Google+

Hollywood è il regno degli uteri in affitto

luglio 9, 2012 Elisabetta Longo

Il prossimo 7 settembre uscirà nelle sale il film Che cosa aspettarsi quando si aspetta, una commedia che prende spunto dal famigerato manuale americano sulla gravidanza che tutti i genitori cominciano a leggere quando aspettano un bambino. Nel cast, Elizabeth Banks, attrice bionda non ancora troppo famosa qui da noi se non per un ruolo nel telefilm Scrubs, che ha appena raccontato di essere diventata mamma nel suo blog. Quindi anche lei ha letto il manuale del film? Niente affatto, a leggere il manuale sull’andamento dei nove mesi di gravidanza sarà stata piuttosto la mamma surrogata, che la Banks ha usato per avere suo figlio Felix. L’attrice si era rivolta come tanti all’organizzazione Creating Families, dove chiunque può realizzare i propri desideri di maternità. Basta aspettare nove mesi e la cicogna recapiterà a casa vostra un bambino fatto e finito.

La Banks non è la prima residente a Hollywood a raccontare questa diversa maternità. Anche Nicole Kidman ha ringraziato la proprietaria dell’utero in affitto di cui ha usufruito per avere Faith Margaret, la sua seconda figlia. L’ex moglie di Tom Cruise ha raccontato a una televisione australiana che il suo desiderio di diventare di nuovo mamma, dopo la nascita di Sunday Rose, era troppo forte, ma erano anche bassissime le probabilità di rimanere incinta. Così si è rivolta a un centro che si occupa di questo tipo di servizi, che le ha fatto conoscere una donna disponibile allo scopo alla quale Nicole si dichiara eternamente grata.

Come lei ha fatto anche la superfashion, già madre del piccolo James, Sarah Jessica Parker, che all’età di 44 anni ha avuto due gemelle, Marion Loretta Elwell e Tabitha Hodge, nate appunto da una mamma surrogata, la cui nascita è stata presentata con conferenza stampa e foto ufficiali in posa. Le adozioni, tanto sponsorizzate da Angelina Jolie e da Madonna, sono già passate di moda.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa britannica annuncia l’erede dell’ammiraglia sportiva del 1976. Mossa da un V12 5.9 da almeno 570 cv, sarà destinata ai mercati del Medio Oriente. Per possederla non basterà essere ricchi: Aston Martin sceglierà i clienti da “invitare” all’acquisto

L’evoluzione del paraschiena, che permette una maggiore libertà di movimento

La versione track car della supersportiva britannica, mossa da un’unità ibrida da 1.000 cv, verrà svelata a metà agosto in occasione del concorso d’eleganza californiano. Rinuncia al freno aerodinamico in favore di un’ala monoplano fissa

Dalle strade scorrevoli del Monferrato casalese fino ai tracciati enduro di Finale Ligure: 150 km e 3.000 metri di dislivello con la Bianchi Methanol FS la prima Full di di Bianchi, che coniuga al meglio reattività e comfort. Montata Shimano XTR costa 5.490 euro

E' quello che ci vuole per calarsi nei panni di un pilota da Rally. Noi ci siamo riusciti grazie a Peugeot, che ci ha fatto provare in prima persona l’ebbrezza di una vera prova speciale, mettendoci al volante delle 208 T16 e R2. Cuore a mille, sensazioni uniche

Speciale Nuovo San Gerardo