Google+

Bologna (anche Pd) vota la convenzione con le paritarie. Ma parte il referendum (di Sel) per annullarla

luglio 24, 2012 Carlo Candiani

Il Comune di Bologna vota a favore del nuovo sistema delle convenzioni con le scuole dell’infanzia paritarie a gestione privata. Anche il Pd favorevole, ma Sel appoggia il referendum per stopparlo

Il Consiglio comunale di Bologna ha approvato la convenzione con le scuole dell’infanzia paritarie a gestione privata. A favore hanno votato Pd, Pdl e Lega (gli ultimi due partiti dai banchi dell’opposizione), la maggioranza ha subìto l’astensione dei vendoliani (Sel) e il voto contrario dei grillini (Movimento Cinque Stelle).

Il quotidiano Avvenire illustra oggi il contenuto della delibera: «La durata della convenzione sarà quadriennale e mette nero su bianco l’importanza delle materne paritarie private nel Bolognese. Viene, quindi, innovato il sistema delle convenzioni, con l’intervento del Comune a copertura di quota parte dei costi di funzionamento, quale riconoscimento del servizio pubblico svolto dalle scuole paritarie private in coerenza e in complementarietà con la legge di parità scolastica. Da un lato è diminuita la parte contributo fisso, dall’altra si è ampliato il panorama degli indicatori, che le scuole, nella loro libertà, possono cercare di raggiungere per avere comunque lo stesso tipo di contributo che avevano prima: tra questi l’adozione di un sistema tariffario differenziato standard (costo annuo massimo onnicomprensivo inferiore o uguale a tremila euro annui, tre fasce tariffarie proporzionate al reddito familiare, di norma calcolato attraverso l’Isee)».

Scrive ancora Stefano Andrini su Avvenire: «Tra i premi anche un contributo economico pro capite proporzionale al numero delle famiglie iscritte assegnatarie del contributo in luogo della refezione scolastica. Poi, l’attivazione di progetti di qualificazione dell’offerta formativa, inerenti i sistemi di autovalutazione e/o sostegno alle genitorialità. E, infine, il sostegno all’inserimento di bambini stranieri e/o anticipatari (quattro in media per scuola) e/o bambini disabili (uno per scuola)». Soddisfatti i dirigenti delle scuole Fism (26 scuole associate, 72 sezioni convenzionate, 1.600 bambini accolti) e il presidente della Foe.

C’è chi, però, vuole indire un referendum consultivo. Il Comitato dei Garanti del Comune, dopo diverse ore di discussione, ha dato il via libera, giudicandolo ammissibile, a uno dei quesiti presentati dal Comitato Articolo 33, che ora dovrà raccogliere novemila firme in tre mesi per arrivare all’indizione di referendum consultivo per stoppare la convenzione. Il referendum verterà sulla seguente domanda: «Si dovranno utilizzare le risorse finanziarie comunali, che ora vengono erogate secondo il vigente sistema di convenzioni con le scuole d’infanzia paritarie a gestione privata, per le scuole comunali e statali o per le scuole paritarie private?».

Il Comitato Articolo 33 ha trovato il sostegno di Sinistra e Libertà, mentre il segretario Pd Raffaele Donini, così come scrive Repubblica, ha dichiarato: «Noi siamo favorevoli a continuare a concedere finanziamenti alle private. Con un milione di risorse, il 3 per cento del budget complessivo della scuola, si dà la sicurezza di un posto alla materna a 1736 bambini. Se si spostasse quel milione alle scuole comunali i soldi basterebbero per circa 150 bambini». Alla domanda su che cosa ne pensasse della posizione, all’interno della maggioranza, dei vendoliani, Donini ha risposto: «A noi spetta la responsabilità di garantire il servizio, ad altri la “ginnastica” di svolgere battaglie ideologiche».

Anche la Curia di Bologna ha preso posizione per voce del vicario monsignor Giovanni Silvagni: «Le scuole sono ad iniziativa privata, ma svolgono un servizio pubblico. Perché si discriminano e si penalizzano le scuole e non la sanità? Se questa non è ideologia, non so cos’altro sia. Dispiace che si venga trascinati in questa faccenda, con motivazioni ideologiche che possono generare confusione. In realtà, il soggetto che svolge un interesse pubblico, è pubblico, anche se di iniziativa privata. Paesi più laici del nostro lo hanno capito, noi siamo ancora indietro».
Sulla decisione dell’ammissibilità della domanda referendaria, è infuriata la pidiellina Valentina Castaldini: «Demenziale ammettere quel referendum: è anticostituzionale e mi meraviglio dell’incompetenza dei garanti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana