Google+

Lode a Fausto Bertinotti e al coraggio di chi cambia idea

settembre 3, 2014 Pino Suriano

Per riconoscere i propri errori non si paga. Non in denaro, ma in orgoglio sì. Per questo accade così di rado. Non è facile di fronte a se stessi, non lo è di fronte al mondo, lo è ancor meno per un personaggio pubblico.

Lode a Fausto Bertinotti, perciò, nuovo eroe del giorno dopo la pausa estiva della rubrica. L’ex presidente della Camera ed ex segretario di Rifondazione Comunista, in un intervento al Festival di Todi ha avuto il coraggio di ammettere i limiti della storia alla quale ha prestato la vita: il comunismo.

Riconoscerne i limiti non significa, però, decretarne l’infondatezza o l’irragionevolezza. Lui non lo ha fatto, diversamente da quanto vorrebbero far credere i tanti che già intendono usare le sue parole come un postumo scalpo di vittoria. E non ha espresso un pentimento, anzi. «La storia a cui appartengo», ha gridato più volte, senza il timore di usare il presente, né quel verbo magnifico e profondo che è “appartenere”.

Eppure ciò non gli ha impedito di riconoscere pubblicamente il dato storico (prima che morale) di un fallimento evidente. Sono parole sue: «Questo mondo, il comunismo, è stato sconfitto dalla falsificazione della sua tesi e da un cambiamento della scena del mondo che possiamo chiamare globalizzazione e capitalismo finanziario. […] Io appartengo a una cultura, faccio fatica a dirlo, che ha pensato che si potessero comprimere almeno per un certo periodo dei diritti individuali in nome di una causa di liberazione».

Ma ancor più coraggioso che riconoscere la propria sconfitta, forse, è riconoscere ciò che non si è saputo guardare. E che si i trovava altrove: «Nel momento in cui questa scena viene cambiata io penso che la cultura liberale, che è stata attenta più di me e della mia cultura, all’individuo, cioè alla difesa dei diritti dell’individuo o della persona, contro tutti i poteri economici e anche lo stato, questa cultura è indispensabile per intraprendere il nuovo cammino di liberazione».

La cultura liberale ma anche quella cattolica. L’unica delle tre grandi proposte culturali degli ultimi due secoli ancora vitale, anche grazie a papa Francesco («Sembra davvero di assistere nel mondo a una parola profetica»). Il tutto nato da un gesto “rivoluzionario” (occhio all’aggettivo e a chi lo usa). Quale? «Le imprevedibili dimissioni di un Papa […] che hanno prodotto tutto questo».

Non avevano ragione solo loro, i comunisti, e gli altri solo torto (con tutte le drammatiche conseguenze che questo ha comportato: leggasi sovietismo, ma anche, in casa nostra, terrorismo). Vale anche per le altre culture.

Non c’è solo quello che crediamo di vedere. La realtà (e sostanzio: il mondo, le cose, l’universo, gli altri) ci supera sempre. È in questa umiltà il senso bello e dolce (bello anche il suono) della parola mistero, sempre più scudo e lancia, in questi tempi di pretesa tecno-scientica.

Don Luigi Giussani ne ha parlato con una metafora semplice, la «ragione come finestra», e lo ha insegnato a tutti con un versetto di William Shakespeare: «Ci sono più cose in terra, Orazio, di quante ne sogni la filosofia».

Lo esprime anche un buon vecchio detto di James Russel Lowell: «Solo i morti e gli stupidi non cambiano mai opinione». Gli ipocriti invece lo fanno… ma non lo dicono in giro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    vorrei che Bertinotti queste cose le dica non solo alla convenscion dei democristiani di sinistra, ma pure alle assemblee dei collettivi rossi e negli incontri delle varie feste dell’unità e di liberazione. allora si sarebbe vero coraggio. fino ad allora è voglia di apparire. un po’ come fini che andava alle feste del pd per farsi applaudire.

  2. donata scrive:

    Concordo con il Sig.Taddei .

    Il sig.Bertinotti non sa più come fare per salire alla ribalta,lodarlo addirittura mi sembra eccessivo

    Che si ritiri in campagna a meditare ed esca di scena in silenzio……(visti i danni fatti)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un trapianto di cuore in piena regola. In Jaguar, da piccoli, devono aver giocato con “L’allegro chirurgo”, dato che il V8 5.0 sovralimentato della F-Type R trova posto sotto il cofano della berlina di medie dimensioni XE, entry level – si fa per dire – della gamma di Coventry. Un’operazione che porta alla nascita della […]

L'articolo Jaguar XE SV Project 8: nessuna come lei proviene da RED Live.

Prendi la moto più venduta da anni. Provata e riprovata in tutte le condizioni. Cosa si può raccontare ancora di lei? Parto con queste convinzioni per l’ennesimo test della ennesima R 1200 GS (le ho provate tutte le GS dalla 1100 a oggi). È la Rallye che ho già provato poco tempo fa in un […]

L'articolo Alla GS Academy con BMW R 1200 GS Rallye assetto sport proviene da RED Live.

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana