Google+

Elogio dei carabinieri, gente seria. Mica come certi giudici da barzelletta

luglio 17, 2012 Franco Molon

A leggere alcune notizie di questi giorni vien da pensare che i Carabinieri, in questo paese, siano tra i pochi che conservano ancora un rapporto normale con la realtà; non solo perché sanno morire da eroi in Iraq e in Afghanistan ma anche perché hanno il coraggio di spiegare ai loro ingenui ragazzotti le deviazioni sessuali per quello che sono e perché sono capaci di sparare una pistolettata a due cani inferociti che stanno sbranando una povera donna.

A questo proposito vi invito a fare un giro sui social network e leggere il tenore della maggior parte dei commenti circa quest’ultimo episodio.

Se la proprietà transitiva ha un qualche valore in queste faccende, mi vien di credere loro anche quando testimoniano in tribunale sulla presunta trattativa Stato-Mafia; questa sì una vera barzelletta, sui pm di Palermo, non sui Carabinieri.

Se questi, i pm, continuano a insistere, oltre a far arrabbiare Napolitano, daranno origine a un nuovo filone di battute sulla stupidità umana, quello che inizia così: “Un giudice di Palermo dice a un altro giudice di Palermo…”. E tutti giù a ridere, se non ci fosse da piangere.

E con questo, maresciallo, siamo pari con quella faccenda della multa per eccesso di velocità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. Andrea scrive:

    Dalla chiusa dell’articolo sembrerebbe che ci fosse un debito di riconoscenza per una multa annullata.

    A proposito dei caramba, sono finiti i tempi in cui far parte dell’ era un onore e una vocazione? Mio nonno fu carabiniere e quando c’era un controlli qualsiasi, anche un controllore sul tram, lui con orgoglio mostrava la tessera dell’arma e tanto bastava, non per passare impunito, ma per rassicurare che di quella persona ci si poteva fidare ciecamente.

    I tempi cambiano e anche tra i carabinieri si son lette di persone che si son macchiate, ma al contrario di chi giudica i carabinieri sono sulla strada e tanto basta per tenerli con i piedi per terra e vicino alla gente.

    • Franco Molon scrive:

      Ciao Andrea, grazie per il tuo commento. Mi piace molto l’immagine finale di stare sulla strada ed avere quindi i piedi per terra. Per il resto concordo con te. Quella della multa è una battuta, non fare il carabiniere :-)

  2. Mappo scrive:

    Da carabiniere in congedo grazie per l’articolo. Un piccolo ricordo personale su cosa rappresentano i carabinieri per la gente: Ero andato in missione a Roma per alcuni giorni, al momento di ritornare alla mia sede, per far prima, non mi misi in borghese, ma restai in divisa. Arrivato al treno scelsi uno scompartimento vuoto. Anche se non era notte, ma solo tardo pomeriggio a poco a poco durante il viaggio lo scompartimento in cui mi trovavo e quelli accanto si riempirono di persone. Ad un certo punto per sgranchirmi feci qualche passo lungo il vagone e vidi con sorpresa che praticamente tutti i passeggeri del mio vagone e di parte dei due vagoni adiacenti si erano raggruppati attorno al mio scompartimento. Da una parte la cosa mi commosse dall’altra mi costrinse a chiedermi quale dovesse essere la sicurezza su quel treno se la mia sola presenza aveva avuto quell’effetto. In ogni caso fui felice di aver fatto viaggiare tranquillamente tutta quella gente.

    • Loryblu scrive:

      E’ vero che come ogni realtà ci sono presenze che oscurano il bene..ma il corpo dei Carabinieri è da sempre il riferimento del nostro paese e sentiamo l’Arma parte della nostra cultura, perché in fondo il Carabiniere è sempre stato vicino alla gente, ha sempre agito condotto dalla regola ma anche dalla propria esperienza…possiamo dire che il volto umano della Legge.. Quindi onore all’Arma, ai suoi eroi deceduti in servizio, sperando riesca a preservarsi il più possibile dalla corruzione di questo mondo e di questa società piena di infiltrazioni “cancerose”.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana