Google+

Ad Aleppo è tornata l’acqua, ma non la vita. Qui si può morire sotto le bombe in qualunque momento. Reportage

luglio 20, 2015 Rodolfo Casadei

Sabato notte si sono riaperti i rubinetti grazie a un apparente accordo ribelli-regime. Ma le due metà della “nuova Sarajevo” sono ancora devastate dalla guerra

siria-aleppo-guerra-ansa

DAL NOSTRO INVIATO AD ALEPPO (SIRIA)

La grande sete di Aleppo è finita, se Dio vuole e se gli uomini manterranno i patti. Sabato notte alle due, dopo 25 giorni di tribolazione, l’acqua ha ripreso a fluire dai rubinetti fra il tripudio generale. Ci sono ancora intoppi, sospensioni, quartieri non ancora raggiunti dal rinnovato flusso, ma il peggio sembra passato. Lungo i marciapiedi le animate code davanti ai camioncini cisterna, ai punti di disinfezione e filtraggio di acque contaminate allestiti dalla Mezzaluna Rossa e da una Ong svedese, le distribuzioni attraverso flessibili e rubinetti collegati ai pozzi artesiani delle chiese cristiane si fanno rare fino a disperdersi. Nell’ultima settimana queste ultime erano diventate l’àncora di salvezza di centinaia di migliaia di persone esauste, la borghesia e la classe media peculiari alla città, spesso denigrati dagli altri siriani per la loro presunta spocchia, trasformate in una schiera stremata e maleodorante. Le liti e le male parole per discussioni sui quantitativi prelevati – erogati gratuitamente e senza discriminazioni su base religiosa da tutte le parrocchie – non mancavano.

CHI CONTROLLA L’ACQUA. Il problema dell’acqua ad Aleppo dipende dal fatto che le due centrali di pompaggio che distribuiscono l’acqua, proveniente dal lago Assad alimentato dall’Eufrate 90 chilometri a nord della città, a tutto l’abitato si trovano in territorio sotto controllo ribelle. Fino a qualche tempo fa costoro hanno usato con parsimonia l’arma della sete, cioè la possibilità di sospendere l’erogazione dell’acqua alla parte ovest della città, quella sotto il controllo governativo e la più popolata. Dei 2 milioni e mezzo di abitanti che risiedevano nella Milano di Siria prima della guerra, oggi ne restano probabilmente la metà, 300 mila dei quali nell’est sotto il dominio di 17 bande di ribelli diverse (senza contare i gruppi minori), e gli altri, 1 milione circa, nell’ovest. Parte dell’antica popolazione dell’est è fuggita lontano, fino all’Europa con le note peripezie, parte è sfollata nel settore ovest. Non per buon cuore i ribelli lasciavano che gli aleppini di ogni quartiere avessero accesso alle risorse idriche, ma in cambio di forniture da parte governativa: diesel, elettricità, eccetera.

POCHE ORE DI SPERANZA. Ora è successo che nel mese di giugno un attacco di Jabhat al Nusra ha messo fuori uso la centrale termoelettrica di Mansur, che alimentava le centrali di pompaggio di Azeib e di Suleyman al Arabi. A quel punto c’erano solo due modi per rimettere in funzione gli acquedotti: o usare le pompe alimentate da motori diesel presenti presso i due centri, o attingere alla rete elettrica della centrale che sta nei pressi di Hama, 120 chilometri più a sud. La seconda ipotesi è stata scartata dopo che i ribelli hanno chiesto una quantità esorbitante di kilowattora (da dirottare verso le regioni dell’Idlib da loro recentemente conquistate) per dare il loro via libera all’operazione. Grazie alla mediazione della Mezzaluna Rossa, si è concordato che i governativi inviassero cinque autobotti ad Aleppo est per riavviare i centri di pompaggio. L’11 luglio l’acqua ha ripreso a scorrere nelle superstiti tubature di tutta la città, con grande tripudio generale, ma solo per poche ore: il diesel è andato subito esaurito perché il carburante messo a disposizione è stato dirottato dai ribelli ad altro uso (forse anche rivenduto).

siria-aleppo-guerra-ribelli-ansa-ap

LA SOLUZIONE (PRECARIA). Il negoziato è ripreso, e la soluzione apparentemente trovata è che, fino a quando Mansur non sarà riparata, si farà affidamento sull’elettricità proveniente dalla centrale di Hama per far funzionare le pompe, e una certa quantità di essa, inferiore a quella chiesta in prima battuta dai ribelli, verrà messa a loro disposizione. Naturalmente tutti i lavori di riparazione e di manutenzione sono a carico del governo, e governativo è il personale tecnico che periodicamente si reca alle stazioni di pompaggio per mantenerle funzionanti. Non hanno nessuna garanzia per la loro sicurezza: spesso vengono maltrattati, umiliati, derubati delle razioni alimentari. Eroi anonimi e quotidiani del servizio alla città.

MANCA ANCHE LA LUCE. L’acqua potabile non è l’unico problema di quella che giustamente il cardinal Scola ha definito la “nuova Sarajevo”. Con le centrali elettriche quasi completamente fuori uso, la rete statale non garantisce più di un’ora o due al giorno di elettricità, che chi può si produce da sé con generatori diesel piazzati ormai ovunque, persino nelle aiuole centrali delle piazze – in quest’ultimo caso a condizione che l’elettricità prodotta serva anche all’illuminazione pubblica. Gli artigiani più umili, che non possono pagarsi l’elettricità privata, hanno trasportato le loro attività sul suolo pubblico, senza aggravi impositivi: un barbiere di un negozio di una strada secondaria ha trasportato due poltrone e un lavabo sul marciapiede davanti al negozio, e lì sta servendo i clienti. Dal 24 marzo, poi, la città è priva di connessione a Internet: per gli studenti, soprattutto quelli universitari, è una vera tragedia.

COME BEIRUT E SARAJEVO. E naturalmente c’è l’incubo della mancanza di sicurezza. Aleppo è percorsa per chilometri e chilometri da una lunga linea del fronte che separa governativi e ribelli e che passa fra le vie e fra le case come a Beirut negli anni Settanta e Ottanta e come a Sarajevo negli anni Novanta. In qualunque momento un colpo di mortaio o una bombola di gas riempita di esplosivo C4 e schegge di ferro può cadervi sulla testa o sulla casa se vivete (come la maggior parte degli aleppini) nella parte governativa, un proiettile di artiglieria o un missile di un caccia possono centrarvi se vi aggirate in territorio ribelle. In questi ultimi tre giorni esplosioni e intensi scambi di arma da fuoco si sono concentrati nelle ore notturne.

siria-aleppo-guerra-esercito-ansa

LE ZONE “CALDE”. Le due metà in guerra di Aleppo sono incastrate in un modo che ricorda il cerchio orientale contenete i princìpi dello ying e dello yang, con la specificità che le aree fuori dal similcerchio, cioè le campagne e aree industriali adiacenti, sono scambiate: a ovest di Aleppo ovest ci sono forze ostili al governo, e a est di Aleppo est ci sono reparti governativi che sembrano voler accerchiare i ribelli. I combattimenti più intensi, con maggiore spiegamento di mezzi da una parte e dall’altra, si svolgono nei sobborghi a nord della città, anche se recentemente le coalizioni ribelli hanno tentato una controffensiva più a sud, all’altezza della località di Zahra. Ma dentro alla città una guerra di attrito fatta di bombardamenti sporadici, tiri di cecchini, autobombe falcia vite e semina feriti in una lunga catena di quartieri attraversati dalla linea del fronte, cominciando da al Hamadaniya, che accoglie il visitatore con un paesaggio di palazzoni devastati dagli attacchi aerei governativi che hanno permesso la riconquista di parte del quartiere a caro prezzo, per proseguire con Achrafieh, Azizie, Sdeide, Midan: tutti quartieri dove migliaia di civili vivono a meno di 500 metri dai cecchini e dai mortai dei ribelli.

STORIA DI AHMAD. I quattro ospedali pubblici di Aleppo ovest sono costantemente debordati dal numero dei feriti negli attacchi, e inviano parte di essi verso la decina di cliniche private presenti in città che dispongono di sale operatorie. Tre fissatori inficcati nella gamba destra, semiseduto in un letto dell’ospedale Saint Louis, gestito da suore francesi che fanno lavorare chirurghi siriani, Ahmad è il simbolo vivente dell’irriducibilità del valore della vita umana in un luogo e in un tempo dove ogni circostanza sembra dire che la vita degli esseri umani vale meno di nulla. Tre anni fa, quando aveva appena quindici anni, un colpo di mortaio lo ha ferito gravemente alla gamba destra mentre aiutava suo padre a vendere biscotti per strada: l’unica attività economica di una famiglia musulmana poverissima di nove persone. Da allora Ahmad ha subìto ben 20 operazioni chirurgiche nel tentativo di far recuperare un po’ di funzionalità alla sua gamba. Il costo sarebbe stato insostenibile anche per una famiglia benestante, ma Ahmad e la sua famiglia hanno trovato benefattori che non li hanno mai abbandonati, fino a questo letto di un ospedale dove è stato ripetutamente curato. La madre, vestita di nero, leva le braccia al cielo, loda e ringrazia Dio e benedice tutti i presenti al capezzale del figlio, giornalista compreso.

Foto Ansa e Ansa/Ap

Leggi anche la corrispondenza di Rodolfo Casadei da Damasco e il suo viaggio tra le chiese distrutte di Aleppo


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

14 Commenti

  1. Al_Zbib scrive:

    Press TV aveva riferito che Stati Uniti e sauditi iniziarono a finanziare i ribelli siriani, divenuti SIIL, nel 2012. Dopo aver diretto gli islamisti libici per rovesciare Gheddafi, i sauditi e i loro compari despoti del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) cercarono di far cadere il governo Assad. Il maggiore azionista di News Corporation, proprietario del Wall Street Journal e dell’operazione psicologica Fox News, è Rupert Murdoch. Il 2° maggiore proprietario è il principe saudita Alawid bin Talal. La collusione anglo-statunitense con gli interessi sionisti israeliani è ben documentata. Meno noto è il ruolo dei Saud di finanziatori della Fratellanza musulmana e dei complotti di CIA/Mossad/MI6 nel mondo. La Fratellanza Musulmana dei Saud e i cabalisti israeliani condividono una lunga storia con i massoni dell’intelligence inglese risalente alle Scuole dei Misteri egizi. L’oligarchia dei banchieri Illuminati gestisce tutte e tre le società segrete e controlla l’economia mondiale attraverso il monopolio delle banche centrali e l’egemonia sul traffico di petrolio, armi e droga. Tale cabala di miliardari satanisti guidata dai Rothschild crea fanatici nelle fedi ebraica, cristiana e musulmana per dividere i popoli e massimizzare i profitti di guerra.

  2. Leo scrive:

    @Al_Zbib

    Da quando la Chevron scoprì il petrolio in Arabia Saudita nel 1938, la monarchia dei Saud ha sempre finanziato le avventure militari segrete dei Rothschild. Fa parte dello scambio petrolio per armi.

    • yeye scrive:

      Ciao Amon! Andiamo al tiro a segno?

    • underwater scrive:

      Mi chiedo che film guardiate al posto della realtà.

    • Raider scrive:

      Saud e Rotschild… I miliardari satanisti – che vogliono l’immigrazione, però, che sta portando all’islamizzazione progressiva dell’Occidente: su questo, i filo-islamici e complottisti assortiti glissano…
      E di mezzo, come protagonisti nel ruolo che il complottismo nazi-islamico gli prescrive, ci sono sempre gli islamici, mai gli altri, siano buddisti o indù, ecc…
      E lo “scambio petrolio per armi”: e petrolio-immigrazione, le armi ai sauditi – cui il greggio è stato sempre pagato quanto ai petrolieri texani o ai nigeriani – sono poca cosa, rispetto all’arsenale di regimi arabi loro amici e nemici…
      I paranoici, fra cui il multinick che, nell’occasione, si sfila gli avatar in siciliano per tornare al marchio d’infamia d’origine, andranno avanti fino a esaurimento scorte di balle, scemenze e psico farmaci. E sbatteranno sempre su di un muro come questo:
      NO ALL’ISLAM!

  3. Francesco scrive:

    L’acqua è tornata per sole 8 ore il giorno di sabato 18/7. Poi l’erogazione è stata di nuovo sospesa.

  4. Al Zbib scrive:

    Il vero motivo delle sanzioni all’Iran era il ruolo strategico della repubblica iraniana che è il capofila nella regione del cosiddetto “Fronte della Resistenza” o del “Rifiuto” che comprende i suoi alleati regionali come il movimento sciita di resistenza Hezbollah in Libano (protagonista di una clamorosa vittoria nell’ultima guerra del 2006 contro Israele), il governo laico di Assad in Siria, il governo a base sciita di Bagdad (che si barcamena tra Iran e USA), l’attuale governo yemenita di Sanaa, vari movimenti sciiti come quello attivo nel Bahrein, frange della stessa Resistenza Palestinese. L’Iran ha goduto inoltre dell’appoggio della Russia (oltre che di Cuba e del Venezuela), e di quello più sfumato della Cina e degli altri BRICS, che comunque gli ha permesso di sopravvivere e crescere.
    Insomma un vero pericolo per chi, come USraele, persegue la strategia della destabilizzazione.

  5. Babbaluciu scrive:

    @Al_Zbib

    Fino a poco tempo fa le sanzioni all’Iran, considerato uno stato “canaglia” , erano state mantenute da una vasta coalizione guidata dagli Stati Uniti, dall’Arabia Saudita e da Israele. I paesi europei della NATO si erano accodati, come al solito, anche contro i propri interessi. Ingenti fondi iraniani all’estero, per centinaia di miliardi di dollari, erano stati sequestrati (come accaduto anche nel caso della Libia di Gheddafi). All’Iran era stato impedito di vendere ad un gran numero di stati aderenti alle sanzioni il petrolio ed il gas, di cui il paese è ricchissimo, mentre era impedita l’importazione di gran parte dei prodotti tecnologici.
    La scusa per questi provvedimenti, che tendevano obiettivamente a soffocare l’economia del paese, erano le presunte finalità militari del programma nucleare iraniano. In realtà l’Iran non ha mai violato alcun trattato internazionale sul nucleare (a differenza del suo principale accusatore, Israele, che non ha mai voluto firmare il Trattato di Non Proliferazione Nucleare e si è dotato, con l’aiuto di vari paesi occidentali, di centinaia di bombe atomiche e relativi vettori); si è sempre sottoposto alle ispezioni dell’IAEA, ente preposto al controllo nel campo nucleare; non ha mai costituito una reale minaccia nucleare a breve-medio termine

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana