pomeriggio di studio.

    • mike scrive:

      la storiella del concilio di nicea dove si scelsero i vangeli da diffondere mi fa ridere. come se il cristianesimo fosse cosa solo umana. solo che da 2000 anni ancora esiste e resiste. hai mai sentito parlare di un certo Gamaliele. leggi negli atti degli apostoli che cosa disse… cosa avvenuta per 2 millenni. poi scusa… la cosa del xq28 è vera o l’hai inventata? che se vera il perché non è discussa a livello mondiale te lo dico io: comunque sia si nasce maschio e femmina, è una delle evidenze più forti. se davvero qualcuno ha trovato un gene causante l’omosessualità… non è impossibile pensare che l’omosessualità sia dovuta ad una alterazione genetica. proprio perché di fatto si nasce maschio o femmina e i due sessi sono complementari a livello sessuale. e una cosa simile (dell’alterazione genetica) non potrebbero pensarla sono i detrattori degli omosessuali ma anche parecchi omosessuali. e dopo finirebbe lo sfruttamento in chiave anti-cristiana che tanto c’è. poi sul perché ci sia, nel caso, una alterazione genetica… boh! mi vengono in mente teorie fanta archeologiche del tipo l’elettricità nell’antico egitto. magari scoprirono anche il nucleare, qualcosa andò storto ed ecco anomalie genetiche, deformità, risolte poi con metodi orribili tipo il monte taigeto. capirai che però qui siamo più nella fantasia che nella realtà.

      • teodoreto scrive:

        Buddhismo, Induismo e svariate altre religioni sono più antiche del Cristianesimo e della Chiesa, quindi sono più vicine alla Divinità.

        • LawFirstpope scrive:

          Ma il Cristianesimo non è una religione: è seguire l’insegnamento di una persona realmente esistita, è l’incontro con Cristo realmente presente nella Chiesa.

          • Ellas scrive:

            LawFirstpope, il cristianesimo è religione.

            E comunque anche se induismo e buddismo sono più antichi del cristianesimo, guarda come si comportano con i cristiani!

            • LawFirstpope scrive:

              Si tratta forse dell’acdezione diversa di “religione” che diamo: se essa è il solo tendere dell’uomo a Dio, il Cristianesimo è ben di più, perché Dio è il primo a tendere la mano per salvarci, con la venuta di Cristo nella storia. Solo questo intendevo.
              Ciao :)

        • mike scrive:

          peccato che non credano in un Dio personale ma in una forza cosmica. il che è dire tutto e soprattutto niente.
          il cristianesimo è, mutatis mutandis, la continuazione dell’ebraismo,3800 anni fa,per cui si può parlare di religione giudaico-cristiana. 3800 anni fa non so se c’erano l’induismo e buddismo. secondo me se qualcosa c’era si trattava del jainismo, che per me in qualche modo pare aver ricevuto influssi ebraici, e che credo sia alla base di altre cose come yoga taoismo e buddismo. dunque come la mettiamo? forse la religione pagana politeista è la più antica.

    • Giorgio scrive:

      “Detto ciò, ringrazio il giornalista e coloro hanno commentato per avermi concesso un sorriso in questo pomeriggio di studio.”
      Era meglio continuare a studiare, visto che intervenendo hai completato il gay pride dei dissenzienti che ridicolmente non si accorgono, coi loro (sotto sotto) stizziti interventi, di dar pienamente ragione alle tesi dell’articolo.
      Della tua concione rilevo solo due cosette:
      1) qualora venisse appurato che l’omosessualità avesse origine genetica (cosa assai lungi dall’essere dimostrata a dispetto del tuo ottimismo), cosa diavolo cambierebbe? Non sono forse di origine genetica alcune tremende malattie che affliggono l’umanità? Mica tutto quello che è “naturale” è automaticamente buono e giusto, sai?
      2) gli antichi saggiamente dicevano “sutor ne ultra crepidam!”, ricordati di questa saggia esortazione ogni volta che ti imbarchi in questioni di cui sai ben poco come le Sacre Scritture se non vuoi essere tu stesso a generare ilarità nei lettori.

      • LawFirstpope scrive:

        Prevengo le obiezioni invitando a pensare alle 2 diverse accezioni di “naturale”:
        1) Presente nel mondo della natura, come la intende ora Giorgio.
        2) Corrispondente all’essenza di qualcosa, come la si intende quando si dice che l’omosessualità non corrisponde alla “natura” dell’uomo.

  9. Paolo scrive:

    Ma poi scusate perchè “attaccato”? Perchè giornalisti e blogger hanno controbattuto alle affermazioni del signore? Questo sarebbe attaccare? È la libertà di opinione tanto cara dove va a finire ? Subito le sentinelle devono intervenire (o è solo per una certa “libertà di opinione”).. I giornalisti e i blogger a favore dei diritti delle famiglie omoparentali non possono rispondere ad un omosessuale, suo malgrado conservatore!!

  10. Cisco scrive:

    Sull’articolo linkato del Time non esistono queste frasi:
    «mi trovo a disagio con questa definizione secondo cui chiunque ha qualche riserva morale sui matrimoni gay è per definizione anti-gay». Altrimenti, ciò vorrebbe dire che «i miei genitori sono anti-gay, molti miei amici credenti (di tutte le fedi) sono anti-gay, il Papa è anti-gay, e, certo arriveremo fin qui, un certo teologo ebreo del primo secolo, Gesù, è anti-gay».
    Errato il link o abbaglio?

  11. Albo scrive:

    Conosco tanti etero ostili e contrari al matrimonio etero e allora? Aboliamo il matrimonio del tutto? Che cretinata l’articolo e le argomentazioni riportate!

    • LawFirstpope scrive:

      Conosco tanti che vivono contrari alla vita, io…
      Aboliamo le leggi che si fa prima. 😀

  12. Giorgio scrive:

    La cosa veramente divertente è che lo stizzito gay pride convocato per contestare l’articolo comicamente ne conferma la tesi dell’intolleranza dimostrata inesorabilmente dalle lobby gay contro chi dissente.
    Siete fantastici!

    • Bifocale scrive:

      Giorgio, non ho capito perchè sarebbero intolleranti coloro che semplicemente intervengono per dire che non sono d’accordo con le posizioni del signor Ambrosino, al quale nessuno vuole assolutamente imporre niente. Non si vuole sposare? e non si sposi, chi lo obbliga. Ma voler porre veti e pretende di impedire ad altri di poter fare qualcosa semplicemente perchè a noi non interessa è ben diverso dal semplice dissentire.

      • Giorgio scrive:

        Non hai capito perché evidentemente sei duro di cervice o hai la mortadella sugli occhi.

  13. Giuliano scrive:

    la superbia e’ una brutta bestia,l’arroganza e mostruosa, se un etero e’ nel male e’ chiamato a correggersi,se un gay e nel male e’ chiamato anche lui a correggersi, al contrario se non vogliamo correggerci allora subentra la superbia,e l’arroganza,questo perche’ non siamo capaci di cambiare.il male bisogna identificarlo per tale,non abbituarsi e alla fine rimani schiacciato senza avere la forza di contrastarlo.(Penitenza,Penitenza)attraverso la rinuncia diventi libero dalle schiavitu’ che ti avvelenano.

    • JH Smith scrive:

      è probabile che le tue considerazioni restino inascoltate alle orecchie dei diretti interessati. oggi si ha a che fare con le persone più cocciute ed egoiste della storia. se penso a cose lette nei quotidiani, cose risalenti alla II guerra mondiale, penso che i nazisti avevano tutto sommato la mente più aperta. ed anche più cuore, per quanto assurdo appaia.

  14. cristina scrive:

    uno che scrive che l’omosessualità è una scelta non va ascoltato , non va commentato, va solo ignorato, anche se omosessuale lui stesso… quando avrebbe deciso di essere gay, in che modo?? .. semplicemente ridicolo….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana