Google+

«È giusto che una donna abortisca solo perché il nascituro è femmina. Ogni scelta va accettata»

settembre 19, 2013 Benedetta Frigerio

Lo ha detto Ann Furedi, direttrice della più grande clinica abortiva della Gran Bretagna, a sostegno della decisione dei giudici che non hanno voluto perseguire due medici che hanno fatto aborti selettivi

«Se le donne non sono felici del sesso dei figli possono abortire (…). O accettiamo fino in fondo ogni scelta della madre, oppure no». È il ragionamento di Ann Furedi (nella foto), la direttrice della più grande clinica abortiva della Gran Bretagna, la British Pregnancy Advisory (Bpas), a margine della decisione del Procuratore generale inglese di non perseguire i due medici che hanno acconsentito alla richiesta di abortire di due donne che non volevano una figlia femmina.

IL POTERE DELLA SCELTA. Il discorso della nota pro choice non fa una grinza: «Non puoi essere pro choice, salvo quando la scelta non ti piace». Ed è la logica della legge che permette l’aborto dei bambini malati, ma anche sani nel caso in cui la loro nascita leda la psiche della madre e della famiglia. Furedi ha continuato spiegando che la legge permette l’aborto nel caso in cui «il sesso del figlio danneggia la salute mentale della donna che non lo accetta», così come lo autorizza se «una donna non vuole il bambino perché povera, abbandonata o ancora non se la sente». Qual è la differenza? Nessuna, in entrambi i casi il figlio è un peso per la madre o la sua famiglia e questo basta ad abortirlo.

200 MILA ABORTI L’ANNO. In Inghilterra si verificano 200 mila aborti all’anno e il colosso Bpas, che ne pratica circa 55 mila (più di un quarto del totale), riceve 26 milioni di sterline dallo Stato, in gran parte pagate dai contribuenti. Il fenomeno dell’interruzione di gravidanza in base al sesso sembra sia in crescita con l’immigrazione asiatica. Non a caso Furedi ha concluso: «È giusto che una donna incinta di una femmina non possa abortire se la sua famiglia la disonorerà, se lei perderà la casa, suo marito e chi ama?». La domanda è retorica, e a ragion veduta, dal momento che la legge prevede che una difficoltà della donna sia sufficiente per giustificare l’eliminazione di una vita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. mike scrive:

    oh meno male così si dimostra che ciò che penso da tempo è vero. vogliono riportarci indietro di 2000 anni al mondo pagano o comunque non cristiano. l’infanticidio delle bambine è praticato ancora in africa ed asia. è forse l’ingrediente più bastardo (qui ci vuole) per contenere le nascite. no che … il mondo pagano … con le sue pratiche … in fondo che è? cosa ha come risultato che è comunque costante?

  2. mike scrive:

    uccidono le fonti della vita così, anche in tal modo, si contiene la demografia. anche i pagani ed in genere i non cristiani lo fanno. da sempre. che bello (?!= che brutto) si ritorna al paganesimo. e non solo nell’infanticidio delle femmine.

  3. Fael scrive:

    Ma le femministe dove sono?
    Quelle che hanno voluto la legge sul femminicidio?
    AH dimenticavo non nate = niente diritti

  4. mike scrive:

    della serie quante se ne dicono per rimbambire la gente. la nascita lede la psiche della donna. o la donna è povera, abbandonata o non se la sente. o il nascituro è malato. intanto lo stato inglese dà assegni familiari ad un musulmano per ogni moglie che ha. magari qualche musulmano inglese avrà problemi a trovare moglie se qualcuno ne ha più di una però intanto più mogli, e mantenute dallo stato inglese, sono più figli. insomma le inglesi devono abortire senza troppi problemi (anzi meglio sbrigarsi prima che ci ripensino) mentre le musulmane per fare figli sono aiutate dallo stato. già l’inghilterrà è poco cristiana. di questo passo…

  5. Luke scrive:

    E’ solo un’assassina. Vergogna.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana