Google+

Belgio, i medici invocano l’eutanasia anche quando «non viene richiesta dal paziente e in assenza di sofferenza»

aprile 17, 2014 Benedetta Frigerio

Società belga dei medici di terapia intensiva: «Accorciare il processo di morte somministrando sedativi al di là del necessario per il benessere del paziente può non solo essere accettabile, ma auspicabile in molti casi»

Un paziente può essere ucciso con l’eutanasia anche se non la richiede? Sì, secondo la Società belga dei medici di terapia intensiva, che ha preso una posizione ufficiale a riguardo in un documento a poco più di un mese dalla legalizzazione  dell’eutanasia infantile in Belgio.

TROPPO POCHE RICHIESTE. Tra i firmatari della dichiarazione “Piece of mind: end of life in the intensive care unit statement” compare anche Jean-Louis Vincent, capo del reparto di terapia intensiva all’ospedale Erasme ed ex presidente della Società belga di terapia intensiva, che aveva auspicato un ulteriore passo legislativo per «condannare l’accanimento terapeutico» e «autorizzare la pratica dell’eutanasia “non richiesta”».
«Dobbiamo spingerci più in là», aveva scritto Vincent, anticipando il documento redatto dalla Società belga di terapia intensiva che ora è stato reso pubblico. Nel testo si legge che purtroppo, anche se «in Belgio ci sono leggi specifiche per trattare i malati terminali con l’eutanasia, meno dell’1 per cento di tutti i decessi si verificano a seguito di eutanasia su richiesta».

«ACCORCIARE IL PROCESSO DI MORTE». Tutta colpa dei «pazienti molto malati che muoiono in terapia intensiva senza poter richiedere l’eutanasia». Per far fronte a questa situazione, il documento propone di porre fine alla vita dei pazienti con un cocktail di sedativi: «Accorciare il processo di morte somministrando sedativi al di là del necessario per il benessere del paziente può non solo essere accettabile, ma auspicabile in molti casi». Ma serve una legge che eviti l’incriminazione dei medici, visto che «in Belgio c’è incertezza sulle conseguenze giuridiche di un processo che comporta la morte in terapia intensiva».

MIGLIORARE LA VITA UCCIDENDO. E se il paziente non volesse essere ucciso con l’eutanasia? Il suo parere non è contemplato e non ce n’è bisogno visto che tutto viene fatto per il suo «benessere». Ovviamente delle «difficoltà possono sorgere», soprattutto se «lo scopo dei farmaci usati per alleviare il dolore nella gestione del fine vita viene confuso come un uso deliberato per accelerare il processo di morte». Ma la somministrazione di dosi massicce di morfina e oppiacei non deve «essere interpretata» come un tentativo di «uccidere, ma come un atto umano per accompagnare il paziente alla fine della sua vita».

«ANCHE IN ASSENZA DI SOFFERENZA». Nelle note il documento si spinge ancora oltre: «Abbreviare il processo di morte con l’uso di farmaci (…) a volte può essere opportuno, anche in assenza di sofferenza, e può effettivamente migliorare la qualità del morire». Per questo «il presente documento si applica ai bambini così come gli adulti». D’altronde se, come aveva dichiarato Vincent, «il primo scopo della medicina» non è più quello di curare ma di guarire, il fine diventa solo «ripristinare la salute o mantenere il benessere del singolo, non la vita a tutti i costi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Sergio says:

    MA QUESTI SONO PAZZI. AUTENTICI ASSASSINI!

  2. augusto says:

    Vedo che nel “civilissimo “Belgio le teorie di Hitler e Stalin sono ben vive! Complimenti !

    • Alessandro says:

      Non dimentichiamoci che le basi razziste ed eugenetiche del nazismo furono mutuate dal pensiero scientifico illuminista e positivista anglosassone, anticattolico e massonico, della seconda metà dell’800. Ivi incluse molte idee dell’osannato San Darwin.
      La riproposizione delle stesse idee in salsa modernista/razionalista in un contesto ormai totalmente laico come il Belgio, non a caso culla anche geografica della tecnocrazia europea, non deve assolutamente stupire.

      • augusto says:

        Hai ragione ,Alessandro, non mi stupisce infatti che certe idee criminali trovino terreno fertile soprattutto nel Nordeuropa e negli Stati Uniti, da un paio di secoli il Potere ha seminato bene, da quelle parti purtroppo…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download