Google+

Povero l’uomo che piange un orso più di tre missionarie sgozzate. Il dovere di andare controcorrente

settembre 29, 2014 Pippo Corigliano

Aristotele diceva che l’uomo è un animale razionale, oggi la cultura dominante ritiene l’uomo un animale sentimentale. Solo così si spiega come mai piangiamo per la morte dell’orsa e tiriamo avanti alla notizia di tre missionarie italiane sgozzate in Africa. Erano tre donne che avevano offerto la loro vita a Dio e agli altri, rinunciando agli amori, agli affetti personali e al loro paese, e permettiamo che solo Dio se ne ricordi e le accolga: sui giornali non un approfondimento, non una storia…

Non c’è da scandalizzarsi, c’è da attrezzarsi. La cultura dei media ci vuol convincere che l’uomo è un animale fra gli altri, che gli animali hanno i nostri stessi diritti e, soprattutto, che l’uomo è solo su questa terra e si costruisce da sé. Un quadro che lascia come punto irrisolto soltanto la morte: un accidente che capita inaspettatamente a questo uomo-dio.

Io, assieme a molti altri migliori di me, ho il compito di far capire che l’uomo è una creatura di Dio, reso figlio di Dio da Gesù: un essere che pensa e ama, anche gli orsi ma nell’ordine voluto da Dio. Oggi come cristiano devo andare controcorrente, devo studiare non solo il catechismo ma le vite dei santi, veri amici di Dio.

Santa Caterina scriveva «nel prezioso sangue di Gesù» e concludeva le sue lettere con «Gesù dolce, Gesù amore». Cristo aveva scambiato il suo cuore con il Suo. Sta a me, ultimo della fila, addentrarmi nel mistero dell’amore di Dio e comunicare agli altri, con tutti i media, che è vera questa bella notizia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. Antonio scrive:

    l’orsa daniza, la giraffa marius, peppa pig… almeno queste scempiaggini mostrano la stupidità e il fanatismo degli animalisti estremisti, se mai ce ne fosse bisogno.

  2. Padre Amilcare scrive:

    Come previsto il mio commento è stato “moderato” o meglio, censurato da chi, una volta, consideravo fratelli. Possa Dio avere pietà di voi…

  3. Peppe scrive:

    … trovo tali affermazioni espressione di spirito di polemica inultile e desiderio di creare fratture mentali: non si può piangere sia l’orso che le tre missionarie? Bisogna assolutamente schierarsi? Povero colui che pensa ciò, dovrebbe recarsi da qualcuno bravo a spiegarglielo … ciao

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana