Google+

Quante possibilità ha Renzi di vincere le primarie del Pd? Zero (e lo sa anche lui)

settembre 4, 2012

Mettiamo subito le cose in chiaro: Matteo Renzi non ha nessuna possibilità di farcela. In una corsa a tre con Pierluigi Bersani e Nichi Vendola il sindaco di Firenze viene accreditato dai sondaggi di una quota intorno al 25%. Il patto di sindacato che il Pd ha stretto sul nome del segretario per ora non teme il risultato delle urne. Anche Vendola, che pur drena voti anche a Bersani, sottrae consenso a Renzi, e potrebbe raggranellare una percentuale vicina al 20%. Il leader dei rottamatori è conscio che la sua è una battaglia a perdere. Eppure, a leggere i primi dati, sembra si sia innervosito. La sua è una partita che si gioca tutta all’interno del partito.

Se riuscisse ad ottenere un risultato intorno al 30%, e contemporaneamente Bersani scendesse sotto il 50%, a quest’ultimo andrebbe senz’altro l’investitura da premier in pectore, ma Renzi potrebbe iniziare a tessere la tela i cui prodromi si scorgono già da oggi all’orizzonte. Il sindaco di Firenze mira a porsi come leader della minoranza interna dei Democratici, raggranellando dietro di sé tutte le componenti di minoranza insofferenti alla leadership bersaniana. E lo può fare solamente se la sua sconfitta si manterrà entro un determinato confine.

Anche in quel caso, osservano alcuni dirigenti di largo del Nazareno, l’operazione sarà complicata. Un conto è la caleidoscopica battaglia per il consenso del popolo di centrosinistra. Un altro è convogliare il voto della maggioranza dei delegati del partito sotto il suo nome. Tutto questo solo dopo essere riuscito a trovare un punto di sintesi tra le varie anime del corpaccione piddino ostile a Bersani.

Renzi ha iniziato da quell’ala del partito che auspica un centrosinistra che raccolga l’eredità del governo Monti. Enrico Morando, Marco Follini, Salvatore Vassallo, Stefano Ceccanti , Umberto Ranieri, Giorgio Tonini e Pietro Ichino entro fine mese dovrebbero ufficializzare il loro sostegno al giovane amministratore. Non basterà a sancirne la vittoria, ma è un segnale politico da non sottovalutare.

«Renzi dovrebbe puntare a vincere il congresso – spiega un dirigente piddino – È un’operazione ardua, ma come fai a cambiare tutto come ha fatto Tony Blair in Gran Bretagna se non hai la maggioranza dei tuoi al seguito?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Beh qui a Firenze almeno per il tempo della campagna elettorale per le primarie ce ne siamo liberati e già questo è qualcosa. Speriamo che gli diano qualche incarico di partito a Roma e che se ne vada per sempre da Firenze. Anche Renzi, come tutti i suoi predecessori targati PD, DS, PDS e PCI, è riuscito nell’impresa eccezionale di far rimpiangere il suo predecessore, eppure riuscire a far peggio di quel carciofo che lo aveva preceduto, tale Domenici, sembrava realmente impossibile.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Per presentare la nuova Volkswagen UP! GTI non poteva esserci occasione più adatta del Wörthersee 2017, il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW. Anche se, in realtà, come accaduto in passato alla “sorella maggiore” Golf GTI Clubsport, a debuttare non sarà la vettura in versione definitiva, bensì una concept che si […]

L'articolo Volkswagen UP! GTI: la piccola si è arrabbiata proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana