Un magistrato con le palle

Piero Tony sferza i dei colleghi della Corte costituzionale per la «disarmante superficialità» delle motivazioni della sentenza con cui hanno legalizzato l’eterologa in Italia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •