Google+

Ucraina, bel cul-de-sac obamiano

aprile 16, 2014 Pierluigi Magnaschi

Tratto da Italia Oggi – Chi ha appoggiato la primavera di Kiev, che ben presto si è trasformata in un colpo di stato che ha provocato la fuga di un premier filorusso, ma liberamente eletto, è stato un potente sempliciotto che non ha ben valutato le spaventose conseguenze di questa improvvida scelta. Siccome l’Ucraina è un paese che, da sempre, appartiene/dipende dalla Russia ed è popolato da una grande componente russofona e russofila (concentrata in particolare in Crimea e nelle regioni orientali) era chiaro che Mosca non poteva assistere a ciò che stava avvenendo senza reagire.

In particolare, avendo la Russia, in Crimea, una potentissima e strategica base navale (che poi è quella che le consente di arrivare, con le sue navi da guerra, direttamente al mar Mediterraneo e quindi nelle aree calde del Medio Oriente), la Russia, dopo un referendum inevitabilmente a suo favore, si è riappropriata della Crimea senza che l’Occidente, che pure aveva provocato la Russia, osasse opporsi allo scippo. In tal modo, è stato consacrato, di fatto, il diritto di appropriazione, da parte delle Russia, delle zone che, in quest’area, le interessano.

Ma siccome, anche in Russia, l’appetito vien mangiando, i russofili che sono in maggioranza nell’area orientale dell’Ucraina, verosimilmente organizzati dai servizi segreti russi, hanno cominciato ad agitarsi contro il pericolo che Kiev li voglia sopraffare e hanno occupato diversi locali pubblici compresi diversi posti di polizia. Se Kiev non vuole perdere la faccia, deve, a questo punto, ristabilire il primato del governo centrale, intervenendo con la forza per liberare i locali pubblici occupati. Ma lo deve fare in una zona dove i russi sono in maggioranza e sono organizzati dal Gur, il servizio segreto militare russo che si è ampiamente infiltrato.

Le alternative, a questo punto, sono tutte perdenti. Se Kiev non interviene, vuol dire che si arrende agli indipendentisti. Se interviene, deve mettere in conto scontri sanguinosi che determineranno l’intervento di Mosca in «difesa dei russi ucraini massacrati da un governo fantoccio». Se, cosa improbabile, a questo punto, intervenisse la Nato (con che legittimazione fra l’altro?) sarebbe lo scontro diretto con la Russia. Insomma bel cul-de-sac di tipo obamiano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Mappo says:

    Grazie Obama.
    A quando il nobel per la pace al ragionier Fantozzi Ugo ?????

  2. giuliano says:

    Obama voleva punire Putin perchè si oppone al mondo orwelliano dei Gay promosso e appoggiato dall’abortista Obama e dalla EU. Ma con Putin i deviati mentali occidentali si romperanno le corna

    • pallo says:

      @Giuliano: è vero è colpa dei Gay … sicuramente Obama e Putin scatenano le guerre per i Gay !!! Siete veramente RIDICOLI …. se non foste così TALEBANI fareste ridere !!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download