Google+

La Russia che ha nostalgia dell’Urss

aprile 29, 2016 Angelo Bonaguro

A 25 anni dal tracollo dell’Urss, in Russia la nostalgia dell’impero sovietico è ancora molto sentita, almeno secondo i dati del sondaggio condotto nel marzo scorso e pubblicato pochi giorni fa dal Centro Levada: il 56% degli intervistati, infatti, si dice «dispiaciuto» per il crollo dell’Unione. Può sembrare strano, ma è dal marzo del 1992 che la percentuale di nostalgici non è mai scesa sotto al 50%, con punte del 75% registrate nel dicembre del 2000. Al contrario, coloro che non rimpiangono l’Urss non hanno mai superato il 37% (novembre 2015), attestandosi oggi al 28%.

Alla domanda «Ricostituireste l’Urss e il sistema socialista?», le percentuali odierne rispetto a dieci anni fa restano più o meno inalterate, con la prevalenza ancora dei nostalgici che tra speranza e disincanto arrivano al 60%:

sistemasovietico

(Fonte: www.levada.ru – 1600 intervistati di 48 regioni, errore statistico < 3,4%).

Solo il 33% degli intervistati ritiene che il disfacimento dell’Unione fosse «inevitabile», al contrario è dal 1998 che oltre il 50% avrebbe voluto evitarlo.
Commentando i dati, la sociologa Karina Pipija ha osservato che nei primi anni del nuovo millennio la nostalgia era dovuta alla disillusione causata dall’insuccesso delle riforme che non hanno aiutato la popolazione a risollevarsi. Sono soprattutto gli over 50 residenti in provincia a provare nostalgia per il passato sovietico, ossia la fascia di popolazione adulta meno tutelata e per la quale i problemi quotidiani riguardano la pensione, l’aumento dei prezzi, l’assistenza sanitaria. Costoro hanno l’impressione che «il paese sia stato distrutto per niente» e che «stavamo meglio in epoca sovietica».

Non poteva mancare l’apprezzamento per Lenin, il padre fondatore dell’Urss: il Centro Levada ha aggiunto una domanda proprio sul suo ruolo nella storia patria. Rispetto a dieci anni fa, quando era il 40% degli intervistati a valutarlo positivamente, oggi siamo al 53%. L’alto gradimento goduto dai leader storici dell’Urss è confermato dal 37% di valutazione positiva ottenuto da Stalin in un precedente sondaggio di Levada, anche se in questo caso il giudizio era controverso: da un lato non si negava il fatto che fosse stato un tiranno, dall’altro però si tendeva a giustificarne i crimini interpretandoli come «necessità storica».

Deposizione di fiori sulla tomba di Stalin, 5 marzo 2016.

Deposizione di fiori sulla tomba di Stalin, 5 marzo 2016.

Del resto, anche quest’anno il 5 marzo – data della morte del Generalissimo – parecchi nostalgici hanno deposto fiori presso la sua tomba, e non si trattava solo di anziani e pensionati. Se i fondatori dell’URSS godono di ammirazione, lo stesso non si può dire degli ultimi leader pre-putiniani, Gorbačev e El’cin, il cui operato – specialmente quello di El’cin – nell’interpretazione dominante viene spesso collegato a un’epoca di decadenza e di subordinazione all’Occidente. «L’atteggiamento nei confronti di Lenin – ha scritto il pubblicista Nikolaj Epple sulle Vedomosti – rispecchia il tipico pensiero conservatore russo, che non si basa sui valori ma sulla paura di rimuovere il passato». Un simile modo di intendere il passato – conclude Epple – è simile al passaggio da una strategia di sviluppo alla mera sopravvivenza: i sociologi parlano di un «orgoglio compensatorio» che si sviluppa nella società proprio nei periodi di maggiore crisi, e che si accompagna con la perdita di una chiara immagine del futuro. Quando non c’è futuro, resta la sacralizzazione del grande passato. Così, in attesa della parata del 9 maggio, festa della vittoria, si è svolto il teatrino della distribuzione gratuita del nastro nero-arancione di San Giorgio, simbolo riesumato dalle antiche glorie imperiali e che negli ultimi anni ha raggiunto quasi un livello di sacralità: è ancora vivo il ricordo di quanto accaduto l’anno scorso quando una sprovveduta aveva appoggiato il proprio lato B su una panca ricoperta di stoffa arancione-nera, e la sua foto sui social aveva suscitato un’ondata di indignazione patriottica.

mummiaLeninEpple sottolinea l’elasticità leniniana dell’attuale leadership russa nel riuscire a conciliare elementi contraddittori come «il culto pagano del fuoco eterno e le preghiere per i caduti, l’omaggio alla tomba di Stalin e il progetto di erigere un memoriale alle vittime del terrore staliniano. Anche lo ziggurat di porfido sulla Piazza rossa rientra a pieno titolo in questa molteplicità di culti». E quest’anno dal budget statale è stata stanziata una somma di oltre 150 mila euro per la conservazione della salma di Vladimir Il’ič.

Dovremo cambiare titolo al blog: welcome back, Lenin…


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana