Google+

Ogni giorno centinaia di studenti si recano in azienda per imparare facendo. Qui diamo voce alla loro esperienza

luglio 9, 2014 Michele Tiraboschi

Fare-apprendistatoCon questo editoriale che pubblichiamo, Michele Tiraboschi, direttore del Centro studi internazionali comparati Adapt-Marco Biagi, inaugura la sezione con cui Tempi.it e Adapt intendono collaborare al racconto di storie ed esperienze significative di pratiche di apprendistato in alternanza tra scuola e lavoro in Italia.

 

Che futuro possiamo offrire ai nostri giovani? Quanti anni di calvario li attendono prima di trovare un lavoro? Potranno, infine, realizzare i loro sogni e concretizzare anni di studio?

Una risposta a simili quesiti potrebbe essere l’apprendistato; anche se, non sempre, l’apprendistato sembra essere lo strumento più adatto agli occhi delle famiglie e dei giovani, che ancora lo accostano, talvolta, all’immagine del vecchio garzone di bottega e che disdegnano, dopo lo studio, una sana gavetta come migliore risposta al difficile inserimento nel mondo del lavoro.

Nonostante la diffidenza, però, le buone pratiche non mancano. Ogni giorno centinaia di giovani si recano sul posto di lavoro per imparare un mestiere. Alcuni di questi lo fanno anche durante l’orario scolastico grazie all’alternanza scuola-lavoro.

Per queste ragioni è utile una rubrica come quella che inauguriamo oggi. Il servizio migliore che si possa offrire all’apprendistato, infatti, è quello di raccontare esperienze presenti sul territorio. È quello che fanno già da tempo i giornali stranieri (The Guardian su tutti), che utilizzano le loro colonne per interessanti e utili sperimentazioni di “storytelling” sul tema.

Lo scarso utilizzo dell’apprendistato in Italia, invece, ha una natura più culturale che altro. L’idea che il luogo di lavoro possa essere lo spazio centrale di crescita delle competenze è ancora molto distante dalla sensibilità di un certo mondo imprenditoriale e sindacale italiani.

Anche i nostri ragazzi spesso non sono a conoscenza di questa possibilità. Raccontare le storie di tanti loro coetanei, pertanto, potrebbe mostrargli un mondo ignorato sia per un pregiudizio culturale, del quale sono succubi, sia per mancanza di informazione da parte dei media.

Mostrare che, dove avviene, l’apprendistato funziona, forma lavoratori competenti, aumenta l’occupabilità dei giovani, diminuisce il rischio di disoccupazione è oggi il modo migliore per tentare di sciogliere questo nodo culturale che tanto fa male al nostro Paese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana