Google+

Una “sentenza” (si fa per dire) contro il Tav

novembre 9, 2015 Marco Margrita

Il Tribunale permanente dei Popoli, no global e di sinistra, ha “condannato” la Torino-Lione. I trenocrociati esultano ma è solo una faccenda simbolica

Tav: manifestazione a Firenze, scritte e fumogeni

Il Tribunale permanente dei Popoli ha “condannato”, insieme a una serie di altre grandi opere, la Torino-Lione. Dal 5 novembre a ieri – quando la “sentenza” è stata letta ad Almese, alle porte della Val Susa – l’organismo ha svolto a Torino la sua sessione conclusiva sul tema. Il ricorso era stato presentato dal Controsservatorio Valsusa, come avevamo già scritto su queste colonne, denunciando nientemeno che “violazione dei diritti fondamentali in Val di Susa”.

Ora la cosa sembra avere una grande rilevanza, se non si sa che questa è tutta una faccenda simbolica. E pure un po’ esagerata.
Il “tribunale” è un think-thank d’opinione internazionale, autonominatosi tale senza alcuna legittimità giuridica, istituzionale o mandato internazionale. Fondato a Bologna il 24 giugno 1979 su iniziativa del senatore Lelio Basso, è chiaramente collocabile nei lidi della sinistra estrema e no global.

Sotto “processo” erano enti e società costituiti per la promozione e attuazione del progetto Torino-Lione, il Governo italiano, alcuni funzionari preposti alla sua realizzazione, la Commissione Petizioni del Parlamento europeo ed il coordinatore del Corridoio Mediterraneo designato dalla Commissione Europea nell’ambito delle infrastrutture europee di trasporto.

Il Tpp ha affrontato, accomunandoli tutti sotto la definizione di Grande Opere Inutili e Imposte, gli esempi del Mose di Venezia, del Muos di Niscemi, del sottoattraversamento ferroviario a Firenze, dell’aeroporto di Notre-Dame-des-Landes (Fr), delle linee ferroviarie ad alta velocità HS2 in Gran Bretagna e nei Paesi Baschi, della nuova stazione di Stoccarda, della miniera d’oro a Rosia Montana in Romania ed di altri casi in Europa e in Messico.

Il “tribunale” sostiene di aver constatato che sono stati violati dai governi (italiano e francese) i diritti dei cittadini ad essere consultati dando valore effettivo a queste consultazioni per esaminare tutte le opzioni alternative possibili per le grandi opere senza scartare l’opzione “zero”. Per le grandi opere (italiane e europee) il giudici raccomandano la “sospensione dei lavori sino a quando non siano garantiti i diritti dei cittadini”. I “giudici”, inoltre, raccomandano al governo italiano la rivisitazione della Legge Obiettivo e dello Sblocca Italia, che impedirebbero la consultazione della popolazione coinvolta nella realizzazione delle grandi opere.

Di fatto è stata fatta propria la narrazione del movimento che si oppone alla nuova linea ferroviaria, arrivando a parlare di “un’occupazione militare della Val di Susa, che deve immediatamente cessare”.
Dalle parti dei trenocrociati si parla di una sentenza storica. Se solo fosse una sentenza…

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. angelo says:

    Ovviamente su RAI RADIO 3 si è molto enfatizzata la cosa.
    E si è molto difeo erri de luca.
    Quando la scemenza e l’ evesione è messa a carico dei cittadini…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.