Google+

Cina. Governo vieta alle università di parlare di «valori democratici» e «errori del Partito comunista»

maggio 11, 2013 Leone Grotti

I docenti universitari in Cina devono stare attenti a quello che dicono. Secondo tre diverse fonti gli atenei della Repubblica popolare cinese non devono mai parlare degli «errori del Partito comunista» e dei «valori democratici».

I SETTE TABÙ. Wang Jiangsong, che insegna filosofia al China Institute of Industrial Relations di Pechino, ha rivelato al South China Morning Post che il governo centrale ha inviato un documento alla segreteria dell’università chiedendo di non toccare nelle lezioni questi temi: «Libertà di stampa, società civile, diritti civili, errori storici del Partito comunista, favoritismi per le élites e sistema giudiziario indipendente». Secondo Wang «l’obiettivo è avvisarti che come insegnante devi stare molto attento a quello che dici».

RESISTENZA. La stessa cosa è stata confermata da un professore di giurisprudenza di Shanghai e da Yao Jianfu, ex ricercatore al Centro ricerca e sviluppo del Consiglio statale cinese. Secondo AsiaNews «La resistenza democratica ha ripreso vigore nelle università cinesi, culla della rivoluzione poi schiacciata dai carri armati in piazza Tiananmen nel 1989. Diversi intellettuali, docenti e esperti di diritto si sono con il tempo sempre più esposti per denunciare la dittatura monopartitica e la soppressione dei diritti umani e civili in Cina».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana