Google+

Belgio, la legge sull’eutanasia per i bambini passerà. Ma si sono «risvegliate le coscienze» dei cattolici (e non solo)

febbraio 11, 2014 Eleonora Mingarelli

Lo scorso 6 febbraio su invito della Chiesa, i cattolici hanno organizzato per la prima volta delle veglie di preghiera in tutto il paese per promuovere il dibattito pubblico con motivazioni lucide e laiche

Belgio. L’attesa per l’approvazione del ddl che estenderà l’eutanasia ai minori scorre più animata del previsto. Il voto finale della legge, passata in Senato e alla Commissione Giustizia della Camera, è previsto per giovedì 13 febbraio, ma la sorpresa dei giorni scorsi è stata la risposta che sta arrivando dalla Chiesa cattolica e, con essa, da parte del popolo. L’arcivescovo di Malines-Bruxelles, André-Joseph Léonard (foto in basso), assieme ad altri vescovi ausiliari ha indetto con un appello ufficiale una giornata di digiuno e preghiera, e così giovedì 6 febbraio tanti cattolici si sono ritrovati in numerose veglie organizzate nelle diverse chiese della diocesi, allo scopo di promuovere il dibattito pubblico e risvegliare le coscienze individuali.

LE CHIESE SI RIEMPIONO. In una nazione in cui nessuno si lamenta anche quando il popolo resta per più di un anno senza governo, dove aborto ed eutanasia sono considerati pilastri sociali indiscutibili, l’appello della comunità cattolica locale è stato accolto con inusuale entusiasmo da credenti e non. Una Chiesa sempre più scarna nei numeri ed abbandonata, dove i luoghi di culto vengono trasformati in mercati pubblici (è quanto successo, ad esempio, alla chiesa di Sainte-Catherine a Bruxelles), ha trovato le forze per riunirsi giovedì scorso con spirito di unità ed obbedienza, mostrando una capacità di iniziativa per nulla scontata.
A Lovanio, ad esempio, nella centrale chiesa di San Pietro c’erano più fedeli di quanti se ne vedono la notte di Natale. Più di mille persone si contavano nella Basilica nazionale Koekelberg a Bruxelles, dove l’arcivescovo Léonard ha celebrato il servizio insieme al vescovo di Gent, estendendo l’invito al Metropolita della Chiesa ortodossa del Benelux, e pure ad un prete anglicano. Le veglie non sono mancate in Vallonia, nelle città di Namur, Basse-Wavre e Liegi.

NON È UN PROBLEMA RELIGIOSO. Ma al di là dei numeri, ad impressionare è l’intelligenza dell’appello dell’arcivescovo di Bruxelles, e il richiamo che le veglie hanno fatto affiorare. L’eutanasia, prima ancora che una questione di credo personale, è un «problema di natura filosofica», ha spiegato Léonard, «minaccia nel lungo termine la società riguardo ai temi della vita, della morte e della libertà umana». In un momento «così cruciale per la società», la Chiesa belga esorta i suoi fedeli con forza e determinazione a «partecipare attivamente al dibattito pubblico». Mettendo in luce non soltanto elementi di fede, quanto piuttosto motivazioni lucide e laiche che si appellano al cuore della ragione. Ci sono infatti domande invalicabili su come sia possibile attribuire ai bambini responsabilità di scelta sulla propria vita. Ma al di là di queste, le previsioni dicono che sarebbero pochissimi i bambini che chiederebbero l’eutanasia, come dimostra anche l’esperienza olandese.
Per questo, i vescovi hanno messo in luce che la legge rischia di trasformarsi in un grimaldello con cui estendere, in futuro, l’eutanasia anche ai disabili, anziani e dementi che hanno perso il «gusto della vita» e si credono ormai di peso per la famiglia. Esempi di eugenetica, ma anche tentativi di uccidere la solidarietà, banalizzare e rendere vano qualsiasi fenomeno di aiuto tra chi è forte e sano verso chi è debole.

UNA PICCOLA NOVITÀ. L’esito del voto appare comunque scontato: la legge verrà approvata e non è un caso che nessuno dei maggiori quotidiani belgi abbia speso mezzo articolo per raccontare quanto accaduto durante le veglie. Tuttavia, il paese sta assistendo in questi giorni ad una piccola novità, difficile da tacere: un risvegliato impegno sociale – seppur ancor tiepido – da parte del suo popolo e una Chiesa che con coraggio richiama alla verità ed esorta a riflettere sulla condizione e libertà umane.
«Non siamo individui indipendenti», diceva giovedì sera monsignor Jean Kockerols dal pulpito di San Pietro a Lovanio, «ma esseri in relazione, che necessitano solidarietà».

«RISVEGLIAMO LA COSCIENZA». L’atmosfera di pace, priva di rabbia e rancore, e il continuo richiamo al perdono da parte dei vescovi durante le veglie di preghiera, lasciano intendere che il problema sia ben più radicale della semplice approvazione o meno della legge. La vera posta in gioco sono ragione e coscienza nella società belga. E se il dibattito sull’eutanasia contribuirà anche solo a far scoprire al popolo cattolico il suo ruolo nella società, allora ne sarà valsa la pena. «Non è troppo tardi, il momento è ora!», è l’invito dell’arcivescovo Leonard. «Risvegliamo la nostra coscienza e, con rispetto, anche quella dei nostri fratelli e sorelle».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. mike says:

    bell’articolo. mons. Leonard non è quello oltraggiato dalle femen? un motivo in più per avere stima di lui.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi