Google+

Di questo passo dove andremo a finire?

febbraio 8, 2013

Di fronte all’incertezza di una campagna elettorale condotta dai migliori barzellettieri d’Italia, alla macelleria etica dei diritti confusionari, alle convulsioni di una economia arrivata al dunque, come sempre, si leva forte l’eterna domanda costitutiva del benpensante d’ogni religione: “Dove andremo a finire, di questo passo?”

È un quesito che i bravuomini si pongono da sempre, da molto prima di quando videro per la prima volta i pantaloni a zampa di elefante. Per difendersi dall’angoscia di un futuro tetro, allora, i benpensanti ricorrono alle armi a loro più congeniali, dalla nobile invettiva morale al lancio di aerei dentro i grattacieli di New York.

Al contrario i cristiani d’ogni religione la prendono più allegra, loro, che sono passati tra i leoni del Colosseo e i kapò dei gulag asiatici, sanno, più o meno, dove andremo a finire e non se ne danno pena. Essi considerano che la strada da qui all’aldilà sia solo una processione di occasioni per riconoscere e costruire il bene.

Non importa dove andremo a finire, conta quello che iniziamo ora. Per quanto una minigonna o un’impennata dello spread possano far presagire un domani di abiezione morale o di povertà, sempre ci sarà un punto, per quanto piccolo, di bene cui guardare e su cui costruire.

È per questo motivo che i cristiani di ogni religione non ne fanno mai una questione di battaglia ma solo di amore.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. E' proprio così scrive:

    V e r o :-J

  2. Hughes scrive:

    Ottima riflessione. Grazie!

  3. Alcofibras scrive:

    finora ci sono state cinque estinzioni di massa, ora aspettiamo la sesta

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana