Google+

Ucraina, bel cul-de-sac obamiano

aprile 16, 2014 Pierluigi Magnaschi

Tratto da Italia Oggi – Chi ha appoggiato la primavera di Kiev, che ben presto si è trasformata in un colpo di stato che ha provocato la fuga di un premier filorusso, ma liberamente eletto, è stato un potente sempliciotto che non ha ben valutato le spaventose conseguenze di questa improvvida scelta. Siccome l’Ucraina è un paese che, da sempre, appartiene/dipende dalla Russia ed è popolato da una grande componente russofona e russofila (concentrata in particolare in Crimea e nelle regioni orientali) era chiaro che Mosca non poteva assistere a ciò che stava avvenendo senza reagire.

In particolare, avendo la Russia, in Crimea, una potentissima e strategica base navale (che poi è quella che le consente di arrivare, con le sue navi da guerra, direttamente al mar Mediterraneo e quindi nelle aree calde del Medio Oriente), la Russia, dopo un referendum inevitabilmente a suo favore, si è riappropriata della Crimea senza che l’Occidente, che pure aveva provocato la Russia, osasse opporsi allo scippo. In tal modo, è stato consacrato, di fatto, il diritto di appropriazione, da parte delle Russia, delle zone che, in quest’area, le interessano.

Ma siccome, anche in Russia, l’appetito vien mangiando, i russofili che sono in maggioranza nell’area orientale dell’Ucraina, verosimilmente organizzati dai servizi segreti russi, hanno cominciato ad agitarsi contro il pericolo che Kiev li voglia sopraffare e hanno occupato diversi locali pubblici compresi diversi posti di polizia. Se Kiev non vuole perdere la faccia, deve, a questo punto, ristabilire il primato del governo centrale, intervenendo con la forza per liberare i locali pubblici occupati. Ma lo deve fare in una zona dove i russi sono in maggioranza e sono organizzati dal Gur, il servizio segreto militare russo che si è ampiamente infiltrato.

Le alternative, a questo punto, sono tutte perdenti. Se Kiev non interviene, vuol dire che si arrende agli indipendentisti. Se interviene, deve mettere in conto scontri sanguinosi che determineranno l’intervento di Mosca in «difesa dei russi ucraini massacrati da un governo fantoccio». Se, cosa improbabile, a questo punto, intervenisse la Nato (con che legittimazione fra l’altro?) sarebbe lo scontro diretto con la Russia. Insomma bel cul-de-sac di tipo obamiano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Grazie Obama.
    A quando il nobel per la pace al ragionier Fantozzi Ugo ?????

  2. giuliano scrive:

    Obama voleva punire Putin perchè si oppone al mondo orwelliano dei Gay promosso e appoggiato dall’abortista Obama e dalla EU. Ma con Putin i deviati mentali occidentali si romperanno le corna

    • pallo scrive:

      @Giuliano: è vero è colpa dei Gay … sicuramente Obama e Putin scatenano le guerre per i Gay !!! Siete veramente RIDICOLI …. se non foste così TALEBANI fareste ridere !!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana