Google+

Aborto. Nuova legge in Kansas riconosce che la vita comincia «al momento della fecondazione»

aprile 8, 2013 Benedetta Frigerio

Si inasprisce la lotta in America tra chi sostiene l’aborto e i suoi oppositori. Venerdì sera il Parlamento del Kansas ha approvato una misura storica.

Dopo il North Dakota anche il Kansas ha dato una svolta importante alla legislazione americana sull’aborto segnata dalla famosa sentenza “Roe cotro Wade” della Corte Suprema, che nel 1973 legalizzò l’aborto. Venerdì sera il Parlamento del Kansas ha approvato con 118 voti contro 40 una misura in cui si legge che la vita comincia «al momento della fecondazione». La legge prevede anche lo stop alle agevolazioni fiscali, indirette, per gli enti abortisti. Nessun operatore sanitario che effettua aborti potrà più accedere ai corsi scolastici e di educazione sessuale, né impartire lezioni su quello che i medici devono fare di fronte a una richiesta di aborto. Le donne incinta che affrontano le cure per il tumore dovranno poi essere informate dei rischi, fino ad ora taciuti, per la vita del bambino.

USA SPACCATI IN DUE. A preoccupare gli abortisti è il linguaggio del provvedimento: la frase sulla vita che comincia «al momento della fecondazione», secondo alcuni, potrebbe essere usata per agevolare i processi contro chi pratica l’aborto. Ma la vera paura è che tali misure aprano alla revisione di tutta la normativa abortista. L’America pare insomma sempre più spaccata in due e l’amministrazione Obama non favorisce il dialogo. All’agenzia del farmaco americana (Food and Drug Administration) è stato chiesto infatti di liberalizzare la vendita della pillola del giorno dopo alle minorenni senza il consenso dei genitori.

SCONTRI CON LA CHIESA.
 Gli scontri interni alla società americana non finiscono qui. Giovedì scorso l’amministrazione Obama ha cercato di bloccare la richiesta dell’arcidiocesi cattolica di New York in cerca di documenti pubblici della Casa Bianca inerenti alla copertura sanitaria dei contraccettivi, per vedere se la procedura lede la libertà religiosa dei contribuenti e per capire a cosa andranno incontro coloro che si rifiuteranno di versare i propri soldi nelle tasche della pianificazione famigliare sostenuta dallo Stato. La risposta del presidente, che formalmente non può nascondere atti pubblici, è stata vaga. Obama e i suoi consiglieri hanno parlato «di processo troppo gravoso» per adempiere alla richiesta, citando una sentenza della Corte Suprema per cui le cause civili mosse contro l’ufficio esecutivo del Presidente sono inadeguate se non avanzate in circostanze straordinarie. Ma non è detto che la Chiesa si fermerà.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta domenica 5 giugno a Treiso il primo cicloraduno che promuove un nuovo modo vivere la bici. Come contorno i noccioleti e i vigneti delle Langhe

A trent’anni dal lancio la maxi enduro tedesca è ancora il punto di riferimento del settore e regina indiscussa delle vendite pur non essendo la più veloce, la più potente e la più confortevole eppure…

Il side by side giapponese è un veicolo da puro divertimento. Il tricilindrico 1.0 si accompagna a sospensioni dall’escursione monstre e a un peso inferiore a 700 kg. È disponibile anche in versione omologata per l’uso stradale con prezzi da 26.195 euro.

È la Clio più estrema mai prodotta, forte di carreggiate allargate, assetto rivisto in ottica racing, cambio manuale a 6 marce e, soprattutto, del 2.0 turbo da 275 cv di derivazione Mégane RS Trophy. Per ora è una concept, ma potrebbe venire prodotta in piccola serie.

Seconda avventura al trofeo enduro del nostro "tapascione", che questa volta ha dovuto vedersela con il maltempo...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana