Google+

Allarme ‘ndrangheta: «Milano rischia di diventare Calabria». I soliti magistrati leghisti

dicembre 2, 2011 Redazione

NON DITE CAZZATE. Nella giornata mondiale contro l’Aids, conduttori e giornalisti di Radio 1 hanno ricevuto una e-mail dalla tv di Stato: «Il ministero ha ribadito che in nessun intervento deve essere nominato esplicitamente il profilattico».
Maria Teresa Meli, Corriere della Sera

CUCÙ. (Corrado Passera, ndr) non ha nascosto le magagne in cui ci troviamo – «stiamo rischiando di entrare in recessione» – ma si è detto sicuro che «anche questa volta ce la faremo». «Noi possiamo sorprendere positivamente il resto del mondo».
Roberto Bagnoli, Corriere della Sera

SENNÒ FANNO IN TEMPO A SCAPPARE. La scelta del governo è quella di evitare di comunicare prima di aver fatto qualcosa.
Andrea Riccardi, ministro per l’Integrazione e la cooperazione, Corriere della Sera

LE CESTINEREMO CON ATTENZIONE. Non si tratta di porre condizioni ma di dire le nostre idee. Noi le abbiamo, le abbiamo presentate e ci aspettiamo che non si rimanga sordi e disattenti.
Pier Luigi Bersani, Corriere della Sera

IN QUEL POSTO E IN QUELL’ALTRO. Noi ci stiamo, ma solo se i sacrifici sono equi.
Pier Luigi Bersani, la Repubblica

BALLA CON GLI ORSI. Anche Monti deve sapere che la prossima settimana balleremo come orsi.
Pier Luigi Bersani, la Repubblica

DIVERSAMENTE TASSA. Bruno Tabacci, che coltiva amicizie importanti in questo nuovo governo, profetizza che «una qualche forma di patriomoniale ci sarà, è inevitabile, ma si chiamerà in un altro modo».
Francesco Bei, la Repubblica

CON QUEL CULONE POSSIAMO PERMETTERCELO. Crisi euro, Merkel: seduti su una polveriera.
Titolo di un lancio
Ansa delle 9.06

BREZZA.
Il vento Monti soffi anche a viale Mazzini.
Paolo Garimberti, presidente Rai, contro i consiglieri Pdl, Corriere della Sera

INDIGNADOS BRACCINOS. Il ristorante del Senato invece (…) adesso è mezzo vuoto. Potere dell’antipolitica o della parsimonia?
Monica Guerzoni sull’aumento dei prezzi alla buvette di Palazzo Madama, Corriere della Sera

COL FAMOSO COSTUME ADAMITICO? «Voglio tuffarmi in questo mare», ha scritto Vendola su Twitter cominciando una rincorsa generazionale in Rete.
Alessandra Arachi, Corriere della Sera

TORQUEMERLO/1. Don Verzè indossa i gessati dei mafiosi di una volta, ha la faccia anonima dei veri malacarne, con il cappello che richiama la coppola ma la nega, e forse perché un prete capomafia poteva nascere solo nel Lombardo Veneto, nella terra dei “buli” e dei “bravi”, la terra sì del cardinale Borromeo e di Manzoni ma anche della Colonna Infame, delle opere benedette da don Giussani, dell’investimento economico come pietas, del capitalismo dell’Opus dei
Francesco Merlo, la Repubblica

TORQUEMERLO/2.
Ecco: Dio non si cura del sesso quando si fanno affari. Perché appunto il verbo si è fatto carne.
Francesco Merlo, la Repubblica

TORQUEMERLO/3. E certo la Chiesa se fosse coerente dovrebbe scomunicarlo.
Franceso Merlo contro don Luigi Verzè, la Repubblica

CURRICULUM. Sulla Minetti chiesi notizie a don Verzè che mi diede della garanzie.
Roberto Formigoni intervistato da Rodolfo Sala, la Repubblica

DUE O TRECENTO ANNI. «Il mondo arabo sarà democratico. Ma ci vuole tempo».
Titolo del
Corriere della Sera sulle parole del presidente qatariota dell’Assemblea Onu Al-Nasser

AUMENTIAMOGLI LO SPREAD. Bisogna, ha detto ancora (il ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata, ndr), «accrescere la pressione sull’economia iraniana per convincere la dirigenza che la strada del dialogo è l’unica possibile»
Luigi Offeddu, Corriere della Sera

PROPRIO COME MONTI. La ricetta vincente della Clinton? Fare la rockstar.
Tina Brown, direttore di Newsweek-Daily Beast, intervistata dal Corriere della Sera

NOI? Berlusconi, come anche tu hai detto, era solo un sintomo. La malattia siamo noi italiani.
Adriano Celentano intervistato da Michele Serra, il Venerdì di Repubblica

URGE MISURA CAUTELARE. Marchionne prima dice che la Fiat può lasciare l’Italia, poi smentisce. Al di là delle parole, i fatti dimostrano la volontà di fuga.
Il motto odierno del
Fatto quotidiano

IO NO COMPRARE AL JAZEELA7. Il finanziere franco tunisino Tarak Ben Ammar ha ribadito di non avere «intenzione di comprare» Telecom Italia Media (editore di La7, ndr), «l’ho già smentito dieci volte in tre anni, d’ora in poi proverò a farlo in arabo così mi capiranno meglio».
Corriere della Sera

TOGHE PADANE. «Milano rischia di diventare Calabria». L’allarme dei pm meneghini.
Titolo e sottotitolo del Fatto quotidiano

NON SENZA PREVIO AVVISO DI GARANZIA. Io non voglio parlare di Lucio Magri, che non ho mai conosciuto e non mi sognerei mai di giudicare.
Marco Travaglio, il Fatto quotidiano

PURCHÉ NON SIA TU, AMICO PAOLO. Se la tua vita non appartiene a te, amico lettore, ne sarà padrone un altro essere umano, finito e fallibile non meno di te.
Paolo Flores D’Arcais, il Fatto quotidiano

TRANQUILLO, FAI PURE. Tu hai tutto il diritto di dire che mai e poi mai ricorrerai al suicidio assistito (…). Ma che diritto hai di imporre questo rifiuto a me?
Paolo Flores D’Arcais, il Fatto quotidiano

IL FASCIO QUOTIDIANO. Con che faccia si chiede ai cittadini di fare sacrifici quando questi ciccioni si ostinano a ingrassare a spese della collettività? La guardo, dottor Nicoli Cristiani, la giacca sbottonata, l’occhio metallizzato, il cipiglio incazzato e mi coglie, irresistibile, l’impulso di prenderla a sberle.
Lidia Ravera, il Fatto quotidiano

LE LEZIONI SI SVOLGERANNO REGOLARMENTE. Al liceo Pascal l’occupazione corre su Facebook.
Titolo del Corriere della Sera Milano

IL POPOLO GRIGIO. La rabbia delle mamme antismog: «Pisapia deve avere più coraggio». Una parte del popolo arancione ora sollecita il sindaco a soluzioni più decise.
Titolo e occhiello del
Corriere della Sera Milano

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana