Google+

Primarie centrosinistra: perché i bersaniani non hanno torto ma i renziani hanno ragione a protestare

novembre 28, 2012

I renziani accusano il Comitato elettorale centrale di aver previsto “regole da Ddr”. I bersaniani si difendono spiegando che le norme sono state decise tempo fa e non le si può cambiare.
A chi credere sulla contestatissima faccenda dell’accesso al secondo turno delle primarie del centrosinistra per chi non si è registrato entro il 25 novembre? La verità sta nel mezzo.
Il comma 4 dell’articolo 24 del Regolamento prevede in effetti una piccola finestra di riapertura delle iscrizioni. Con una condizione:

Possono altresì partecipare al voto coloro che dichiarino di essersi trovati, per cause indipendenti dalla loro volontà, nell’impossibilità di registrarsi all’Albo degli elettori entro la data del 25 novembre, e che, in due giorni compresi tra il 27/11 e il 01/12, stabiliti con delibera dal Coordinamento nazionale, sottoscrivano l’Appello pubblico in sostegno della Coalizione di centro sinistra “Italia Bene Comune” e quindi si iscrivano all’Albo degli elettori.

Nico Stumpo, responsabile della macchina elettorale, ha dunque ragione quando afferma che eventuali altre iscrizioni possono avvenire solo nell’arco di 48 ore e che devono recare una dichiarazione d’impossibilità ad essersi iscritti prima.
Nelle modalità con cui dare seguito alla norma regolamentare, la sua è un’interpretazione assai restrittiva: “In ogni capoluogo di provincia giovedì e venerdì sarà aperto un apposito ufficio elettorale dove i ritardatari dovranno spiegare, documentandola, la causa della loro mancata registrazione”.
Formalmente ineccepibile, quella di Stumpo è un’argomentazione che fissa un percorso attuativo nel dare seguito ad una norma generale. E che fissa dei paletti estremamente rigidi. Il problema, dunque, non va posto sul piano della riscrittura di regole già stabilite a partita in corso, ma dell’interpretazione delle stesse.

Perché non aprire la possibile iscrizione anche in un giorno non lavorativo (ad esempio venerdì e sabato)? Perché non consentire la registrazione online, facendola accompagnare da un modulo di autodichiarazione? Perché prevedere la possibile sottoscrizione in un unico posto, scelto nel capoluogo di provincia? Perché non limitarsi ad un’autocertificazione (il regolamento parla di “coloro che dichiarino”) ma richiedere una “dimostrazione”?

Tutte domande che lo staff dei renziani dovrebbero porre a chi guida la macchina organizzativa. Senza dover chiedere a gran voce la riscrittura delle regole (come stanno facendo in queste ore). Perché una legittima interpretazione alternativa delle regole stesse è possibile, e verrebbe incontro ai loro desiderata.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana