Google+

Un ristorantino adatto per la Quaresima dove la cotoletta fritta è di tonno

marzo 23, 2014 Tommaso Farina

fotoSi dice kasher (o kosher), si legge “conforme”. La religione ebraica sulla cucina non transige. Perché sia conforme ai precetti fondamentali, deve seguire certe regole: bando ai molluschi, ai crostacei, alla carne di maiale. E, in ottemperanza a passi dell’Antico Testamento, mai mangiare carne e latte insieme. E al latte si apparentano i sottoprodotti, come ricotte o formaggi. Non stupisca dunque se i fratelli Dabush, maniaci della cucina ebraica e dunque vogliosi di esplorarne tutte le sfumature, per preservare la purezza abbiano aperto nel Ghetto di Roma addirittura due ristoranti, a breve distanza l’uno dall’altro: il Ba’Ghetto (notare il gioco di parole), che cucina carne, e il Ba’Ghetto Milky, che invece scodella pietanze che i cattolici definirebbero “di magro”. Oggi ci occupiamo di quest’ultimo, che a conti fatti è adattissimo per pranzare fuori in un venerdì di Quaresima.

Si pranza in un ambiente elegante, caratterizzato dall’esposizione delle bottiglie dei vini rossi israeliani, delle alture del Golan ma non solo. Libera creatività alla carta, con preparazioni ebraiche ma anche fantasie varie che contemplano l’uso del pesce, anche col formaggio, in spregio al luogo comune inossidabile.

foto (1)Si può partire con buone polpettine falafel circondate da crema hummus di ceci, o con un carciofo alla giudia, un classico romano, fritto e croccante. Di primo, convince l’esecuzione della carbonara di mare (al salmone), visto l’uovo giustamente cremoso. Altrimenti, cous cous al ragù di cernia, tonnarelli all’amatriciana di mare o con carciofi, spigola e bottarga.

Si prosegue con un gran bel piatto: la schnitzel (cotoletta) di tonno impanata col sesamo e fritta con leggerezza, accompagnata con un tabbouleh di verdure e semola. Oppure, il baccalà con pomodoro e pinoli. Chiusura con la torta di ricotta e visciole.

Se vi interessano, ci sono pure le pizze. Noi preferiamo il resto. Conto di circa 45 euro.

Per informazioni:

Ba’Ghetto Milky
www.kosherinrome.itVia del Portico di Ottavia, 2/a – Roma
Tel. 0668300077
Chiuso venerdì sera e sabato a pranzo

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana